Categorie: Beni culturali

L’Italia restituisce al Messico 30 reperti archeologici ritrovati dai Carabinieri

Un gesto significativo, quello del Ministero della Cultura italiano, nella lunga e complessa strada della restituzione dei beni culturali depredati o esportati: circa 30 reperti archeologici sequestrati dal Nucleo Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale in diverse Regioni del nostro Paese sono stati restituiti al Messico. I reperti sono stati riconosciuti e autenticati dai funzionari del Museo delle Civiltà di Roma e dall’Instituto Nacional de Antropologia e Historia del Messico.

«Un gesto concreto di diplomazia culturale, che conferma l’impegno dell’Italia nel contrasto al traffico illecito di beni culturali e nella restituzione ai Paesi di provenienza del patrimonio culturale di loro appartenenza», ha dichiarato il Ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Tra i reperti ritrovati e restituiti al Messico, tre statuette in terracotta appartenenti alle culture Maya dello Stato di Campeche (VI-X secolo d.C) e a quella di Remojadas dello Stato di Veracruz (III-VII secolo d.C); due statuette di figure antropomorfe in argilla modellata risalenti alla cultura Teotihuacana dell’altopiano centrale del Messico (III-VII secolo d.C) e a quella delle valli centrali di Oaxaca (XI-XVI sec. d.C.); 17 reperti archeologici appartenenti alle culture Totonaca, Michoacán, Coyotlatelco, Zapoteca, Mixteca, Maya o afferenti al periodo preclassico, classico e postclassico mesoamericano; sei figurine antropomorfe in terracotta, argilla e pietra di piccole dimensioni, una collana in roccia e un vaso in argilla con decorazioni.

Lo scorso anno era stati restituiti al Messico altri reperti trovati dai nuclei dei Carabinieri carabinieri di Ancona e di Torino a seguito di alcune indagini coordinate dalla procura torinese e condotte tra il 2020 e il 2021, a seguito delle quali è stata accertata l’esportazione illecita dal territorio degli Stati Uniti del Messico.

Verranno restituiti, invece, dal Messico all’Italia, i 1.271 documenti che costituiscono l’archivio personale dello scultore italiano Ettore Ferrari, autore, tra le altre cose, della statua di Giordano Bruno a Campo dei Fiori a Roma.

Anche in Messico è accesa la discussione sulle restituzioni e sulla diaspora dei Beni Culturali. Alcuni mesi fa, suscitò molte polemiche nel Paese la presa di posizione della Citigroup, società statunitense, che decise di vendere la sua sezione bancaria, Citibanamex, insieme alla collezione d’arte, comprendente circa 2mila opere realizzate nel Paese dell’America Centrale dal XVIII secolo a oggi, a rischio quindi di finire sul mercato.

Articoli recenti

  • Mostre

Otto dipinti di Jean Dubuffet in mostra per la prima volta a Parigi

A settembre la Galerie Lelong & co di Parigi presenterà per la prima volta al pubblico i Paysages du Val-de-Marne…

15 Agosto 2022 0:30
  • Mostre

‘Scelte Apparizioni’: Braconi, El Asmar, Modica a D3082 alla Domus Civica Art Gallery, Venezia

La mostra "Scelte Apparizioni" raccoglie tre opere di Lara Ilaria Braconi, Elena El Asmar e Concetta Modica negli spazi di…

15 Agosto 2022 0:02
  • Mercato

Stranger Things! Gli oggetti più curiosi passati all’asta (da gennaio a oggi)

Dinosauri, meteoriti, perfino un kit anti-vampiro. La nostra rassegna sui lotti insoliti del primo semestre 2022

14 Agosto 2022 23:46
  • Arte contemporanea

Castelbasso: Aryan Ozmaei e Francesco Lauretta uniti nel rito

Come Ozmaei, anche Lauretta esplora la dimensione del rito: a Castelbasso un doppio dialogo tra l'artista iraniana e l'artista siciliano,…

14 Agosto 2022 16:21
  • exibart.prize

exibart prize incontra Giovanna Rigattieri

Anche se spesso la natura delle mie opere è cupa e nostalgica, in realtà l’elemento fondamentale per me è il…

14 Agosto 2022 9:26
  • Mostre

Le opere di Daniele Basso al Santuario di Oropa, tra arte e spiritualità

Le opere di Daniele Basso in mostra nel complesso monumentale del Santuario di Oropa: un percorso espositivo, curato da Irene…

14 Agosto 2022 8:52