Gillo Dorfles - Movimento Arte Concreta (1948-1958) 3044 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva M.A.X.MUSEO ​ Via Dante Alighieri 6 Chiasso 6830

Chiasso () - dal 15 settembre al 22 novembre 2010

Gillo Dorfles - Movimento Arte Concreta (1948-1958)

Gillo Dorfles - Movimento Arte Concreta (1948-1958)
Variazione su due cerchi, 1950, olio e tempera su cartone, 36,5 x 51, Collezione privata
 [Vedi la foto originale]
M.A.X.MUSEO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dante Alighieri 6 (6830)
+41 916950888
info@maxmuseo.ch
www.maxmuseo.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione che si tiene al m.a.x. museo di Chiasso propone per la prima volta una rassegna specifica di opere di Dorfles riguardanti il periodo di adesione al Movimento di Arte Concreta e i suoi contatti ticinesi e svizzeri.
orario: Ma-Do 10.00-12.00, 15.00-18.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Fr. 10.- Euro 8
vernissage: 15 settembre 2010. ore 18
catalogo: in mostra
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: UESSEARTE
autori: Gillo Dorfles
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nel 1948 Gillo Dorfles, con Bruno Munari, Atanasio Soldati, e Gianni Monnet, è tra i fondatori del Movimento Arte Concreta, movimento d’avanguardia che reagisce polemicamente tanto ai dogmi della figurazione quanto a quelli dell’astrazione postcubista, movimento a cui si affiancherà ben presto Luigi Veronesi, Augusto Garau, Galliano Mazzon, Regina Cassolo Bracchi e poi Lucio Fontana. In quest’ambito, centrale diviene il ruolo di Dorfles quale critico e teorico.
I “concretisti italiani” si battono per l’assoluta libertà e indipendenza dell’arte da qualunque ideologia, ponendosi in polemica diretta contro ogni condizionamento esteriore all’arte e soprattutto contro la pittura neorealista e la corrente Novecento, vittima di strumentalizzazioni politiche.
Gli aderenti al MAC aspirano a consolidare legami con il mondo della produzione, il loro desiderio di assecondare lo sviluppo industriale li rende attenti alle nuove tecniche e ai nuovi materiali in una città, come Milano, attraversata da un forte desiderio di ricostruzione e di sviluppo dopo i drammatici eventi bellici del secondo dopoguerra. Altro tema centrale per il MAC è rappresentato dalla sintesi delle arti, un effettivo rinnovamento del gusto alla luce della interdisciplinarietà in tutti i settori della vita moderna, fondendo in un unico corpo pittura, scultura, design, architettura e grafica.
In questo ambito aderisce al Movimento di Arte Concreta anche Max Huber che partecipa con due litografie alla cartella grafica realizzata per la mostra del 1949 tenutasi presso la libreria A. Salto di Milano con l’introduzione di Giulio Carlo Argan.
Questa collaborazione tra gli artisti del MAC e il mondo dell’industria italiana porterà alla realizzazione di alcune mostre in cui l’arte viene posta al servizio della tecnica; ricordiamo le due esposizioni tenutesi alla Saletta dell’Elicottero a Milano, nel 1952, che vedono la partecipazione anche di Dorfles, intitolate Materie plastiche in forme concrete e II Mostra di Esperienze e di Sintesi tra le Arti: Studi per forme concrete nell’Industria Motociclistica.
Dopo la conclusione del MAC, avvenuta nel 1958, Dorfles inizia una brillante carriera accademica che lo porterà in qualità di docente di Estetica ad insegnare presso le Università di Milano, Trieste e Cagliari.

La mostra e le opere
L’esposizione che si tiene al m.a.x. museo di Chiasso propone per la prima volta una rassegna specifica di opere di Dorfles riguardanti il periodo di adesione al Movimento di Arte Concreta e i suoi contatti ticinesi e svizzeri. Provenienti dalla collezione personale dell’artista e da varie collezioni private italiane e svizzere, ma anche dall’archivio di Max Huber, sono esposti una settantina di lavori, tutti realizzati fra il 1948 e il 1958, in prevalenza dipinti, ma anche disegni, bozzetti, opere grafiche, un tappeto e una rara selezione di ceramiche.

Il catalogo, curato da Luigi Sansone e Nicoletta Ossanna Cavadini, è pubblicato dalla casa editrice Mazzotta di Milano, pp. 120, Euro 22.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram