Nicola De Maria 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 30 gennaio al 9 maggio 2004

Nicola De Maria
[leggi la recensione]

Nicola De Maria
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra antologica di Nicola De Maria che MACRO presenta nei suoi spazi di Via Reggio Emilia a partire dal 30 gennaio 2004, è la prima grande esposizione che un museo pubblico italiano dedica all’artista.
vernissage: 30 gennaio 2004. ore 18.00
editore: ELECTA
curatori: Achille Bonito Oliva, Danilo Eccher
autori: Nicola de Maria
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Affermato sul piano internazionale, Nicola De Maria esegue appositamente per il MACRO quattro grandi dipinti su parete che definiscono quattro sale dedicate ai temi più significativi della sua produzione pittorica: il “regno dei fiori”, l’”astratto”, il “materico” e i “notturni”. L’artista ha lavorato con pigmenti su tele di quattro metri per sei realizzando in situ dei grandi ambienti pittorici, ai quali si aggiunge una selezione di opere su tela che supportano la lettura del percorso artistico di Nicola De Maria sia da un punto di vista tematico che cronologico.

Note biografiche
Nato a Foglianise (Benevento) il 6 dicembre 1954, Nicola De Maria vive e lavora a Torino.
La prima produzione di disegni a matita, pastello, olio e acquerelli è la premessa alla definitiva scelta linguistica dell’artista che trova nella pittura il mezzo più appropriato per esprimersi.
Alle opere su tela si affiancano, dalla fine degli anni Settanta, i dipinti murali che svelano la spiritualità e il lirismo dei suoi lavori: trascende così dai confini del dipinto e occupa lo spazio espositivo con la creazione di ambienti.
Il suo lavoro, che si concentra sull’astrazione pura, è caratterizzato da un brillante cromatismo con il quale recupera le antiche tecniche utilizzate dagli antichi maestri dell’affresco, rinnovando il rapporto con la tradizione pittorica e con la cultura classica.
Aderisce al gruppo della Transavanguardia partecipando a numerose esposizioni collettive curate da Achille Bonito Oliva, realizzando una serie di lavori non figurativi che oscillano tra il grande e il piccolo formato.

Tra le numerose esposizioni personali si segnalano quelle presso le Gallerie Sperone Westwater (New York), Lelong (Parigi), Col (Osaka), Cardi (Milano), Toselli (Milano), Karsten–Greve (Colonia), Musèe des Beaux Arts Nimes (1994), Kunstverein Ludwigsburg (1994), Liechtensteinische Staatliche Kunstsammlung, Vaduz (1998) e la partecipazione alla LXVIV Biennale di Venezia (1990).

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram