Categorie: exibart.prize

Sorgenti Digitali: dal 24 aprile l’arte digitale a Montecatini Terme

di - 18 Aprile 2024

Dal contemporaneo di livello nazionale di Florilegio Italiano all’iper-contemporaneo di “Sorgenti Digitali” il passo non è brevissimo. Mondi diversi e distinti, tecniche diverse e distanti. Certamente un nuovo modo di espressione della creatività.

L’Amministrazione Municipale di Montecatini Terme ha dato spazio a espressioni della cultura del territorio pure estranee ai circuiti accademici e, dopo aver costruito un “gabinetto delle arti grafiche e del disegno” ed aver innalzato la qualità della collezione permanente del Mo.C.A., esplora con questa iniziativa il mondo digitale.

L’arte digitale cambia la cultura artistica con l’introduzione della tecnologia, l’utilizzo delle tecnologie digitali permette una diversa accessibilità e fruibilità dei beni culturali e, allo stesso tempo, crea sfide e opportunità per la conservazione e la valorizzazione degli stessi. Questa continua evoluzione ha cambiato drasticamente la scena artistica odierna rispetto a quella di pochi anni fa, l’era digitale ha avuto enorme impatto sul modo in cui comunichiamo gli uni con gli altri e anche su come “consumiamo” le arti. Il digitale impatta sempre di più sull’arte e le innovazioni tecnologiche permettono di comunicare l’arte digitale in modo sempre più efficace.

La tecnologia permette sempre più una maggiore espressione creativa e una nuova accessibilità alle opere d’arte. Si creano nuove forme d’espressione artistica come la video arte, l’arte generativa e l’arte interattiva, forme d’arte si servono di computer, software e dispositivi digitali per creare opere che esplorano i nuovi possibili modi di esprimere l’arte.

La tecnologia digitale ha incentivato l’interazione tra artisti e pubblico. Con l’arte digitale interattiva gli spettatori possono partecipare attivamente alla creazione dell’opera stessa, modificando o reagendo alle sue caratteristiche. Un modo per essere sempre più coinvolti nella creazione di un patrimonio condiviso e che sia al passo con i gusti e le esigenze del pubblico contemporaneo.

Considerato che il comune di Montecatini Terme sta da tempo portando avanti uno sviluppo notevole delle sue collezioni di arte contemporanea per incentivare, coinvolgere e sensibilizzare il pubblico e la cittadinanza – anche quella più giovane – il Comune decide di fare un ulteriore step e portare, per la prima volta, l’arte digitale a Montecatini Terme.
Il panorama artistico Italiano è molto avanti sul piano dell’arte digitale, numerosi sono gli artisti italiani che si stanno affermando ad alti livelli internazionali.
Quattro gli artisti che sono stati coinvolti in questa iniziativa del Comune di Montecatini Terme, coordinati dalla curatela di Simone Sensi.

MiTch Laurenzana, artista phygital modenese che lavora con l’intelligenza artificiale presenta gli in-Human: esseri, entità, volti privati della perfezione estetica che riflettono l’animo umano e che si sviluppano sia su grandi tele che su supporti digitali di vario tipo, schermi e proiezioni.

Michelangelo Bastiani artista toscano che lavora da tempo con la tecnologia degli ologrammi e la riproduzione realistica degli elementi, fuoco e acqua attraverso proiezioni iperrealistiche.

Michelangelo Bastiani – Climate cloud

Paolo Treni vive e lavora in Lombardia e concepisce l’opera come un processo alchemico di trasformazione della materia grezza e sorda in un composto sublimato e luminoso. Usa infatti laser, smalti, pigmenti e vernici per trasformare delle comuni lastre di plexiglas in superfici che catturano e irradiano la luce, modulandola sulle cangianti frequenze dello spettro cromatico.

Paolo Treni – Light box Dino Dynamo

Alessandro D’Aquila abruzzese, attualmente residente a Milano, utilizza il linguaggio Braille come protagonista della sua ricerca artistica. La scelta di utilizzare un linguaggio non pensato per essere visto, ma dalle potenti proprietà grafiche, nasce dalla volontà di portare alla luce temi spesso non più oggetto d’attenzione e dalla necessità di portarne perciò di nuova attraverso la fantasia e l’intuito, andando oltre le parole e trovando risposte dentro ciò che può sembrare solo un limite.

Alessandro D’Aquila – Foco

SORGENTI DIGITALI
Dove: PALAZZO DEL TURISMO / Viale Giuseppe Verdi, 68 – Montecatini Terme
Data: 24 aprile – 19 maggio 2024 / ingresso gratuito
Orari: lun-gio ore 18.00/20.00, ven-sab-dom ore 10.00/12.00 – 16.00/21.00
Vernissage: Light painting Paolo Treni / Dj set e vernissage con gli artisti: mercoledì 24 aprile, dalle ore 19.00
Artisti: Michelangelo Bastiani, MiTch Laurenzana, Alessandro D’Aquila, Paolo Treni
Genere: arte contemporanea, mostra phygital
Curatela: Simone Sensi
Info: Comune di Montecatini Terme – ufficio Cultura – t. 0572 918299 – email: cultura@mct.it

Articoli recenti

  • Fotografia

Other Identity #113. Altre forme di identità culturali e pubbliche: Edoardo Pasero

Other Identity è la rubrica dedicata al racconto delle nuove identità visive e culturali e della loro rappresentazione nel terzo…

25 Maggio 2024 12:11
  • Mostre

Instabilità quotidiana: arte contemporanea a Palazzo Bronzo di Genova

Il disagio agiato e la nuova carne: tre giovani artisti in mostra a Palazzo Bronzo di Genova, per svelare il…

25 Maggio 2024 10:10
  • Progetti e iniziative

Visionaria: il viaggio di Alessandra Carloni nel mondo di Italo Calvino

L’archetipo del viaggio, attraverso le pagine di Italo Calvino, in 40 opere: la Galleria DADART presenta la mostra di Alessandra…

25 Maggio 2024 8:23
  • Mercato

Il Ponte Casa d’Aste: di gatti futuristi e altri lotti fuori dal comune

I maestri dell'arte moderna e contemporanea vanno in vendita a Milano, da Sam Francis a Giacomo Balla. Ne abbiamo parlato…

25 Maggio 2024 6:24
  • Mostre

La più grande retrospettiva di Federica Marangoni è in mostra a Venezia

Fino al 24 novembre 2024 sarà visitabile l'esposizione "Federica Marangoni. ON THE ROAD 1970-2024. Non solo vetro", presso il Museo del…

25 Maggio 2024 0:03
  • Mercato

Dorotheum: all’asta volano Klimt, Warhol e Picabia

Ottimi traguardi anche per gli italiani Mario Ceroli e Toti Scialoja. Sguardo agli highlights della Contemporary Week

24 Maggio 2024 18:19