PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO - Torino 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/01/2019
Slitta la data di apertura del parco a tema Studio Ghibli di Hayao Miyazaki
14/01/2019
Smorfie su richiesta. Al Macro Asilo, le performance face to face di Pino Boresta
13/01/2019
Messico: trovato il primo tempo dedicato al culto di Xipe Tótec, risale a circa 1000 anni fa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO


 [Vedi la foto originale]
Torino
Via Nizza 230 (10126)
+39 0110062008, +39 0110062115 (fax)
segreteria@pinacoteca-agnelli.it
www.pinacoteca-agnelli.it
prenota il tuo albergo a Torino:
Booking.com
Exibart.alert - tieni d'occhio PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO
individua sulla mappa Exisat
individua PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO sullo stradario MapQuest
Stampa la scheda di PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO
Eventi in corso nei dintorni di PINACOTECA GIOVANNI E MARELLA AGNELLI - LINGOTTO

individua sulla mappa

 
presentazione
La Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli, con il nuovo assetto istituzionale di Fondazione, continua nel suo obiettivo di perseguire finalità di pubblica utilità in campo culturale, in particolare in ambito artistico e nello studio dell’arte e propone accanto alla collezione permanente una nuova programmazione di mostre temporanee a partire dal 2007.

Inaugurata il 20 settembre 2002, su progetto dell’architetto Renzo Piano, l’edificio si sviluppa su cinque livelli: l’ultimo piano, “lo scrigno” accoglie in esposizione permanente 25 straordinari capolavori dal Settecento alla metà del Novecento, appartenuti all’Avvocato Giovanni Agnelli e a sua moglie Marella; i piani sottostanti ospitano invece le mostre temporanee.

Grazie all’impegno di Ginevra Elkann, Vice Presidente della Pinacoteca, e di Marcella Pralormo direttrice, la Fondazione si rinnova con continuità e presenta una serie di mostre ed eventi dedicati al tema del collezionismo e alla sua evoluzione per fornire nuovi spunti di conoscenza, di analisi e di studio rivolti a tutti i visitatori, dagli allievi delle scuole di ogni ordine e grado ad un pubblico più ampio.

Focalizzando dunque la propria attenzione sui molteplici spunti di riflessione legati a questo tema, la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli vuole rafforzare la propria identità di museo privato, aperto al pubblico, manifestazione della volontà dei suoi fondatori.

L’obiettivo è fornire nuove chiavi di lettura delle opere conservate in collezioni pubbliche e private, che inducano a riflettere non esclusivamente sulla loro qualità estetica, ma anche sulla funzione e sul significato che rivestono per la committenza e per la collezione di cui fanno parte. Tale obiettivo è in linea con la natura della Pinacoteca che è nata dalla volontà di collezionisti privati di rendere pubblica una loro scelta e di trasmettere la gioia e la passione per l’arte.

Le mostre, realizzate in collaborazione con i principali musei italiani e stranieri e collezioni private, intendono analizzare il fenomeno del collezionismo in tutti i suoi molteplici aspetti, sia da un punto di vista cronologico che tematico. Saranno presentati collezioni eterogenee per mostrare un’indagine approfondita del gusto e della personalità di un collezionista.

Le collezioni - afferma Ginevra Elkann - raccontano sempre una storia: quella di una passione, di un amore, di un'ossessione. A volte rappresentano una vita intera, una ricerca, tante avventure, un gusto, una visione.

Sono queste diverse sfaccettature del collezionismo che ci impegneremo ad investigare esponendo collezioni di natura molto varia, importanti per il loro valore sentimentale, storico o estetico. Daremo al visitatore la possibilità di venire in Pinacoteca per fare dei viaggi in mondi sconosciuti.

La prima iniziativa del nuovo programma culturale legato al tema del collezionismo è la mostra dedicata alle porcellane di Capodimonte, nella quale saranno esposte oltre 200 porcellane della produzione neoclassica di Napoli e delle manifatture squisitamente rocaille della fabbrica di Capodimonte, promosse e finanziate rispettivamente dai sovrani Carlo di Capodimonte e Ferdinando di Napoli.

Le iniziative proseguiranno nell’autunno 2007 con la mostra dedicata alla più importante collezione privata di arte contemporanea africana, presentata per la prima volta in Italia.

Il programma prevede inoltre una serie di conferenze e dibattiti, presentazioni di libri e rassegne cinematografiche legate alle mostre temporanee.

Negli spazi della Pinacoteca sono organizzati progetti di didattica che prevedono nuovi laboratori e attività rivolte alle scuole di ogni ordine e grado.

Ogni domenica sono proposte visite guidate con approfondimenti sulla mostra temporanea e sugli artisti e sulle opere della collezione permanente.

Da ottobre 2006 è on line il sito internet con una nuova grafica che gli assicura un utilizzo più intuitivo e semplice www.pinacoteca-agnelli.it

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram