Torino Art Week. Garage Pinksummer, l’avamposto torinese della galleria genovese

Via Perugia 8, zona Borgo Dora, a due passi dalla Nuvola Lavazza di Flat.

La situazione: palazzo in riqualificazione, per un quartiere più in “modificazione” e recupero che gentrificazione (in questo caso grazie alla società immobiliare H+18 con Gianquinto e Solution Architetti).

Al piano terra, su strada, un pesante cancello è semi-aperto e, all’interno del garage, si svela un mondo.

pinksummer a Torino, via Perugia 8

È quello di Pinksummer, galleria genovese capitanata da Francesca Pennone e Antonella Berruti (a “Back to the Future” ad Artissima con un bello stand monografico dedicato a Superstudio) che qui hanno deciso di fare una “expanded dimension – SottoSopra” della fiera con una serie di artisti legati alla galleria, con vecchi progetti e lavori inediti.

Pinksummer, in realtà, non è nuova ai “goes to” e in questi anni ha portato la galleria a Roma (a via del Vantaggio) e a Palermo, in occasione di Manifesta 12.

Che si vede, allora, a Torino? Per esempio l’affascinante cortina di uova (progetto per una scenografia) di Georgina Starr o un trittico degli anni ’90 di Luca Vitone dedicato all’architettura e alle araldiche genovesi, le cartoline fluo e post-verità di Invernomuto, piuttosto che gli affascinanti scheletri-ibridi-meccanici dal piumaggio naturale-industriale di Luca Trevisani o le “bolle di sapone” e gli “aquiloni” di Tomàs Saraceno insieme a opere di Mark Dion, Mariana Castillo Deball, e l’affascinante installazione dell’artista mongolo Tuguldur Yondonjamts, costruita con pelli di serpente e colore su acetato, e che occupa l’intera parete posteriore del garage.

pinksummer a Torino, via Perugia 8

Perché scegliere un posto in città, se già si fa una fiera? Semplice: perché il “solo show” è uno dei modi migliori per presentarsi a una manifestazione come Artissima, ma è fuori discussione anche il fatto che ogni artista dovrebbe avere una sua visibilità.

E se non è possibile offrirla nei metri quadrati (e con i prezzi) dell’Oval Lingotto perché non uscire all’esterno e dare la possibilità (non solo ai collezionisti ma anche a visitatori, oltre agli artisti coinvolti) di avere un’altra bella mostra in città, e una seconda chance per gli affari?

Affrettatevi, perché avete solo oggi e domani e poi Pinksummer torna a Genova!

Condividi
Pubblicato da
Tag: artissima Georgina Starr invernomuto luca trevigiani luca visone Mark Dion Pinksummer Tomás Saraceno torino art week Tuguldur Yondonjamts

Articoli recenti

  • Beni culturali
  • Mibact

103 milioni per i Grandi Progetti Culturali: dalla Loggia di Isozaki all’Arsenale di Venezia

Dario Franceschini ha annunciato un piano da più di 103 milioni di euro per la realizzazione di 11 Grandi Progetti…

11 agosto 2020 15:36
  • Libri ed editoria

Sarà Treccani l’editore del catalogo della Quadriennale di Roma 2020

L’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani sarà l’editore del catalogo della Quadriennale di Roma 2020: 500 pagine per raccontare l’arte italiana degli…

11 agosto 2020 10:10
  • Danza
  • Teatro

Al DAP Festival 2020, tre coreografie nella Pineta della Versiliana

Di ombre, corpi e piogge: il racconto di tre coreografie al Teatro La Versiliana, per la quarta edizione del DAP…

11 agosto 2020 9:36
  • Beni culturali

Il caso di Palazzo Odescalchi: presentata l’interrogazione al Ministro Franceschini

Restauri ingombranti e opere scomparse: arriva in Commissione l'interrogazione al Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, in merito al caso…

10 agosto 2020 15:18
  • Mercato

Il rapporto tra collezionismo e tasse attraverso alcuni casi giurisprudenziali (II PARTE)

Il collezionista che vende le proprie opere d'arte deve pagare le tasse? E se sì, quando?

10 agosto 2020 12:51
  • Libri ed editoria

Le ragioni culturali dell’Ecoinciviltà, per il filosofo Stefano Righetti

Ecoinciviltà è l'ultimo pamphlet di Stefano Righetti, in cui vengono raccontate e sistematizzate tutte le nostre responsabilità culturali e filosofiche…

10 agosto 2020 12:10