Mostra D.O.C.: Degustazione Opere Contemporanee - Haero 3095 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VINOSTERIA SOLATIVO ​ Corso Re Umberto 1/a Ivrea 10015

Ivrea (TO) - dal 15 ottobre al 25 novembre 2004

Mostra D.O.C.: Degustazione Opere Contemporanee - Haero

Mostra D.O.C.: Degustazione Opere Contemporanee - Haero

 [Vedi la foto originale]
VINOSTERIA SOLATIVO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Re Umberto 1/a (10015)
+39 0125644548
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il 19 Marzo aprirà la seconda edizione della Rassegna Artistica “Mostra D.O.C.: Degustazione Opere Contemporanee” che quest’anno vedrà il susseguirsi di 5 artisti provenienti da diverse regioni d’Italia.
biglietti: free admittance
vernissage: 15 ottobre 2004.
curatori: Angela Soncin
genere: arte contemporanea, personale
web: www.sonan2k1.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Ad ospitare la rassegna sarà nuovamente la “Vinosteria Solativo”, C.so Re Umberto 1/a, Ivrea (To), divenuto negli ultimi anni luogo di incontro per appassionati d’arte, ma anche per tutti quelli che apprezzano i piaceri della vita da assaporare lentamente: vini, ideazioni culinarie, libri, opere d’arte.
Il calendario 2004 prevede una serie di artisti ognuno caratterizzato da uno stile inconfondibile che ha catturato l’attenzione della critica e del pubblico.

Nel dettaglio il programma artistico del 2004 ospiterà:
Dal 19 Marzo al 6 Maggio: Federica Filippi.
L’artista milanese non ha scelto né la strada della riproduzione figurativa, né quella della creazione astratta: le sue opere sono espressione di gioia e di sentimenti attraverso una personale interpretazione dell’estetica umana riprodotta con i variopinti colori del gesso.
Le sue figure hanno linee morbide, giocose, sinuose; le sue donne ripropongono l’eleganza della femminilità del passato; i suoi quadri hanno colori vivaci che catturano lo spettatore in un vortice di sfumature e tratteggi armoniosamente amalgamati.
Dal 7 Maggio al 26 Giugno: Angela Policastro.
Pittrice e scultrice, Angela Policastro si distingue per l’abilità nel creare forme attraverso i colori. Vincitrice nel 2000 del Premio Scultura presso l’Associazione Cerato di Torino e, sempre nel 2000, del Premio Concorso di Pittura promosso dal Centro Arte e Arti di Bussoleno, l’artista presenta una inusuale ariosità cromatica che conferisce alle opere una freschezza ed una effervescenza tonali in grado di suscitare immediate sensazioni di piacevolezza.
Figure di bambini, curiosi animali, donne e paesaggi architettonici richiamano forme e colori di Matisse, visti però da un’ottica tutta nuova e giovane.
Dal 10 Settembre al 14 Ottobre: Massimo Pattaro.
Pittore, scultore, poeta. Massimo Pattaro, artista di origine veneta, è noto al grande pubblico per i suoi lavori che, a partire dagli anni ’80 sono stati protagonisti di oltre settanta mostre, tra personali e collettive, più una serie di performance che vedevano l’unione di più arti insieme. Rilevanti le sue esposizioni in Belgio, al Metropolitan Museum di Tokyo, all’ Art Space Gallery di Osaka, al City Museum di Kioto e a Seoul.
Le sue opere hanno seguito una continua evoluzione che vede come fulcro il recupero e l’utilizzo di materiali di scarto; nell’ultimo periodo risultano ben visibili le influenze delle discipline orientali, che l’artista studia con passione, che vengono espresse attraverso morbidi accostamenti tra carta di riso, pietre e legnetti di bambù.
Dal 15 Ottobre al 25 Novembre: Haero.
Decisamente innovativo, l’artista italo-francese nasce come graffittista e, tramite un’evoluzione tecnica basata sul perfezionamento degli spray e l’assenza di stencil, giunge a creare tele e opere su materiali alquanto particolari in cui presenta espressioni della mente e del corpo umano che non lasciano spazio a quella che lui stesso definisce come “tristezza metropolitana”. Snowboard, lamine e tavole di legno, divengono materiali su cui creare opere in movimento che spesso si rifanno al mondo sportivo, a culture esotiche, a spot pubblicitari.
Ma c’è una doppia personalità che contraddistingue Haero: nella vita pubblica è un rappresentante delle forze dell’ordine, mentre in quella privata rappresenta una cultura giovanile troppo spesso criticata. I suoi lavori ed il successo che ottiene in Italia e all’estero evidenziano come le opere create tramite bombolette spray siano una forma d’arte di grande livello, adatta non solo ad un target giovane, ma anche a persone adulte che amano l’arte, l’estetica, la solarità dei colori e soprattutto la gioia di vivere.
Dal 26 Novembre al 30 Dicembre: Giovanni Prato.
Dopo il successo ottenuto ad Ivrea nel 2003, lo scultore Carignanese si ripropone con nuovi lavori, molti dei quali dedicati alla città eporediese. I suoi quadri scultura si mettono in risalto per il contrasto che si crea tra il colore e le venature naturali del legno e gli sfondi monocromatici che fungono anche da cornici.
 
trovamostre
@exibart on instagram