Elisabetta Conte - Fragile Works 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STUDIO ABATE ​ Via Dei Sabelli 36 Roma 00185

Roma - dal 29 aprile al 31 maggio 2010

Elisabetta Conte - Fragile Works

Elisabetta Conte - Fragile Works

 [Vedi la foto originale]
STUDIO ABATE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Sabelli 36 (00185)
+39 06 445 7703
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Elisabetta mostra soprattutto una notevole abilità nel toccare nuovi registri compositivi e nuove forme al di là della pura linearità e della semplicità formale dei grandi “lenzuoli” o degli interventi “a tema” già esibiti.
orario: dalle ore 16.00 alle ore 20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 29 aprile 2010. ore 21
ufficio stampa: flavio@alivernini.com
autori: Elisabetta Conte
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si inaugura giovedì 29 aprile dalle ore 21.00 la mostra personale “Fragile works” di Elisabetta Conte. Teatro della rappresentazione artistica sarà il prestigioso spazio espositivo dello Studio Abate. “Con una “messa in scena” come quella che il nostro spazio accoglie e vi propone, - afferma il Maestro Claudio Abate - Elisabetta mostra soprattutto una notevole abilità nel toccare nuovi registri compositivi e nuove forme al di là della pura linearità e della semplicità formale dei grandi “lenzuoli” o degli interventi “a tema” già esibiti. Colpisce però che ciò possa avvenire in stretta relazione e in piena continuità con i segni e con le notazioni che sin dall’inizio rendono così pittorico il suo lavoro e la sua capacità espressiva. Piace dunque, e piacerà a chi ancora non la conosce, questa continuità che senza svolte troppo critiche e senza traumi sa evolvere verso uno spazio più concreto e più materiale. Attrae anche questa apertura di discorso priva di retorica e in cui si sfugge alla tentazione della didascalia e del facile insegnamento. Un nuovo, secondo inizio tutto da guardare e da valutare”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram