Francesco Bonami - Dal Partenone al panettone 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
È morto Philippe Zdar dei Cassius
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CIRCOLO DEI LETTORI ​ Via Conte Giambattista Bogino 9 Torino 10123

Torino - mar 23 novembre 2010

Francesco Bonami - Dal Partenone al panettone
[leggi la recensione]

Francesco Bonami - Dal Partenone al panettone
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
CIRCOLO DEI LETTORI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Conte Giambattista Bogino 9 (10123)
+39 01143268 27-20-21 , +39 0114326829 (fax)
info@circololettori.it
www.circololettori.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Autore irriverente, giammai storico dell'arte - come ama sottolineare - piuttosto un lettore attento della contemporaneità e profondo conoscitore delle sue forme di espressione artistica, Francesco Bonami propone un approccio nuovo e personale alla storia dell'arte stessa e a quelle che sono diventate icone nel nostro immaginario collettivo.
biglietti: free admittance
vernissage: 23 novembre 2010. ore 18
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
curatori: Luca Beatrice
autori: Francesco Bonami
genere: presentazione, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In libreria a ottobre 2010 Dal Partenone al panettone. Incontri inaspettati nella storia dell’arte, il nuovo libro di Francesco Bonami.
130 coppie di immagini che spaziano dall’Antico Egitto al contemporaneo si susseguono in un confronto allo specchio affiancate da commenti immediati e chiari dell’autore secondo lo stile provocatorio ben noto ai suoi lettori.
Le foto scelte provengono dal bagaglio mnemonico-visivo di Bonami, dove si sono conservate per associazioni di idee, intuizioni e riflessioni. I confronti, curiosi e inaspettati, suscitano nel lettore straniamento perché scardinano la comune percezione delle immagini e prescindono dalle nozioni e classificazioni note a quanti si interessano alla storia dell’arte.

Opere d’arte antica, moderna e contemporanea, scene di film, foto d’attualità o storiche sono accostate in maniera imprevedibile: i dripping di Jackson Pollock e il groviglio di corpi del Giudizio universale di Michelangelo Buonarroti; la vergogna di Adamo ed Eva cacciati dal Paradiso terrestre di Masaccio e la vergogna per l’espulsione da una partita di calcio evocata dalla nota ‘testata’ del calciatore Zidane a Materazzi; la prospettiva del Cristo morto di Mantegna e l’analogia con la ‘messa a fuoco’ delle celebre fotografia della morte di Che Guevara; il gigantismo della Sfinge di Giza e una scultura di dimensioni abnormi dell’artista contemporaneo Ron Mueck.

Contrapposizioni o affinità spiazzanti tra opere molto distanti tra loro per data, tipologia o significato scandiscono le tappe del viaggio dell’autore, un percorso basato solo sull’esperienza personale. Spiega infatti Bonami nell’introduzione: “io non sono uno storico dell’arte […] questa è allora una storia dell’arte basata non sui fatti ma sulle sensazioni, non sulle date e la storia, ma su ciò che certe immagini hanno fatto scattare nella mia testa”.



FRANCESCO BONAMI
Biografia
Francesco Bonami, nato a Firenze nel 1955 è un critico e curatore d’arte. Vive e lavora a New York. Già direttore della Biennale di Venezia del 2003, Francesco Bonami è il primo italiano ad aver curato la Whitney Biennial of American Art, direttore artistico della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per l'Arte di Torino e di Pitti Immagine Discovery a Firenze, nonché curatore delle prime tre edizioni di Enel Contemporanea sin dal 2007. È il direttore responsabile della rivista «TAR». Ha inoltre curato, insieme ad Alison Gingeras, la mostra inaugurale “Mapping the Studio: Artists from the François Pinault Collection” del nuovo centro d’arte Punta della Dogana e di Palazzo Grassi a Venezia. Dal 1999 al 2008, è stato Manilow Senior Curator del Museum of Contemporary Art di Chicago e, dal 2004 al 2008, direttore artistico del Centro di Arte Contemporanea Villa Manin di Codroipo (Udine). Nel 2008 ha curato tra gli altri la mostra “Italics. Arte italiana fra tradizione e rivoluzione, 1968-2008” organizzata da Palazzo Grassi in collaborazione con il Museum of Contemporary Art di Chicago. Nel 2010 ha ricevuto la Legione d’Onore della Repubblica Francese. È editorialista de «Il Riformista» e del «Corriere della Sera» di Firenze. Collabora regolarmente con «Panorama», «Panorama First», «Donna Moderna», «Grazia», «Grazia Casa» e « La Gazzetta dello Sport».

Bibliografia
Echoes: Contemporary Art at the Age of Endless Conclusion (1996)
Cream (1998)
Maurizio Cattelan (1999)
Lezioni di fumo (2005)
Supercontemporanea (a cura di) (2007-2008)
Lo potevo fare anch’io (2007)
Dopotutto non è brutto (2008)
L’irrazionalpopolare insieme a Luca Mastrantonio (2008)
Si crede Picasso (2010)




 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram