Joan Miró - Galería de antirretratos 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva REAL ACADEMIA DE ESPANA - ACCADEMIA REALE DI SPAGNA ​ Via Di San Pietro In Montorio 3 Roma 00153

Roma - dal 4 aprile al 25 maggio 2008

Joan Miró - Galería de antirretratos
[leggi la recensione]

Joan Miró - Galería de antirretratos
[leggi la recensione]
Galatea
 [Vedi la foto originale]
REAL ACADEMIA DE ESPANA - ACCADEMIA REALE DI SPAGNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di San Pietro In Montorio 3 (00153)
+39 065812806
info@raer.it
www.accademiaspagna.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

I lavori presentati affrontano il tema, caro a Miró, del legame arcaico con la terra e con la mitologia mediterranea in cui si inscrivono figure antropomorfe, innaturali, ritratte frontalmente, che fissano lo spettatore con i loro grandi occhi asimmetrici
orario: dal martedì alla domenica, ore 10.00-13.00 / 16.00-19.00. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 4 aprile 2008. ore 19.30
autori: Joan Miró
patrocini: Sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, con il Patrocinio dell'Assessorato alle Politiche culturali del Comune di Roma e della Successió Miró
telefono evento: +39 3332021861
genere: arte contemporanea, personale
email: ufficiostampa.raer@gmail.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una grande mostra dedicata a Joan Miró verrà inaugurata il 4 aprile presso la Reale Accademia di Spagna che festeggia così i suoi primi centotrentacinque anni di attività a Roma.

L'Accademia fu fondata infatti nel 1873 dal politico e intellettuale Emilio Castelar e dal 1881 ha sede nell'antico convento francescano di San Pietro in Montorio. Da allora soddisfa l'interesse di artisti e studiosi spagnoli nei confronti dell'Italia e della sua capitale, accogliendo borsisti impegnati in diverse discipline, dalla pittura alla musica, dalla letteratura al restauro, dal cinema all'archeologia. Ad oggi i pensionados sono stati più di seicento.

La Reale Accademia di Spagna organizza inoltre eventi culturali in collaborazione con diverse istituzioni spagnole, ospitando nelle sue sale e negli spazi esterni mostre, concerti, conferenze, presentazioni e convegni.



Per celebrare questo importante anniversario si è scelto uno dei maggiori protagonisti del Novecento: Joan Miró. L'esibizione, realizzata con la collaborazione del Ministero della Cultura e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione spagnoli, è organizzata dalla Reale Accademia di Spagna, dalla Società Statale per la Azione Culturale all'Estero (SEACEX) e dalla Fondazione Joan Miró di Barcellona da cui provengono tutte le opere esposte.

In mostra ventisei splendide acqueforti e acquetinte realizzate tra il 1969 e il 1978 e quattro sculture in bronzo di grande formato della prima metà degli anni Settanta.

Se il percorso artistico di Miró ha sempre mostrato coerenza e originalità, anche nel momento di maggior legame con il Surrealismo, nella maturità il maestro catalano ha manifestato una profonda apertura verso le tendenze emergenti, come l'Action Painting e l'Informale, e un rinnovato interesse per le arti grafiche.

"Non sono incisore né pittore, ma uno che tenta di esprimersi con tutte le tecniche", amava dire Miró. E la "scoperta" nel 1967 dell'incisione al carborundum, materia granulosa che posta sulla lastra di rame aumenta l'aggressività e l'immediatezza del risultato finale, ne acuì il desiderio di sperimentazione. L'opera grafica e la scultura esaltano poi il rapporto tattile, fisico, che l'artista instaura con la materia.



I lavori presentati nelle sale dell'Accademia affrontano il tema, caro a Miró, del legame arcaico con la terra e con la mitologia mediterranea in cui si inscrivono figure antropomorfe, innaturali, ritratte frontalmente, che fissano lo spettatore con i loro grandi occhi asimmetrici. Una "galleria di antiritratti", appunto, che fonde questi strani personaggi con le stelle e i mondi celesti. Opere in cui, tra decisi segni neri e note di colori accesi, si ritrovano tutti i simboli del linguaggio artistico di Miró.



All'inaugurazione saranno presenti Rosa María Malet (direttrice della Fondazione Mirò di Barcellona), María Isabel Serrano (direttrice della SEACEX) e i familiari dell'artista.



 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram