Cosa fa la mia anima mentre sto lavorando? 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAGA - MUSEO D'ARTE DI GALLARATE ​ Via Egidio De Magri 1 Gallarate 21013

Gallarate (VA) - dal 13 novembre 2010 al 13 febbraio 2011

Cosa fa la mia anima mentre sto lavorando?
[leggi la recensione]

Cosa fa la mia anima mentre sto lavorando?
[leggi la recensione]
Peter Fischli & David Weiss, Cosa fa la mia anima mentre sto lavorando?, 2003.
Foto Roberto Marossi, Milano.
 [Vedi la foto originale]
MAGA - MUSEO D'ARTE DI GALLARATE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Egidio De Magri 1 (21013)
+39 0331791266 , +39 02542757
www.museomaga.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra, attraverso una selezione delle straordinarie opere dell’importante collezione Consolandi, ripercorre le principali tendenze dell’arte contemporanea nazionale e internazionale dagli anni Cinquanta ad oggi, dando prova della grande sensibilità e lungimiranza e dello spiccato intuito di Paolo Consolandi.
orario: 9.30-19.30 da martedì a domenica
lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero € 8,00
Ridotto € 5,00
Ingresso gratuito fino ai 14 anni
Over 65, soci AMACI e ICOM
Ridotto: dai 15 ai 26 anni e convenzionati
vernissage: 13 novembre 2010. ore 18.30
catalogo: in mostra
editore: ELECTA
curatori: Francesca Pasini, Angela Vettese
autori: Christo, Fischli&Weiss, Gilbert & George, Marina Abramovic, Marina Abramoviæ, Vincenzo Agnetti, Mario Airò, Josef Albers, Ghada Amer, Carl Andre, Giovanni Anselmo, Marina Apollonio, Stefano Arienti, Atelier van Lieshout, Maja Bajevic, Marina Ballo Charmet, Matthew Barney, Massimo Bartolini, Bernd & Hilla Becher, Joseph Beuys, John Bock, Alighiero Boetti, Monica Bonvicini, Davide Boriani, Marcel Broodthaers, Daniel Buren, Gianni Caravaggio, Letizia Cariello, Enrico Castellani, Maurizio Cattelan, Maurizo Cattelan, Dinos Chapman, Francesco Clemente, Gianni Colombo, Tony Cragg, Martin Creed, Hanne Darboven, Gino De Dominicis, Tacita Dean, Marta Dell’Angelo, Wim Delvoye, Paola Di Bello, Elisabetta di Maggio, Cruz Diez, Mark Dion, Wang Du, Olafur Eliasson, Jan Fabre, Luciano Fabro, Sylvie Fleury, Lucio Fontana, Giuseppe Gabellone, Alberto Garutti, Francesco Gennari, Piero Gilardi, Fausto Gilberti, Robert Gober, Nan Goldin, Andreas Gursky, Mona Hatoum, Thomas Hirschhorn, Damien Hirst, Rebecca Horn, Roni Horn, Vanessa Hudgens, Candida Höfer, Pippo Isgrò, Mimmo Jodice, Anish Kapoor, Mike Kelley, Mike Kelly, Willian Kentridge, Jiri Kolár, Joseph Kosuth, Jannis Kounellis, Luisa Lambri, Julio Le Parc, Sol Le witt, Richard Long, Claudia Losi, Sarah Lucas, Marcello Maloberti, Dacia Manto, Margherita Manzelli, Piero Manzoni, Eva Marisaldi, Laura Matei, Paul McCarthy, Fausto Melotti, Annette Messager, Sabrina Mezzaqui, Tatsuo Miyajima, Jonathan Monk, Mariko Mori, Liliana Moro, Juan Muñoz, Takashi Murakami, Stéphanie Nava, Shirin Neshat, Claes Oldenburg, Roman Opalka, Dennis Oppenheim, Gabriel Orozco, Nam June Paik, Giulio Paolini, Cornelia Parker, Giuseppe Penone, Michelangelo Pisoletto, Paola Pivi, Luisa Rabbia, Gerhard Richter, Edward Joseph Ruscha, Andres Serrano, Jamel Shabazz, Cindy Sherman, Elisa Sighicelli, Ettore Spalletti, Daniel Spoerri, Alessandra Spranzi, Rudolf Stingel, Thomas Struth, Hiroshi Sugimoto, Wolfgang Tillmans, Grazia Toderi, Sabrina Torelli, Luca Trevisani, Ian Tweedy, Piotr Uklanski, Marcella Vanzo, Nico Vascellari, Vedovamazzei, Francesco Vezzoli, Bill Viola, Luca Vitone, Kara Walker, Andy Warhol, Franz West
note: SOCI FONDATORI
Ministero per i Beni e le Attività; Città di Gallarate
PARTNER ISTITUZIONALI
Regione Lombardia; Provincia di Varese
MUSEO ASSOCIATO
Amaci
SOCI SOSTENITORI
Yamamay; SEA Aereoporti di Milano; BPM Banca Popolare di Milano; Ferrari Promotion
MEDIA PARTNER
Corriere della Sera
SPECIAL PARTNER
I.V.N.G.
SPONSOR TECNICO
TAURUS
genere: arte contemporanea, collettiva
email: comunicazione@museomaga.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
COSA FA LA MIA ANIMA MENTRE STO LAVORANDO?*
Opere d’arte contemporanea dalla collezione Consolandi

a cura di Francesca Pasini e Angela Vettese
14 novembre 2010 - 13 febbraio 2011
opening 13 novembre ore 18,30

