Il Restauro nella Ricostruzione post sisma 2009 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSE' ​ Località Paludi di Celano Celano 67043

Celano (AQ) - ven 9 luglio 2010

Il Restauro nella Ricostruzione post sisma 2009

Il Restauro nella Ricostruzione post sisma 2009
MUSE'
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Località Paludi Di Celano (67043)
+39 0863790357 , +39 0863790357 (fax)
info@musepaludi.it
www.musepaludi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

il seminario vuole aprire un tavolo di confronto tra enti, istituti e associazioni che operano nel campo del restauro dei Beni Culturali sul valore che l’attività di restauro possiede nella complessa ricostruzione quale è quella dell’Abruzzo post Sisma 2009.
vernissage: 9 luglio 2010. ore 16
genere: incontro - conferenza
email: ufficiostampa@legambienteabruzzo.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si terrà domani venerdì 9 luglio alle 16.00 presso l’auditorium Musè di Celano Paludi il seminario promosso dal Circolo di Legambiente Abruzzo Protezione Civile Beni Culturali, dalla direzione regionale MiBAC, dal Musè di Celano Paludi e ICOM Italia “Il Restauro nella Ricostruzione post sisma 2009”.
Il seminario sarà introdotto dai saluti del sindaco di Celano Filippo Piccone, dell’assessore regionale alla cultura Mauro Di Dalmazio, del presidente della provincia de L’Aquila Antonio Del Corvo e del rappresentante del Comitato regionale Geometri della Toscana Stefano Bacciarelli. Interverranno: Anna Maria Reggiani, direttore regionale Mibac; Antonella Nonnis, curatore del progetto “Terra Madre Abruzzo esperienza di cittadinanza attiva” di Legambiente; Marco Ciatti, direttore Opificio delle pietre dure; Roch Payet direttore INP Francia, “Il restauro, un’esperienza condivisa”; Ermanno De Pompeis, coordinatore ICOM regione Abruzzo, “L’esperienza di Terra Madre Abruzzo nella ri-costruzione del sistema dei Beni culturali Abruzzesi”; Francesco Scoppola, direttore regionale Mibac Umbria: “Esperienze Umbria Marche”; Simone Andreotti, Legambiente.
Il seminario si inserisce nell’ambito dell’iniziativa Terra Madre Abruzzo Laboratorio Aperto, il primo laboratorio di restauro delle opere salvate dal Museo Nazionale d’Abruzzo de L’Aquila, aperto a studenti e studiosi che prende il via dalla mostra Terra Madre Abruzzo che immediatamente dopo il sisma coinvolse otto sedi museali ospitando da giugno a ottobre 2009 alcune delle opere custodite e recuperate dal Museo Nazionale d’Abruzzo.
A chiusura della mostra, grazie al contributo del Comitato Regionale Toscano Geometri e della Sicurmax, il Circolo Legambiente Abruzzo Protezione Civile Beni Culturali ha colto la proposta del Musè, nuovo Museo Paludi di Celano e centro di restauro, di ospitare e collaborare alla realizzazione di un laboratorio aperto al pubblico, mettendo a disposizione del progetto i laboratori di restauro, l’attrezzatura e il suo personale interno.
Il progetto, finalizzato a far conoscere e approfondire le problematiche inerenti il recupero del patrimonio culturale abruzzese rendendo fruibili le opere attualmente ricoverate nel deposito temporaneo attrezzato del Museo Preistorico di Celano Paludi, si è ulteriormente arricchito con la programmazione di due seminari studio sul “Il restauro post sisma” e “la prevenzione del patrimonio culturale”.
Il primo seminario proposto per il 9 luglio a Celano Paludi vuole aprire un tavolo di confronto tra enti, istituti e associazioni che operano nel campo del restauro dei Beni Culturali sul valore che l’attività di restauro possiede nella complessa ricostruzione quale è quella dell’Abruzzo post Sisma 2009. La riflessione sui risultati di “Terra Madre Abruzzo” parte da progetti che operano sul patrimonio culturale nel pieno coinvolgimento del territorio e delle istituzioni culturali, coinvolgendo le risorse umane e professionali locali e attivano processi di coscienza collettiva. Dopo la prima fase di risarcimento del valore identitario dell’opera salvata in emergenza, il progetto Terra Madre Abruzzo ha focalizzato la propria attenzione sulle problematiche inerenti il suo restauro, sensibilizzando la comunità sul ruolo che essa possiede quale responsabile della propria identità e memoria
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram