Categorie: Mostre

Selva: la mostra di Eva Jospin al Museo Fortuny di Venezia

di - 14 Aprile 2024

Cartone, elementi e fibre vegetali, parti metalliche, tessuto, sono questi gli elementi che compongono Selva, la mostra di Eva Jospin a cura di Chiara Squarcina e Pier Paolo Pancotto, in collaborazione con Galleria Continua. Il piano terra del Museo Fortuny prende una forma nuova, la grande sala viene infatti trasformata, anche architettonicamente, dall’artista che con le sue composizioni plastiche è riuscita a creare un imponente corridoio che accompagna il visitatore introducendo alla mostra e al suo lavoro.

SELVA, Foto Benoît Fougeirol

L’atmosfera in cui ci addentriamo è quasi fiabesca, a tratti misteriosa, ci troviamo di fronte ad un’imponente architettura che solo ad un secondo sguardo più ravvicinato capiamo essere composta interamente da strati di cartone modellato in incredibili forme e paesaggi. Allo stesso modo i bellissimi quadri colorati che rappresentano foreste incantate si rivelano essere fitti ricami a mano, talvolta sovrapposti in modo da ricreare la vegetazione di una vera selva. Una serie di rimandi a vari temi rende molto interessante il percorso espositivo. Infatti è attraverso la creatività e a processi operativi e intellettuali che Eva Jospin tratta questioni ecologiche e ambientali. Paesaggi, alberi, piante, rami, foglie, formazioni geologiche, brani di vegetazione, strutture architettoniche, sono da sempre al centro della ricerca dell’artista, colte tanto nel suo stato originario quanto nelle molteplici interpretazioni iconografiche e iconologiche che ne sono state offerte nel corso del tempo.

SELVA, Foto Benoît Fougeirol

Ritornando al percorso della mostra, il fulcro dell’installazione è Galleria (2021-2024): un passaggio ad arco con soffitto a cassettoni realizzato con cartone, legno e materiali vari in cui ricorrono diverse fonti d’ispirazione del lavoro dell’artista. Sul fondo del portego si accede a una sala dove si trova Carmontelle (2023), un panorama “animato” ispirato ai paesaggi trasparenti ideati da Louis Carrogis de Carmontelle (Parigi 1717-1806): vedute incise su tela e fatte ruotare su un rotolo di carta teso tra due strutture cilindriche usate come sfondo per azioni sceniche e teatrali. Ed è allo stesso modo che la Jospin elabora una veduta traforata mossa da un dispositivo meccanico che rievoca, idealmente, quelli concepiti dal pittore e architetto francese del XVIII secolo tanto nella struttura quanto nella funzione scenica e, al tempo stesso, richiama l’attività svolta da Fortuny nel campo della scenografia.

SELVA, Foto Benoît Fougeirol

Una mostra di carattere che si relaziona a suo modo con l’allestimento dell’atelier di Mariano Fortuny al piano superiore del museo. Nymphées (2022-2024), appare come un omaggio dell’artista alla tradizione architettonica veneziana dal XVI secolo in poi: una serliana articolata in un’apertura centrale ad arco e due laterali trabeate al cui interno sono appesi due ricami incorniciati, sovrapposti, a loro volta, ad altri ricami, chiusa ai lati da due pannelli i dipinti a trompe-l’oeil di soggetto agreste fanno eco a quelli eseguiti da Fortuny nel “giardino d’inverno” al primo piano dell’abitazione.

Ecco dunque che le opere, molte delle quali create per l’occasione, non dialogano solo con il contesto che le accoglie ma soprattutto con l’identità delle raccolte che custodisce, ovvero la produzione artistica di Mariano Fortuny.

Courtesy Fondazione Musei Civici Venezia

Articoli recenti

  • Arte contemporanea

Trovarsi tra le stelle. La poetica installazione di Antonello Ghezzi a Carrara

L'installazione relazionale al MudaC di Carrara permette di osservare il mondo da lontano grazie alla presenza di due periscopi, riflettendo…

19 Maggio 2024 17:39
  • Mercato

Aste, i top price di Lucy Bull

Questa settimana, a New York, il suo "16:10" ha fissato il record di $ 1,8 milioni. Ecco i traguardi d'asta…

19 Maggio 2024 14:13
  • Progetti e iniziative

MUDI: il Cocoricò di Riccione diventa il primo museo in una discoteca

Le iconiche sale del Cocoricò di Riccione, tempio della dance e della techno dagli anni ’90, ospiteranno le opere di…

19 Maggio 2024 8:28
  • Mostre

Pensare come una montagna: il progetto biennale, diffuso e partecipato di GAMeC

La performance di Mercedes Azpilicueta a Brembate, i lavori di Chiara Gambirasio a Castione della Presolana, l'installazione di Sonia Boyce…

19 Maggio 2024 0:02
  • Mercato

Last chance to bid: tornano le aste di Sotheby’s e Christie’s Italia

Dopo le grandi vendite newyorkesi, le majors si sfidano a colpi di arte moderna e contemporanea sul territorio italiano. Lucio…

18 Maggio 2024 16:38
  • Fumetti e illustrazione

Perdersi nel labirinto di Marc-Antoine Mathieu, alla Galleria HDE di Napoli

A Napoli, la HDE, galleria punto di riferimento per le arti grafiche e del fumetto, riparte con una nuova sede…

18 Maggio 2024 14:25