Categorie: Speednews

Fuoco e brace ai piedi della Scala. Marco Bagnoli per il millennio della Basilica di San Miniato

Lunedì, 22 aprile, alle 19, si terrà la cerimonia di chiusura di Janua Coeli, l’opera che Marco Bagnoli ha realizzato in occasione della celebrazione del Millenario della fondazione della Basilica fiorentina di San Miniato al Monte. Janua Coeli si articola lungo una diagonale ideale che attraversa tutto l’edificio, partendo dal Cimitero delle Porte Sante, al suo esterno, fino ad arrivare all’abside, e si compone di cinque opere che rappresentano i cinque elementi costitutivi dell’universo: Ascolta il flauto di canna, Fonte battesimale, La voce, Sonovasoro e la performance musicale di Luca di Volo, Haec est porta coeli, corrispondenti rispettivamente a Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Etere.
Abbiamo chiesto all’artista che cosa volesse rappresentare con questa sua opera e Bagnoli, per risponderci, ha voluto usare le parole di una poesia, da lui composta per il suo intervento per il Millenario:
«Sulla Svolta dei Vasi
Ora traccio una linea
diagonale
Dal Capricorno all’Acquario
Per annunciare la Porta Celeste.
Tu dici: terre, acque
e fuochi ancora e aria.
Io, nel vento d’etere che accolgo
pongo intatta la Canna nel cipresso
Acqua nel Fonte
Fuoco e brace
ai piedi della Scala
come la Pietra su cui poso
la testa
Vaso Oro Sono
che avvolge nell’aria
la luce della croce.
Sempre accesa e soffio ardente
come nella conchiglia si fa
suono
l’ombra del pendolo
riflessa».
Tutte le opere sono state eseguite dall’Atelier Marco Bagnoli, grazie anche alla coordinazione di Pier Luigi Tazzi, alla direzione tecnica di Marco Ulivieri e Luciano Scali, oltre che alle ricerche d’archivio di Alberto Cioni. Il prossimo Lunedì dell’Angelo, la cerimonia di chiusura si ricollegherà al rituale con cui si erano inaugurate le celebrazioni, il 27 aprile dello scorso anno. Quando gli abbiamo chiesto in cosa consisterà, Bagnoli ha spiegato: «È un fuoco sospeso lungo questa diagonale, accompagnato dal canto dei monaci, che la percorre all’inverso, e disperde verso terra e verso il cipresso trafitto l’elevazione degli elementi raccolti». Il movimento a ritroso di questo fuoco sarà scandito in quattro stazioni – l’Altare Maggiore, lo Zodiaco, la Porta Santa e la balaustra del cimitero – e accompagnato da un canto in stile gregoriano, composto per l’occasione da Giuseppe Scali e intitolato Cumque evigilasset.
Terminata Janua Coeli, Marco Bagnoli ha già altri progetti in programma e ha detto di stare lavorando a un’opera che sia «occasione e segno di apertura, per la Villa Ambrogiana a Montelupo e per il suo territorio». (Lucrezia Cirri)

Articoli recenti

  • Bandi e concorsi

Viaggio nel cuore della Cina? Le Murate lancia il suo bando di residenza

Che ne direste di un viaggio nel cuore della Cina, a Sichuan, letteralmente la provincia dei Quattro fiumi? A mettere…

20 agosto 2019 14:25
  • Mibac

Terno al Mibac. Il governo scommette sull’arte, anzi, azzarda

Il gioco fa bene all'arte. Ma solo a volte. È la duplice faccia del nostro Paese (e della nostra politica)…

20 agosto 2019 12:09
  • Arte contemporanea

Scoprendo l’arte di Maria Berrio, la nuova Frida Kahlo colombiana

Quante mostre sono state dedicate a Frida Kahlo negli ultimi anni? E per vedere la prossima non dovremo attendere molto:…

20 agosto 2019 12:01
  • Arte contemporanea

Qualcuno salvi la Yellow Pumpkin di Yayoi Kusama dal tifone

Di solito sono i selfie a creare problemi alle sue opere ma, questa volta, si è messo in mezzo addirittura un…

20 agosto 2019 9:54
  • Musei
  • Viaggi

Oslo Art To Date

La “private passion” di Astrup Fearnley, in uno dei più belli musei del nord Europa. Nella città della Biennale che…

20 agosto 2019 9:09
  • Fiere e manifestazioni

Al via la decima edizione della Biennale di Soncino

Pittori, grafici, fotografi, scultori e videomaker provenienti da diversi Paesi si riuniranno in uno dei borghi medievali più belli d’Italia

20 agosto 2019 7:43