Torino Art Week. Garage Pinksummer, l’avamposto torinese della galleria genovese

Via Perugia 8, zona Borgo Dora, a due passi dalla Nuvola Lavazza di Flat.

La situazione: palazzo in riqualificazione, per un quartiere più in “modificazione” e recupero che gentrificazione (in questo caso grazie alla società immobiliare H+18 con Gianquinto e Solution Architetti).

Al piano terra, su strada, un pesante cancello è semi-aperto e, all’interno del garage, si svela un mondo.

pinksummer a Torino, via Perugia 8

È quello di Pinksummer, galleria genovese capitanata da Francesca Pennone e Antonella Berruti (a “Back to the Future” ad Artissima con un bello stand monografico dedicato a Superstudio) che qui hanno deciso di fare una “expanded dimension – SottoSopra” della fiera con una serie di artisti legati alla galleria, con vecchi progetti e lavori inediti.

Pinksummer, in realtà, non è nuova ai “goes to” e in questi anni ha portato la galleria a Roma (a via del Vantaggio) e a Palermo, in occasione di Manifesta 12.

Che si vede, allora, a Torino? Per esempio l’affascinante cortina di uova (progetto per una scenografia) di Georgina Starr o un trittico degli anni ’90 di Luca Vitone dedicato all’architettura e alle araldiche genovesi, le cartoline fluo e post-verità di Invernomuto, piuttosto che gli affascinanti scheletri-ibridi-meccanici dal piumaggio naturale-industriale di Luca Trevisani o le “bolle di sapone” e gli “aquiloni” di Tomàs Saraceno insieme a opere di Mark Dion, Mariana Castillo Deball, e l’affascinante installazione dell’artista mongolo Tuguldur Yondonjamts, costruita con pelli di serpente e colore su acetato, e che occupa l’intera parete posteriore del garage.

pinksummer a Torino, via Perugia 8

Perché scegliere un posto in città, se già si fa una fiera? Semplice: perché il “solo show” è uno dei modi migliori per presentarsi a una manifestazione come Artissima, ma è fuori discussione anche il fatto che ogni artista dovrebbe avere una sua visibilità.

E se non è possibile offrirla nei metri quadrati (e con i prezzi) dell’Oval Lingotto perché non uscire all’esterno e dare la possibilità (non solo ai collezionisti ma anche a visitatori, oltre agli artisti coinvolti) di avere un’altra bella mostra in città, e una seconda chance per gli affari?

Affrettatevi, perché avete solo oggi e domani e poi Pinksummer torna a Genova!

Condividi
Pubblicato da
Tag: artissima Georgina Starr invernomuto luca trevigiani luca visone Mark Dion Pinksummer Tomás Saraceno torino art week Tuguldur Yondonjamts

Articoli recenti

  • Mostre

Fosco Valentini, Lo stesso gesto in un altro spazio tempo | Galleria Alessandra Bonomo

Fosco Valentini nella sua personale da Alessandra Bonomo a Roma propone allo spettatore una serie di viaggi tra Scienza e…

17 febbraio 2020 10:39
  • Teatro

Crisi del Teatro? Falso. Ad essere in crisi sono solo i teatri

Il tramonto del teatro come “rito collettivo” sta cambiando anche i paradigmi economici delle sale di rappresentazione. Come intraprendere una…

17 febbraio 2020 9:45
  • Fotografia

Scorci di Cina a Prato: le fotografie di Jacopo Valentini per Camera Work

In mostra a Ravenna, le fotografie del giovane vincitore del concorso Camera Work, Jacopo Valentini. Che ci racconta l'incontro tra…

17 febbraio 2020 6:30
  • Mercato

Le vendite di Frieze Los Angeles

Frieze Los Angeles chiude la sua seconda edizione con un'ottimo risultato. Merito della città e della "facilità" della fiera stessa

17 febbraio 2020 0:29
  • Opening

Gabriella Ciancimino alla Galleria Gilda Lavia, Roma

A Roma, alla Galleria Gilda Lavia, inaugura questa sera la personale di Gabriella Ciancimino, con opere inedite. Fino al 30…

17 febbraio 2020 0:11
  • Attualità

exibart.artworld: il giro del mondo dell’arte in sei notizie

Come si pronuncia correttamente Vincent Van Gogh? Questa e altre notizie dal mondo dell'arte per l'immancabile rubrica del fine settimana:…

16 febbraio 2020 12:30