Giorgio Ortona - I corpi le nature morte le costruzioni 3129 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE DURINI ​ Via Santa Maria Valle 2 Milano 20123

Milano - dal 26 ottobre al 7 novembre 2010

Giorgio Ortona - I corpi le nature morte le costruzioni

Giorgio Ortona - I corpi le nature morte le costruzioni
FONDAZIONE DURINI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Santa Maria Valle 2 (20123)
+39 028053029 , +39 0286467626 (fax)
info@fondazionedurini.com
www.fondazionedurini.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Pittore dalla notevole carica gestuale e dal ritmo incalzante, Ortona opera una sorta di frammentazione continua del paesaggio urbano in vista di una ridefinizione delle sue coordinate di base, a partire da una forte soggettività emozionale.
biglietti: free admittance
vernissage: 26 ottobre 2010. ore 18.30 con un intervento del Prof. Vittorio Sgarbi.
editore: ELECTA
curatori: Vittorio Sgarbi
autori: Giorgio Ortona
note: in collaborazione con Sputnik Arts
genere: arte contemporanea, personale
email: info@sputnikartsproject.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nella splendida cornice della Fondazione Durini diMilano, viene presentata l’esposizione personale dell’artista romano Giorgio Ortona. Pittore dalla notevole carica gestuale e dal ritmo incalzante, Ortona opera una sorta di frammentazione continua del paesaggio urbano in vista di una ridefinizione delle sue coordinate di base, a partire da una forte soggettività emozionale. Il paesaggio di Ortona non è mai oggettivo ma ricostruito secondo punti di vista inconsueti, reinventati, sovrapposti, attraverso armonie e disarmonie spaziali di grande intensità emotiva, con una pittura vibrante, fatta di scarti improvvisi, di cancellature, di abrasioni e ripensamenti che riallacciano il pittore alla miglior tradizione espressionistica europea. Il grande artista spagnolo Antonio Lopez Garcia – che è stato suomaestro, e col qualeOrtona hamantenuto un rapporto di amicizia e di reciproca stima – dice dell’artista (nella conversazione che viene pubblicata per la prima volta nel catalogo dellamostra), che il lavoro diOrtona si basa su «un linguaggio della pittura molto morandiano, sensibile, delicato e sostanzioso». Si tratta di «una pittura straordinaria […] perché autentica e originale,molto colta, e così colta che non si nota, così come dovrebbe essere, senza presunzione e senza ostentazione». «Qui», ha detto ancora Lopez Garcia, «c’è uno sguardo che non cerca niente, uno sguardo che non ambisce a niente. A me questa libertà piace molto […].Anche se il tutto non è definito nei dettagli », Ortona, secondoAntonio Lopez Garcia, è riuscito «a co- “un linguaggio della pittura moltomorandiano, sensibile,delicato e sostanzioso” —AntonioLopezGarcia SIDNEY 2010 OLIO SU TAVOLA 40 × 32 CM IN ALTO APPIO LATINO 2010 OLIO SU TAVOLA 90 × 180 CM (PARTICOLARE) struire la percezione della profondità, soprattutto nel cielo e nelle parti più lontane.Quei toni scuri in primo piano, certi accenni di verde nel prato, l’accordo di quei gialli accesi con tutte quelle tonalità luminose […] suggeriscono la natura, la distanza, tutta la distanza in cui è situato questo paesaggio in relazione all’artista». Nato a Tripoli (Libia) nel 1960, Giorgio Ortona vive e lavora a Roma. Dopo la laurea in Architettura, presso l’Università di Roma, frequenta un corso internazionale di pittura, sotto la direzione diAntonio Lopez Garcia, presso l’Università di Cadice in Spagna. Ha esposto in numerose mostre personali e collettive.Tra le più recenti: nel 2002, La città di mezzo, Studio Nuova Figurazione, Ragusa; nel 2004 Nel labirinto Galleria Comunale d’Arte Contemporanea, Ciampino. Nel 2005 presenta Metamorfosi urbane, Galleria Officina 14, Roma e in seguito il progetto Tangenziale Est, negli spazi dell’Università delMolise a Campobasso.Tra le principali mostre collettive: nel 2001 Cantieri Romani al MACRO, Roma; nel 2002 la partecipazione al Premio Michetti, Italia-Argentina, a Francavilla alMare; nel 2003 una collettiva presso l’Istituto Italiano di Cultura di Washington. Nel 2005 è invitato alle rassegne Realisme 05,Galerie Beukers,Amsterdam, Artparis 05, Carrousel du Louvre, Parigi e XXXII Premio Sulmona, Rassegna d’Arte Contemporanea. Nel giugno 2005 partecipa, in collaborazione con Italian Factory, a Miracolo a Milano al Palazzo della Ragione di Milano. Le sue opere sono entrate a far parte di collezioni pubbliche tra cui quella del MACRO di Roma, dell’AC, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Ciampino (Roma), della Pinacoteca Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Forlì e della Pinacoteca di Sulmona (L’Aquila). Nel 2007 partecipa all’importante rassegna collettiva The New Italian Art Scene presso il TFAMTaipei Fine Art Museum in Taiwan, a cura di Alessandro Riva. Sempre nello stesso anno partecipa allamostra Arte Italiana 1968-2007. Pittura, una collettiva ideata da Vittorio Sgarbi, allestita negli spazi di Palazzo Reale a Milano. Nel 2008 insieme a Paolo Fiorentino e Mauro Reggio partecipa aMemento Armato presso la Fondazione Durini aMilano.Nello stesso anno partecipa al progetto espositivo Rumors a Torino in concomitanza conArtissima15. EDIFICI DA MONTEMARIO 2006 OLIO SU TAVOLA 40 × 60 CM IN ALTO SACCO 1995 OLIO SU TAVOLA 89 × 135.8 CM (PARTICOLARE) È UN PROGETTO: PER
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram