Machiko Kodera - Opere dal 1986 al 2009 3105 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/05/2019
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO VENEZIA ​ Via Del Plebiscito 118 Roma 00186

Roma - dal 29 aprile al 27 maggio 2010

Machiko Kodera - Opere dal 1986 al 2009

Machiko Kodera - Opere dal 1986 al 2009
gli innamorati, 1991
 [Vedi la foto originale]
PALAZZO VENEZIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Del Plebiscito 118 (00186)
+39 0669994299
palazzovenezia.dir@arti.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'esposizione viene presentata a Palazzo Venezia, nei Nuovi Spazi Espositivi al Pianoterra, recentemente ristrutturali e aperti al pubblico, ha una caratteristicha precisa: è una mostra che ripercorre tutto il lungo iter creativo della scultrice nipponica.
orario: dalle 09.00 alle 19.00 dal martedi a domenica.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 29 aprile 2010. ore 18
curatori: Emanuela Garrone
autori: Machiko Kodera
note: L'iniziativa è stata possibile grazie alla collaborazione della Fondazione Crocetti, dell'Ambasciata Giapponese e dell'Istituto Giapponese di Cultura.
genere: arte contemporanea, personale
email: fondazione.crocetti@libero.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Soprintendenza per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico per il Polo Museale della Città di Roma ospita dal 30 aprile al 27 maggio 2010 la mostra della scultrice giapponese Machiko Kodera.

L'iniziativa è stata possibile grazie alla collaborazione della Fondazione Crocetti, dell'Ambasciata Giapponese e dell'Istituto Giapponese di Cultura.

E' quindi il risultato di una felice cooperazione tra istituzioni diverse con l'obbiettivo di realizzare un'esposizione monografica dedicata alla scultrice Machiko Kodera, attiva in Italia già da molti anni.

Nata a Hakodate, Hokkaido (Giappone) nel 1950, la Kodera dopo una prima formazione artistica nel suo paese natale, ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Roma, con Venanzo Crocetti, raggiungendo il diploma nel 1985.

Da allora la sua carriera si è svolta tra Italia e Giappone ed è costellata di mostre e premi internazionali.

L'esposizione che presentiamo a Palazzo Venezia, nei Nuovi Spazi Espositivi al Pianoterra, recentemente ristrutturali e aperti al pubblico, ha una caratteristicha precisa: è una mostra che ripercorre tutto il lungo iter creativo della scultrice nipponica.
Le opere presenti coprono infatti un lungo arco di tempo: dalle prime sculture della fine degli anni '80 fino alle più recenti sculture, realizzate in occasione di questa manifestazione.

Si tratta di una rassegna in cui la poetica della Kodera, fondamentalmente incentrata sul corpo femminile, si esprime appieno. Opere come Tre generazioni, Aurora o la serie delle danzatrici, sono testimonianza della creatività e della grande maestria tecnica di quest'artista che, utilizzando la tecnica a tutto tondo, tipica della tradizione italiana, dà valore simbolico alla rappresentazione del nudo, soprattutto femmnile.

Il significato profondo unito alla grande eleganza formale che le opere della Kodera emanano, sono il risultato di una lunga carriera vissuta tra diverse culture e riconosciuta in tutto il mondo.

L'originalità del percorso creativo dell'artista nipponica può essere apprezzato dal pubblico romano proprio grazie a questa mostra che è un'importante occasione per riflettere sul valore degli scambi culturali tra paesi, come l'Italia e il Giappone, lontani geograficamente, ma entrambi estremamente sensibili ai valori dell'arte.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram