Categorie: Speednews

Fuoco e brace ai piedi della Scala. Marco Bagnoli per il millennio della Basilica di San Miniato

Lunedì, 22 aprile, alle 19, si terrà la cerimonia di chiusura di Janua Coeli, l’opera che Marco Bagnoli ha realizzato in occasione della celebrazione del Millenario della fondazione della Basilica fiorentina di San Miniato al Monte. Janua Coeli si articola lungo una diagonale ideale che attraversa tutto l’edificio, partendo dal Cimitero delle Porte Sante, al suo esterno, fino ad arrivare all’abside, e si compone di cinque opere che rappresentano i cinque elementi costitutivi dell’universo: Ascolta il flauto di canna, Fonte battesimale, La voce, Sonovasoro e la performance musicale di Luca di Volo, Haec est porta coeli, corrispondenti rispettivamente a Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Etere.
Abbiamo chiesto all’artista che cosa volesse rappresentare con questa sua opera e Bagnoli, per risponderci, ha voluto usare le parole di una poesia, da lui composta per il suo intervento per il Millenario:
«Sulla Svolta dei Vasi
Ora traccio una linea
diagonale
Dal Capricorno all’Acquario
Per annunciare la Porta Celeste.
Tu dici: terre, acque
e fuochi ancora e aria.
Io, nel vento d’etere che accolgo
pongo intatta la Canna nel cipresso
Acqua nel Fonte
Fuoco e brace
ai piedi della Scala
come la Pietra su cui poso
la testa
Vaso Oro Sono
che avvolge nell’aria
la luce della croce.
Sempre accesa e soffio ardente
come nella conchiglia si fa
suono
l’ombra del pendolo
riflessa».
Tutte le opere sono state eseguite dall’Atelier Marco Bagnoli, grazie anche alla coordinazione di Pier Luigi Tazzi, alla direzione tecnica di Marco Ulivieri e Luciano Scali, oltre che alle ricerche d’archivio di Alberto Cioni. Il prossimo Lunedì dell’Angelo, la cerimonia di chiusura si ricollegherà al rituale con cui si erano inaugurate le celebrazioni, il 27 aprile dello scorso anno. Quando gli abbiamo chiesto in cosa consisterà, Bagnoli ha spiegato: «È un fuoco sospeso lungo questa diagonale, accompagnato dal canto dei monaci, che la percorre all’inverso, e disperde verso terra e verso il cipresso trafitto l’elevazione degli elementi raccolti». Il movimento a ritroso di questo fuoco sarà scandito in quattro stazioni – l’Altare Maggiore, lo Zodiaco, la Porta Santa e la balaustra del cimitero – e accompagnato da un canto in stile gregoriano, composto per l’occasione da Giuseppe Scali e intitolato Cumque evigilasset.
Terminata Janua Coeli, Marco Bagnoli ha già altri progetti in programma e ha detto di stare lavorando a un’opera che sia «occasione e segno di apertura, per la Villa Ambrogiana a Montelupo e per il suo territorio». (Lucrezia Cirri)

Articoli recenti

  • Architettura

Architettura sostenibile: il nuovo Serpentine Pavilion ripulisce l’atmosfera

Progettato dallo studio Counterspace, il nuovo Serpentine Pavilion raggiunge l'obiettivo carbon negative, rimuovendo dall’atmosfera più Co2 di quanta ne emette

17 giugno 2021 17:20
  • Progetti e iniziative

Nuove intersezioni e altri dialoghi, nella Collezione dell’Istituto Garuzzo

Un nuovo allestimento della Collezione dell’Istituto Garuzzo, per diffondere le opere di 50 artisti negli spazi monumentali della Castiglia di…

17 giugno 2021 13:27
  • Arti performative

Giorni e notti di Live Arts Week X: a Bologna, performance, installazioni e realtà aumentate

Xing presenta Live Arts Week X che si svolgerà al 19 al 27 giugno a Bologna, sul Lungo Reno, senza…

17 giugno 2021 11:30
  • Arte contemporanea

Hybrida Tales by Untitled Association #15: Studio Corte 17 e Spaziomensa

Untitled Association presenta Hybrida Tales, una mappatura di spazi indipendenti, artist-run spaces e associazioni culturali in tutta Italia: tappa da…

17 giugno 2021 10:03
  • Arte contemporanea

Daniele Puppi, VENTIVENTUNO – Magazzino

In un’alternanza di vuoti e pieni, silenzi e sovrapposizioni, Puppi innesca una riflessione sulla specificità dei singoli linguaggi guardandoli come…

17 giugno 2021 9:53
  • Mercato

Orso sfida orso: “Hack of a Bear” è la nuova proposta digital del duo Hackatao

Il 15° e il 21° secolo si incontrano da Christie’s, dove il disegno “Head of a Bear” di Leonardo viene…

17 giugno 2021 9:40