arte contemporanea, collettiva TEATRO INDIA ​ Lungotevere Dei Papareschi Roma 00146

Roma - ven 10 giugno 2011

Direzione Alterità

Direzione Alterità
TEATRO INDIA
Lungotevere Dei Papareschi (00146)
+39 0655300961
ufficiostampa@teatrodiroma.net
www.teatrodiroma.net/teatroIndia.asp

Dj set – Video art –Poesia – Danza – Performance si susseguiranno all'insegna di culture e di identità confluenti
biglietti: free admittance
vernissage: 10 giugno 2011. ore 18.30
curatori: Francesca Pietracci
autori: Karin Andersen, Matteo Basilè, Giorgio Bevignani, BiBi, Der, Rita Florit, Fuke P-San, Robert Gligorov, Myriam Laplante, Marco Militello, Marco Moreggia, Roby, Salvator Spagnolo
genere: arte contemporanea, serata - evento, altro, collettiva
email: francesca.pietracci@gmail.com

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Teatro India. Lungotevere Vittorio Gassman. Roma
venerdì 10 giugno 2011
la prima di una serie di serate travolgenti nate
da un’idea di Marco Moreggia e a cura di Francesca Pietracci
programma

Marco Moreggia (Dj), Roby Dj, BiBi (Dj ),
Der (Dj), Marco Militello (Dj)
Istallazione Ambientale Giorgio Bevignani
Poesia
Rita Florit
Danza Contemporanea Salvator Spagnolo
Video Art
Matteo Basilè, Karin Andersen, Robert Gligorov,
Myriam Laplante, Fuke P-San

DJ - Set

DIREZIONE ALTERITA’ è un programma di serate fusion che animerà il giardino del Teatro India a
partire da venerdì 10 giugno. Il progetto è nato da un’idea di Marco Moreggia ed è curato da
Francesca Pietracci. Dj set – Video art – Poesia – Danza – Performance si susseguiranno all'insegna
di culture e di identità confluenti. Gli artisti con i loro interventi daranno origine ad atmosfere
“altre”, fondendo le diversità e creando un luogo mentale e fisico condiviso. India, Africa,
Giappone, Australia, Europa e America Latina sprigioneranno le loro essenze e si rimodelleranno
sul filo di una Geografia Immaginaria, di un’Anima Mundi sublime e caotica. Il pubblico, accolto in
una platea-palco,, vivrà all’interno di uno spazio house-concept esperienze sonore e visive di
particolare intensità.

POESIA – Sala INDIATECA (Libreria)

L’anteprima della prima serata è dedicata alla poesia erotica. Presentata dal poeta, scrittore e
critico letterario Tommaso Ottonieri, Rita R. Florit, poeta e video-artista, realizza una lettura dal
suo libro intitolato “Passo nel fuoco” (Edizioni d'if, Napoli, 2010) e dalla sua recente opera
“Crypta” (di prossima pubblicazione). Con la raccolta “Passo nel fuoco”, Rita R. Florit ha vinto il
Premio letterario “Mazzacurati-Russo” 2009/10. Il suo racconto si inoltra nell’esplorazione del
corpo dell’amante mediante attraversamenti sensoriali e visionarietà plastica.
A seguire verranno proiettate le sue opere video: Lezioni inevitabili di Rita R. Florit, regia di Giorgio
Bevignani, melange2005; Varchi del Rosso, di Rita R. Florit, regia e voce di Enrico Frattaroli,
melange2006; Twin video Air-Tutto x aria, di Rita R. Florit e Angelo Melpignano, melange2008;
Crypta, di Rita R. Florit e Paolo Fichera, melange2010.
(www.celestemateria.it)

Il viaggio verso le Alterità ha inizio con la perlustrazione di un territorio intimo come quello dei
sentimenti erotici. Il perimetro dell’individuo si apre e si ridefinisce nell’altro, conquistando nuove
identità e dando origine alla catena delle metamorfosi.

INSTALLAZIONE (giardino)

Dalla sala Indiateca, al calare della sera, si passa all’Open Space, dal dentro al fuori, in senso sia
letterale e che metaforico. Dalle forti sensazioni dell’interiorità del corpo e della mente evocate
dalla poesia di Florit, gli spettatori vengono accolti nel palcoscenico-platea-house dove un
susseguirsi di rappresentazioni musicali, performance, installazioni e video animano le serate
dell’intero programma. Il alto l’installazione ambientale in sospensione di Giorgio Bevignani
intitolata “I sogni di Medusa”. Centinaia di meteoriti attraversate da immagini, frammenti
fluorescenti, fluttuano in uno spazio virtuale dove mare e cielo si compenetrano. Seguendo la
stessa tecnica, Giorgio Bevignani ha realizzato a Bogotà (Colombia), nel 2009, un’installazione
sull’intera Facciata del Teatro Jorge Eliécer Gaitan.
(www.giorgiobevignani.com)

PERFORMANCE – danza contemporanea
Dall’iperspazio si passa velocemente alla terra, corpo e territorio nella danza di Salvator Spagnolo,
che rappresenta esseri borderline, homeless, attratti da materiali di scarto e in disuso. A tratti i
suoi piedi si fermano … e ha inizio un gioco di emozioni, suggestioni e misteri. Ciò che precede la
sua fase creativa è il silenzio, l’ascolto di quelle forme, le potenzialità di trasformazione di quella
materia. Poi il suo corpo traccia linee, braccia, mani e gambe fluttuano in quell’improbabile
microcosmo, cercando forse amore, gioia, lucidità, paura, dolore, disillusione … Ciò che agli occhi
comuni appare come rifiuto, a questo punto, viene non solo riabilitato, ma anche sublimato. Ora
inizia per lui un’altra danza, un’altra coreografia, cioè la realizzazione di un’opera plastica, la
creazione di una cosmogonia frutto di un pensiero corporeo, della fascinazione della materia, di un
linguaggio capace di evocare l’aura della società contemporanea.
Salvator Spagnolo si forma come danzatore, coreografo e performer in Italia ed in seguito negli
Stati Uniti dove vive nei primi anni 90 e dove alla danza affianca la frequentazione dell'Accademia
delle Belle Arti di New York. In qualità di interprete, danzatore ed attore corporeo ha lavorato con
diverse compagnie, teatri, enti lirici e scenografi e registi di caratura internazionale: tra gli altri ha
danzato con il Pilobolus Dance Theater , Bill T. Jones Dance Company, Robert North, Momix. Crea
performance per eventi e pubblicità, coreografie e movimenti di scena per diverse produzioni
teatrali e di Opera collaborando con il regista italiano Pierluigi Pier'Alli, uno dei più rappresentativi
in ambito internazionale. Nel 200 collabora anche con “Offucina Eclectic Arts” associata al centro
di ricerca La Mama di New York.
(www.salvatorspagnolo.it)

DJ SET

Marco Moreggia dj e producer dal 1987, è stato per cinque anni resident dj per il Supper Club
(Rome, Amsterdam) e ha realizzato per loro 2 delle celebri compilation (Supperclub VI e
Supperclub Sensorium). E’ sound designer per importanti griffe della moda di Milano, Firenze e
Roma. Attualmente, oltre alle sue attività internazionali di Dj, sta ultimando un album di prossima
uscita dal titolo “Magic Susi”, avvalendosi della collaborazione di importanti musicisti quali
Fabrizio Bosso, Antonello Salis, Saturnino, Enrico Melozzi, Stefania Dipierro, Lorenzo Tucci,
Sainkho).

Marco Militello si può definire il padre fondatore della scena House in Italia: la sua serata
Devotion è rimasta un mito per molti, ha segato un cambiamento musicale e il modo di vivere il
club. Ora è ritornato a Roma dopo aver vissuto venti anni a New York..

BiBi è un Dj Old School i suoi set spaziano dalla dance classic, al soul, al funky.

Kostis è un giovane Dj Greco appassionato di musica elettronica i suoi set sono molto versatili e
spaziano dalla Deep Aila techno ai classic.

Dario Boffa Aka Der, giovane artista romano di 18 anni, sviluppa la sua passione per la musica
Elettronica e il Pianoforte che lo porta a sperimentare nei suoi dj set contaminazioni jazz e techno
che contraddistinguono il suo sound. Nel 2007 ha partecipato con il nome Minimalboys al
Territorios Siviglia, il più importate Festival di musica elettronica di Andalusia Razzmatazz
(Barcellona), Emporio (Sevilla) Mad (Laussane, La Ruche. Nel 2009 fonda insieme ai suoi due soci
Free joel e Sten d la Nordik net records una delle label più apprezzate del momento. Collabora
con artisti del calibro di Alex celler, Brother's Vibe, Lahuahus, Penner&muder.

Dj Edu alias Roberto Galanti, dopo un passato di clubbing, dal 2006 si è lasciato incantare e
adottare dal Pigneto, noto quartiere di tendenza della Roma “by night”. Ha deciso di uscire dai
luoghi canonici della sua musica per suonare all'inaugurazione del ristorante "Primo", al "Pigneto
41", al "Braccio Winebar", al "Fanfulla 101" e al circolo "Dal Verme". Dopo questa esperienza
popolare ha anche deciso di cambiare, a grande richiesta , il suo nome d'arte in “Robi Dj”. Nel
2008, sempre a fianco di Bruno Palma, approda alla corte di “Lusky Dj” e del “MeatPie” al “Goa
Club” di Roma. Al di fuori dei circuiti commerciali del dancefloor romano, partecipa come
organizzatore e dj a numerose “One Night” sponsorizzate da multinazionali che si svolgono in
location non convenzionali. Importanti per la sua carriera sono il lancio del magazine “Il Manuale
Metropolitano” con Simone Della Croce e la sua collaborazione milanese con Ugo Fiorenzo per
conto di “Campari Ltd”. Nel 2010 compie il cosidetto “passo d'oltroceano” e parte alla volta del
Brasile dove si trattiene quasi un anno e suona al “Festival Rock” di Sao Paulo e al “Boom di
Maceiò” e infine diventa dj resident del club “Banga Bar” di Maceiò.

VIDEO-ART

Matteo Basilé, protagonista della nuova scena artistica, vincitore del New York Price, Columbia University,
2002/2003, è stato uno dei primi a utilizzare l’arte digitale e ha trovato in essa lo stimolo per modernizzare
le immagini, in particolare il ritratto, sovrapponendo e mescolando con grande raffinatezza formale volti
presi dalla strada e segni della moderna tecnologia. La sua ricerca è una continua contaminazione tra icone
della serializzazione sociale, come i codici a barre o le cifre dei bancomat e simboli arcaici come gli ex voto o
gli antichi idoli asiatici. Dice del suo lavoro: ” uso un mezzo globale per realizzare immagini intime”. Matteo
Basilé works by interacting with his cultural inheritance while aspiring to a new system of meaning
production. The artist uses avant-garde technology as a research prosthesis, aimed at self and social
discovery, for he constantly rejects a static vocabulary and confronts himself in relation with memory and
present life. (www.matteobasile.com)

Myriam Laplante è un'artista canadese che vive in Italia e che ha iniziato ad esibirsi come
performer fin da quando era studentessa alla Ottawa University, nei primi anni settanta. Il suo
lavoro per un periodo si è concentrato esclusivamente sulla pittura, le installazioni e la fotografia,
per ritornare alla performance nel 1991. Nelle sue prime performance trasforma se stessa
mettendosi nella pelle di altri esseri viventi: donna barbuta, danza della scimmia, fantasma che
piange, sirena mutante, ecc. L’alienazione, la difficoltà di comunicare, il rifiuto di adeguarsi alla
società e il cinismo dominante sono i suoi temi costanti. Il suo lavoro in nelle collezioni pubbliche
della Galleria Nazionale d'Arte Moderna (Roma) e il Museo di Arte Contemporanea (Roma), il
Musée du Québec (Québec) e il Museo Nazionale della Fotografia (Ottawa).
(www.myriamlaplante.net)

Karin Andersen, nata a Burghausen, (Germania), SI è diplomata all'Accademia di Belle Arti di
Bologna con una tesi sulle relazioni fra arte ed ecologia. Sviluppato attraverso vari media (disegno,
pittura, elaborazione digitale, video e installazioni) il suo lavoro indaga il rapporto degli umani con
l'idea del diverso e dell'alieno, sfuma i confini fra concetti come natura e cultura, ipotizza
interazioni creative e sorprendenti fra diverse forme di vita e diversi contesti naturali o artificiali.
Ha collaborato alla realizzazione di video musicali e spettacoli teatrali. I suoi studi sui significati
dello zoomorfismo nella storia dell'arte e nell'arte contemporanea sono stati presentati in
pubblicazioni e conferenze. E' autrice, con Roberto Marchesini, del libro "Animal Appeal", uno
studio sul teriomorfismo", 2003, Hybris/Alberto Perdisa editore. Appartiene all'associazione
scandinva di artisti "Kuten" che promuove eventi di arte pubblica in diversi paesi europei.
(www.karinandersen.com)

Robert Gligorov, nato a Kriva Palanca (Macedonia), è un fotografo e autore di video che vive e
lavora a Milano. Crea immagini che sono sia scioccante e divertente. "Di fronte a una società
abituata a forme sofisticate ed estreme di comunicazione visuale, Gligorov amplifica lo shock
valore del suo lavoro, al fine di competere con il diluvio di immagini che nube nostro campo visivo.
"questi scioccante immagini raffigurano spesso questioni controverse come la religione, la
violenza e la sessualità. Tuttavia, nonostante gli Gligorov tentativi di shock, si riempie anche le
sue opere con una sana dose di umorismo. Il nome di Robert Gligorov è legato anche agli esordi
dei Bluevertigo che agli inizi degli anni '90 con il suo interessamento e supporto vennero notati da
una casa discografica indipendente di Monza; sue sono le copertine dei primi due dischi del
gruppo, Acidi e Basi e Metallo non metallo.
(www.gligorov.aeroplastics.net)

Fuke P-San è nato a Kagawa (Giappone) dove vive e lavora. Laureato all’Università di Tsukuba in
Print-art, ha creato un proprio speciale procedimento fotografico che unisce le potenzialità
dell’analogico a quelle del digitale. Il suo procedimento, che definito "nuovo standard digitale",
crea la possibilità di formulare immagini dal vero, e senza effetti, che oltrepassano la soglia
temporale di ciò che si vede con gli occhi. In qualche modo la mente del fotografo interagisce nella
programmazione del mezzo tecnico, l’obbiettivo cattura dimensioni luminose che hanno del
fantastico e che rimandano immagini spettacolari di fiori, paesaggi innevati, archeologie
industriali, paludi … Sono dieci anni che l’artista sta lavorando esclusivamente a questo progetto,
facendone una vera e propria ragione di vita. Molti i riconoscimenti raggiunti finora tra i quali la

Biennial International Photography Invitational , Skotia Gallery , Santa Fe U.S.A., l’ EXPO'90 Photo Museum,
Osaka Japan e la Taiwan International Print BIENNALE, Taipei Fine Arts Museum R.O.C. Le sue opere sono
presenti nelle collezioni della Polaroid international, Polaroid Japan e del Kyoto national museum of Art.

(www.saatchionline.com/profile/92879)
----------------------------------------------
Francesca Pietracci è curatore indipendente e lavora sul rilevamento delle nuove tendenze
artistiche internazionali. Ha presentato mostre e curato eventi in Europa, Asia, Africa, America
Latina e Stati Uniti.