Cristiano Berti - Evergrowing evergreen 3045 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FUORIZONA ARTECONTEMPORANEA ​ Via Padre Matteo Ricci 74 Macerata 62100

Macerata - dal 13 novembre 2010 all'otto gennaio 2011

Cristiano Berti - Evergrowing evergreen
[leggi la recensione]

Cristiano Berti - Evergrowing evergreen
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
FUORIZONA ARTECONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Padre Matteo Ricci 74 (62100)
+39 0733230818 , +39 0733230818 (fax)
fuorizona_ac@yahoo.it
www.fuorizona.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nella terza mostra personale di Cristiano Berti a Fuorizona, l’unico lavoro esposto è intitolato “Bosco”: un gruppo di alberi di natale che forma una foresta artificiale, presentato per la prima volta nella personale alla Galleria P74 di Lubiana nell’aprile 2010.
orario: da martedì a sabato 16-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 novembre 2010. ore 18
autori: Cristiano Berti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“Bosco” è l’ultimo di una serie di lavori dedicata dall’artista agli oggetti-feticcio. Affascinato dall’aura di oggetti di uso comune che assumono qualità e significati diversi da quelli attribuiti loro in origine in virtù delle loro “storie” o degli usi che ne sono stati fatti, Berti ha esposto in passato bagagli smarriti sui treni e sigillati dalle Ferrovie dello Stato, arnesi da scasso e altri oggetti sequestrati a ladri e venduti ad un’asta giudiziaria e calchi in resina di gambe amputate, usati per la regolazione di protesi. Gli alberi di natale di “Bosco”, tutti usati e quindi latori di ignote storie famigliari, si ergono come in una morta foresta che lentamente cresce all’interno di una stanza, mentre nel pianeta si vanno sempre più riducendo le foreste vive. Il riferimento all’incombente catastrofe ambientale, vero leitmotiv di questi ultimi anni, si sposa qui all’elemento feticistico già più volte investigato dall’artista.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram