Titani Preziosi: tra tecnologia e ornamento 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE ​ Viale Emilio Alemagna 6 Milano 20121

Milano - dal 18 giugno al primo agosto 2010

Titani Preziosi: tra tecnologia e ornamento

Titani Preziosi: tra tecnologia e ornamento

 [Vedi la foto originale]
TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Emilio Alemagna 6 (20121)
+39 02724341 , +39 0289010693 (fax), +39 0272434208
info@triennale.it
www.triennale.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Titani Preziosi: tra tecnologia e ornamento” indaga le potenzialità espressive del titanio, metallo solitamente destinato all’ambito industriale e qui interpretato per la prima volta anche in chiave ornamentale. Il risultato? 33 gioielli, i quadri di Pietro Pedeferri e oggetti di uso comune quali protesi medicali, mazze da golf, cappe da cucina, facciate architettoniche che dimostrano la versatilità del titanio e delle sue applicazioni tra tecnologia e ornamento.
orario: da martedì a domenica, dalle ore 10.30 alle ore 20.30; giovedì e venerdì dalle ore 10.30 alle 23.00)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 18 giugno 2010.
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
ufficio stampa: Fondazione Politecnico di Milano
Stefania Pallotta
Dag Communication
spallotta@dagcom.com
02/89054155
333 83 35 976
curatori: Alba Cappellieri
autori: Alessia Ansaldi, Patrizia Bonati, Massimiliano Bonoli, Fabio Cammarata, Monica Castiglioni, Giovanna Cutolo, Gabriele De Vecchi, Michela Fornasari, Emma Francesconi, MariaRosa Franzin, Manuela Gandini, Augusto Gentile, Stefania Lucchetta, Stefano Marchetti, Valeria Masconale, Giancarlo Montebello, Michela Nosè, Barbara Paganin, Caterina Passaro, Pietro Pedeferri, Stefano Pellicioli, Alba Polenghi Lisca, Karl Heinz Reister, Carla Riccoboni, Ivana Riggi, James Riviere, Serena Savi, Maurizio Stagni, Rossella Tornquist, Natsuko Toyofuku, Fabrizio Tridenti, Barbara Uderzo, Viola Vecchi, Giorgio Vigna, Michele Zanin, Roberto Zanon
note: Coordinatore scientifico: Barbara Del Curto
Comitato Scientifico: Alberto Cigada, Barbara Del Curto, MariaPia Pedeferri Progetto allestimento: Labodesign Testi di: Silvana Annicchiarico, Alba Cappellieri, Alberto Cigada, Barbara Del Curto, MariaPia Pedeferri, Labodesign
genere: design, arte contemporanea, collettiva
web: www.gioieecolori.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Titani Preziosi: tra tecnologia e ornamento” indaga le potenzialità espressive del titanio, metallo solitamente destinato all’ambito industriale e qui interpretato per la prima volta anche in chiave ornamentale. Il risultato? 33 gioielli, i quadri di Pietro Pedeferri e oggetti di uso comune quali protesi medicali, mazze da golf, cappe da cucina, facciate architettoniche che dimostrano la versatilità del titanio e delle sue applicazioni tra tecnologia e ornamento.

La mostra “Titani Preziosi: tra tecnologia e ornamento” rientra nel progetto “Gioie e colori” (www.gioieecolori.com) finanziato dalla Regione Lombardia (Bando Metadistretti 2008 – Design). L’obiettivo dell’iniziativa è creare la filiera per la produzione di gioielli in titanio. Questo progetto è stato portato avanti dal Politecnico di Milano (Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica "Giulio Natta" e Dipartimento di Industrial Design, Arti, Comunicazione e Moda - INDACO) con la consulenza della Fondazione Politecnico di Milano e dalle aziende: Titalia Srl (capofila del progetto), Bama Srl, Eurometal Srl, Labodesign Srl, Nanosurfaces, Taigher Sas e Vacuum Surtec Srl.

“Da quando il reverendo William Gregor lo scoprì accidentalmente su una spiaggia della Cornovaglia nel 1791 il titanio non ha mai riscosso grande successo nel mondo dei gioielli – afferma la curatrice Alba Cappellieri, professore di design del gioiello al Politecnico di Milano -. In Italia i primi gioielli in titanio risalgono agli anni Settanta quando l’incontro tra Pietro Pedeferri, che sperimentava la colorazione elettrochimica del titanio, e l’orafo James Riviere, nel 1972, determinò un nuovo corso per il gioiello in titanio. Ma esclusi pochi audaci pionieri il gioiello di titanio ha poi suscitato scarsa curiosità tra i designer orafi. Da qui la scelta di far realizzare un gioiello in titanio a trentuno progettisti orafi italiani costringendoli a confrontarsi con questo materiale e con le sue tecnologie: maestri e giovani designer, cui si sono poi aggiunti due studenti del corso di perfezionamento di design del gioiello del Politecnico”.

Siamo riusciti a mettere a disposizione dei progettisti orafi un materiale, il titanio e delle tecnologie di formatura e finitura provenienti da altri ambiti – tra cui Direct Manufacturing, Metal Injection Molding, elettrolucidatura “dolce”, ossidazione anodica e Anodic Spark Deposition – fino ad ora raramente sfruttate nel settore orafo ” commenta Barbara Del Curto, ricercatrice della Facoltà del Design del Politecnico di Milano, che ha seguito gli aspetti tecnologici.

La mostra e il catalogo.
“Titani preziosi” è divisa in tre sezioni. La prima sezione “Gioielli” presenta 33 gioielli realizzati da: Alessia Ansaldi, Patrizia Bonati, Massimiliano Bonoli, Fabio Cammarata, Monica Castiglioni, Giovanna Cutolo, Gabriele De Vecchi, Michela Fornasari, Emma Francesconi, MariaRosa Franzin, Manuela Gandini, Alba Polenghi Lisca, Stefania Lucchetta, Stefano Marchetti con Roberto Zanon, Valeria Masconale con Caterina Passaro, Giancarlo Montebello, Michela Nosè, Barbara Paganin, Karl Heinz Reister, Carla Riccoboni, Ivana Riggi, James Riviere, Maurizio Stagni, Natsuko Toyofuku, Rossella Tornquist, Fabrizio Tridenti, Barbara Uderzo con Augusto Gentile, Viola Vecchi, Giorgio Vigna, Michele Zanin e gli studenti del corso di perfezionamento in design del gioiello del Politecnico di Milano Stefano Pellicioli e Serena Savi.

La seconda sezione “Arte” è dedicata alle sperimentazioni di Pietro Pedeferri e raccoglie una serie di quadri in cui il titanio è colorato attraverso l’ossidazione per via elettrochimica.

Nella terza parte “Proprietà funzionali” vengono presentati oggetti che esprimono le proprietà del titanio come:
- la fotocatalisi – ossia la capacità dell’ossido di titanio, qualora illuminato da raggi UV, di degradare gli inquinanti atmosferici favorendo la depurazione degli ambienti – è rappresentata da una cappa a ricircolo in grado di eliminare odori e inquinanti prodotti dalla cottura dei cibi;
- la flessibilità del titanio è rappresentata da bastoni da golf, che per essere maggiormente performanti sono realizzati con il componente che colpisce la pallina in titanio e l’asta in fibra di carbonio
- la biocompatibilità, ossia la capacità di questo metallo di essere impiantato nel corpo umano senza determinare reazioni negative nei tessuti biologici. Si realizzano in titanio e leghe di titanio componenti biomedicali impiantabili.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram