arte contemporanea, collettiva PALAZZO RE ENZO ​ Piazza Re Enzo Bologna 40124

Bologna - mer 25 marzo 2009

gAP – Giovani per l'arte pubblica

gAP – Giovani per l'arte pubblica
Rifiuto con affetto
PALAZZO RE ENZO
Piazza Re Enzo (40124)

Il progetto GAP – Giovani per l’Arte Pubblica – propone un programma di nove appuntamenti tra artisti ed esperti del settore che presenteranno la propria attività al pubblico, in una situazione colloquiale e interattiva.
biglietti: free admittance
vernissage: 25 marzo 2009. ore 17.00
curatori: Rita Correddu, Gino Gianuizzi, Alice Militello
autori: gruppo Publink
patrocini: gAP-giovani per l'arte pubblica Ufficio Giovani Artisti
Comune di Bologna
POGAS
note: nello spazio gAP sotto il Voltone del Podestà a Palazzo Re Enzo.
genere: presentazione, incontro - conferenza, altro

individua sulla mappa

comunicato stampa
mercoledì 25 marzo 2009 dalle ore 17 c/o Spazio gAP Palazzo Re Enzo - Voltone del Podestà, 1/L Bologna

RIFIUTO CON AFFETTO intervengono Maddalena Vantaggi e Maria Zanchi del gruppo Publink


http://www.rifiutoconaffetto.it

Il progetto GAP – Giovani per l’Arte Pubblica – propone un programma di nove appuntamenti tra artisti ed esperti del settore che presenteranno la propria attività al pubblico, in una situazione colloquiale e interattiva nello spazio gAP sotto il Voltone del Podestà a Palazzo Re Enzo. La scelta degli artisti invitati, i progetti, le tematiche inserite in programma rispondono alla volontà di mostrare alcune delle possibili accezioni che rientrano nel contenitore espanso dell’Arte Pubblica. Un ciclo di incontri in cui singoli o gruppi di artisti, di diverse generazioni e provenienti da varie zone d’Italia, portano a Bologna le proprie esperienze maturate sul campo: dagli interventi urbanistici e ambientali alle pratiche d’arte sociali e relazionali. Gli appuntamenti, a cura di Gino Gianuizzi, offrono a tutti una valida occasione per riflettere e confrontarsi su tali modalità contemporanee del fare arte, all’insegna di nuove proposte e stimoli creativi per la città.

tutti gli incontri sono organizzati dall'Ufficio Promozione Giovani Artisti in collaborazione con il gruppo artepubblica

info
gAP-giovani per l'arte pubblica Ufficio Giovani Artisti
www.iceberg.bo.it
giovaniartisti@comune.bologna.it
tel 051 2194663/2194661

artepubblica
www.artepubblica.com
infoartepubblica@gmail.com
tel 329 0048391/392 4227678

Rifiuto Con Affetto

RCA è un progetto di Publink
Tra arte e pubblico nel quotidiano.
Publink è un gruppo artistico formato da Roberta Bruzzechesse, Maddalena Vantaggi e Maria Zanchi, che ha l’obiettivo d’indagare le potenzialità del linguaggio dell’arte, esplorando i limiti tra spazio pubblico e privato, tra collettività ed individuo nel quotidiano. Publink propone strategie di azione capaci di formulare nuove possibili letture dello spazio pubblico, attraverso progetti studiati per contesti specifici: urbani ed extraurbani.

Progetto.
Chi una volta nella vita non ha detto: “Mi dispiace buttarlo via?” Spesso si gettano nella spazzatura oggetti ancora utilizzabili. Rifiuto Con Affetto rimette in circolazione tali oggetti salvandoli dalla discarica e dalla distruzione: se qualcuno li rifiuta con affetto qualcun altro se ne può riaffezionare. Ciò che è inutile per una persona diventa utile per un’altra. RCA stimola una riflessione sullo spreco e sul gesto quotidiano del gettare nella spazzatura, mettendo in evidenza l’importanza di un rifiuto critico e consapevole.
Il cassonetto RCA
Il progetto agisce attraverso il cassonetto RCA. Dotato di ante scorrevoli trasparenti e di interni suddivisi in mensole, permette di posizionare al suo interno gli oggetti rifiutati con affetto. Attingendo all’idea di vetrina, si vuole creare una nuova relazione tra l’interno e l’esterno del cassonetto: l’azione del buttar via e quella del rovistare si trasformano in un lascia e prendi. Il luogo del rifiuto per eccellenza diventa punto di scambio tra oggetti che riacquistano utilità e occasione d’incontro tra persone che si riaffezionano. Posizionato per le strade delle città o negli spazi pubblici (biblioteche, scuole, centri di aggregazione, ecc…), il cassonetto RCA è un armadio pubblico a disposizione di tutti i cittadini.
Come agisce
RCA sensibilizza la cittadinanza ad una nuova abitudine, quella del rifiutare con affetto. Lo studio di una comunicazione specifica per ogni situazione è necessario a trasmettere in maniera efficace gli obiettivi e le modalità d’utilizzo del cassonetto. Accanto alla diffusione del materiale informativo, si favorirà la creazione di una rete di collaborazioni con le realtà presenti sul territorio che diverranno parte fondamentale nella gestione del progetto.
Impatto ecologico
Rifiutare con affetto e riaffezionarsi significa:
_ diminuire la quantità di rifiuti destinati all’incenerimento o all’accumulo in discarica;
_ allungare il ciclo di vita di un oggetto, incentivando un uso più sostenibile delle risorse;
_ rimettere in circolazione un bene ancora utile evitando un ulteriore consumo di materie prime.

Incoraggiando i cittadini alla pratica del riuso e del riutilizzo, RCA agisce nel pieno rispetto delle quattro priorità introdotte dal Decreto Ronchi il 05/02/1997(http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/97022dl.htm), sintetizzate nella Politica delle 4 R: Riduzione della quantità dei rifiuti prodotti; Riutilizzo e Riciclaggio dei materiali post-utilizzo; Recupero energetico a partire dai rifiuti. Rifiutare con affetto e riaffezionarsi, sono buone pratiche, abitudini necessarie in quelle comunità che intendono mettersi in gioco e creare un nuovo modello
di società più ecologica e sostenibile.

RCA è una risposta concreta all’esigenza di sviluppare una progettualità attenta alle problematiche ambientali.

Dove è possibile posizionare i cassonetti RCA
_ Luoghi pubblici: strade pubbliche, piazze, aree ecologiche, parchi, giardini pubblici, ecc.
_ Luoghi pubblici presieduti: scuole, musei, biblioteche, centri di aggregazione, centri culturali, centri commerciali, ecc.
_ Luoghi privati: condomini, supermercati, bar, aziende,
ecc.

Come comunicare il progetto
_ Manifesti, flyer, locandine: una grafica appositamente pensata, con immagini e contenuti studiati per una sensibilizzazione del contesto interessato.
_ Incontri, conferenze, presentazioni: fotografie, video e testimonianze per coinvolgere e riflettere sulle tematiche del progetto.

La comunicazione del progetto, parte integrante ed inscindibile dal cassonetto, è necessaria per informare il cittadino sull’utilizzo del cassonetto e viene studiata appositamente per il luogo al
quale è destinata.

Rifiuto con affetto è anche…
_ Laboratori didattici. Il cassonetto RCA diventa protagonista di laboratori di sensibilizzazione sulle tematiche inerenti al progetto. Rifiutare con affetto e riaffezionarsi sono buone pratiche sulle quali è possibile costruire un percorso educativo legato a: spreco, consumismo, rifiuto, ciclo di vita degli oggetti e obsolescenza programmata, riutilizzo, attenzione nella cura degli oggetti.
_ Eventi di promozione e sensibilizzazione del progetto. Progettazione di eventi basati sull’interazione con il pubblico. La natura degli eventi sarà determinata dalle caratteristiche del contesto.