*Fischli&Weiss, 2000, collezione Consolandi

Il MAGA di Gallarate, a pochi mesi dalla scomparsa del noto collezionista milanese Paolo Consolandi, gli rende omaggio con una mostra curata da Francesca Pasini ed Angela Vettese.
La mostra, attraverso una selezione delle straordinarie opere dell’importante collezione Consolandi, ripercorre le principali tendenze dell’arte contemporanea nazionale e internazionale dagli anni Cinquanta ad oggi, dando prova della grande sensibilità e lungimiranza e dello spiccato intuito di Paolo Consolandi.
Circa duecento opere di altrettanti artisti compongono l’allestimento suddiviso in sette nuclei tematici (Oltre la materia, Orizzonti, Scrivere e scriversi, Dialoghi eclettici, Corpo e mente, Ritratti, autoritratti e altro, Things), sezioni tematiche all’interno delle quali le opere di artisti storici dialogano e si mettono in relazione con quelle degli artisti più giovani sostenuti dal collezionista.
“Come diceva Paolo Consolandi: Collezionare arte contemporanea significa non avere nostalgia del passato, ed è con questo criterio che ha scelto di interagire col suo tempo. La sua intuizione - afferma Francesca Pasini curatrice della mostra con Angela Vettese - si è sempre rivolta allo stato nascente delle ricerche, così troviamo le opere germinali di Giulio Paolini, Alighiero Boetti, Giovanni Anselmo... ma anche la foto della prima performance di Vanessa Beecroft, la mano trafitta da una matita dell’indisciplinato studente Maurizio Cattelan, i primi lavori di Alberto Garutti, Stefano Arienti, Grazia Toderi, Elisabetta Di Maggio le lettere inviate da Sabrina Mezzaqui a Massimo Minini, prima di conoscerlo, prima di fare da lui la prima mostra, i ricami di esordio di Francesco Vezzoli. E poi Tacita Dean, Gabriel Orozco, Luca Vitone, Mark Dion, Roni Horn, Mona Hatoum, Cornelia Parker. Maestri acclamati come Gerhard Richter, Jannis Kounellis, Thomas Hirschhorn, Andy Warhol, Mike Kelly, Marina Abramovic, Thomas Struth, Rebecca Horn, Cindy Sherman, Anish Kapoor, hanno avviato, nella sua collezione, dialoghi a distanza ravvicinata con giovani quali Gianni Caravaggio, Sabrina Torelli, Francesco Gennari, Luca Trevisani, Dacia Manto, Jan Tweedy.
Come scrive Angela Vettese (Sole 24 ore, 2010), “Gusto Consolandi ne ha avuto, e molto. Ma per poterlo coltivare ha fatto le valigie almeno dieci volte l'anno: per visitare una fiera a Miami, una mostra a Istanbul o una galleria di Parigi. Ha capito – con umiltà insospettabile data la personalità da ammiraglio – che non si nasce imparati in fatto d'arte e tantomeno riguardo al contemporaneo, che il senso pieno dell'oggi lo si impara vivendo, viaggiando, e sapendo che non si avrà abbastanza tempo”.
Nato a Milano nel 1921 e notaio di professione, Paolo Consolandi inizia a comprare arte negli anni Cinquanta, al fianco della moglie Franca, archeologa. Intima e personale, ma al tempo stesso profondamente animata da senso civico, la collezione è stata sempre un monito anche per le istituzioni pubbliche: come un dire "questo si può fare". Si può cercare di seguire il presente a qualsiasi età e in qualsiasi condizione. Analogie cronologiche e di intuizione critica affiancano dunque la collezione privata (Consolandi) a quella pubblica (MAGA) istituendo confronti e paralleli interessanti che dicono moltissimo sull’energia culturale che permeava l’Italia all’indomani della seconda guerra quando entrambe vedono la propria nascita.

Il titolo della mostra Cosa fa la mia anima mentre sto lavorando? si riferisce all’opera di Fischli & Weiss, immagine guida della mostra scelta in rappresentanza della collezione, oltre che frase emblematica della personalità e della vita di Paolo Consolandi.

Il catalogo della mostra è edito da Electa, Milano

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram