Pascale Marthine Tayou 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA ​ Via Nizza 138 Roma 00198

Roma - dal 30 gennaio al 9 maggio 2004

Pascale Marthine Tayou
[leggi la recensione]

Pascale Marthine Tayou
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nizza 138 (00198)
+39 060608
macro@comune.roma.it
www.museomacro.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il giovane artista camerunense, Pascale Marthine Tayou espone un nuovo lavoro creato appositamente per il MACRO: “Omnes Viae Romam Ducunt” (Tutte le Vie portano a Roma), un progetto in divenire focalizzato sulla possibilità di incontro tra famiglia, emigrazione, tradizioni e religioni differenti, che richiama parte dei temi ricorrenti nel lavoro dell’artista.
vernissage: 30 gennaio 2004. ore 18
editore: ELECTA
autori: Pascale Marthine Tayou
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’opera prende spunto da una lettera scritta alla madre in Camerun invitandola a venire a Roma. L'installazione composta da fotografie e filmati è come un allestimento teatrale dell'invito rivolto alla madre, in attesa di una risposta. In un secondo momento sarà presentato il film con la narrazione della visita della madre a Roma.

In occasione della mostra, la casa editrice Electa presenta un catalogo illustrato bilingue (italiano/inglese) con testi di Jerômè Sans, critico e curatore del Palais di Tokyo e Philippe Pirotte.

Note biografiche
Nasce a Yaoundè in Camerun nel 1967. Vive e lavora tra Yaoundé e Bruxelles.
Nelle sue opere i richiami alla cultura africana sono talvolta dominanti, altre volte assenti, sostituiti da un intervento diretto sul sistema dell'arte occidentale. L'artista propone progetti aperti all'imprevisto, la cui realizzazione dipende spesso dal materiale accumulatosi sul luogo dell'esposizione: tale modalità di procedere è il segno di un nomadismo contemporaneo.
Tayou realizza quadri, video e installazioni complesse assemblando la pittura e i video con materiali riciclati e rifiuti urbani. Attraverso il suo lavoro riesce a trasformare materiali di scarto in istallazioni che suggeriscono una continua ricerca di nuovi percorsi ed esiti culturali. Tayou riesce a dare una lettura inedita di alcuni oggetti quotidiani, trasformando gli spazi espositivi in una sorta di arena in cui concentrare le energie del pubblico, Tayou riesce a dare una lettura inedita di alcuni oggetti quotidiani.
Le sue opere sono state esposte in diversi musei, gallerie e rassegne d’arte: Biennale di Istanbul (2003), Villa Medici, Roma (2002), Documenta 11, Kassel, Biennale San Paolo, Brasile (2002), Arco, Madrid (2001), Castello di Rivoli, Torino (2000), Biennale di Lione, Francia (2000), Biennale di Liverpool (1999), Galerie Bernard Dulon, Parigi (1998).

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram