arte contemporanea, collettiva GALLERIA DELL'INCISIONE ​ Via Bezzecca 4 Brescia 25128

Brescia - dal 19 maggio al 20 luglio 2013

Scultura italiana 1915-1945. Dal fascino del Liberty al recupero della classicità.

Scultura italiana 1915-1945. Dal fascino del Liberty al recupero della classicità.
Arturo Martini, Le collegiali, 1927 ca., terracotta da stampo, 18x13x11 cm
GALLERIA DELL'INCISIONE
Via Bezzecca 4 (25128)
+39 030304690 , +39 030380490 (fax)
galleria@incisione.com
www.incisione.com

Esposti i lavori di 20 artisti attivi nell’Italia centro-settentrionale fra il 1915 e il 1945. Con lo scemare delle avanguardie storiche e l’insorgere di un contesto sociale e culturale profondamente cambiato, le arti visive propongono un nuovo rapporto fra tradizione e modernità.
orario: da martedì a domenica, dalle 17 alle 20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 maggio 2013. h 18
catalogo: in galleria.
autori: Libero Andreotti, Angelo Biancini, Timo Bortolotti, Aurelio Bossi, Duilio Cambellotti, Arturo Dazzi, Ernesto De Fiori, Renato Di Bosso, Ercole Drei, Marino Marini, Arturo Martini, Francesco Massina, Arrigo Minerbi, Riccardo Piter, Attilio Selva, Werther Sevèr, Attilio Torresini, Felice Tosalli, Adolfo Wildt, Othmar Winkler
genere: arte moderna e contemporanea, collettiva

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Il 19 maggio 2013 si inaugura a Brescia, presso la Galleria dell’Incisione, la mostra “Scultura italiana 1915-1945. Dal fascino del Liberty al recupero della classicità”, a cura di Giovanna Caterina de Feo e Chiara Fasser.
Saranno esposti i lavori di una ventina di artisti attivi nell’Italia centro-settentrionale fra il 1915 e il 1945, periodo di grande vitalità dell’arte italiana.

Con il progressivo scemare delle avanguardie storiche e l’insorgere di un contesto sociale e culturale profondamente cambiato dagli sconvolgimenti della prima guerra mondiale e dall’affermarsi del movimento fascista, gli artisti propongono nuove forme espressive che perverranno ad esiti formali non uniformi.

Il cosiddetto “ritorno all’ordine”, divulgato dalla rivista “Valori Plastici” di Mario Broglio, significa per le arti visive un nuovo rapporto fra tradizione e modernità, nonché il recupero della sapienza tecnica e del mestiere. Gli scultori guardano ai grandi maestri del passato e alla loro interpretazione dell’anatomia umana; la scultura monumentale, che già conobbe grande slancio con la fine della prima guerra mondiale e la relativa celebrazione della vittoria e degli eroi di guerra, ebbe molta fortuna anche sotto il regime fascista, che spesso la utilizzò per celebrare i nuovi protagonisti e ideali di partito.

Il fascismo, come gli altri regimi dittatoriali europei, non mancherà di sfruttare l’arte a fini propagandistici, in molti casi col consenso, tacito o espresso, degli artisti stessi. Tuttavia interpretare la ricerca artistica di questo periodo secondo una prospettiva ideologica significa sottovalutarne la complessità storica, la validità e in molti casi l’eccellenza.