Visionaria: il viaggio di Alessandra Carloni nel mondo di Italo Calvino

di - 25 Maggio 2024

Nel centenario della nascita di Italo Calvino, Galleria DADART presenta la mostra Visionaria di Alessandra Carloni, a Roma presso il Palazzo della Cancelleria, dal 17 al 26 maggio. L’evento, organizzato da Daniela Diodato e curato da Daniela Pronestì, presenta 40 opere ispirate ai racconti di Calvino, tra cui Il Barone Rampante e Le città invisibili. Alessandra Carloni offre una nuova interpretazione dell’opera di Calvino, guidando lo spettatore in un viaggio che “anche quando pare di poche spanne, può restare senza ritorno”. È così che il Palazzo della Cancelleria a Roma diventa il palcoscenico di un’esposizione unica, dove arte e letteratura si fondono in un viaggio immaginifico, attraverso paesaggi visionari e surreali.

Visionaria: 40 cartoline di viaggio, 40 pagine di racconti in cui immergersi, come Mary Poppins nel dipinto lungo la strada; 40 opere dipinte a olio e tecnica mista, che danno vita al mondo narrativo di Calvino. Una mostra grazie alla quale la gallerista Daniela Diodato presenta una prospettiva fresca e originale sui racconti del celebre autore.

Visionaria, olio su tela, 100 x 100, 2024 – Le città invisibili – copia

Conosciuta a livello internazionale per i suoi murales, Alessandra Carloni si distingue per la capacità di trasporre scene e situazioni calviniane in chiave lirica e visionaria. Al centro l’archetipo del viaggio, come nell’opera di Calvino, declinato nelle varie opere all’interno di un dialogo tra arte e realtà, che restituiscono allo spettatore panorami che sfidano i confini dell’immaginazione.

Ecco quindi tele che vedono Cosimo emergere da “quel frastame di rami e di foglie”, con un “cielo solo a sprazzi irregolari”. Dipinti che mettono in scena le parole del Barone rampante, disegni fatti “di rimandi, di macchie, di lacune, che a momenti si sgrana in grossi acini chiari, a momenti si infittisce in segni minuscoli come semi puntiformi, ora si ritorce su se stesso, ora si biforca, ora collega grumi di frasi con contorni di foglie o di nuvole, e poi s’intoppa, e poi ripiglia a attorcigliarsi, e corre e corre e si sdipana e avvolge un ultimo grappolo insensato di parole idee sogni ed è finito”.

Upside down city – – olio su tela 120 x 120, 2023 – Marcovaldo –

Ma qual è il Calvino esposto nella mostra?  «Ho concentrato l’attenzione su cinque opere che, a mio modo, sono stati passaggi chiave nell’opera di Calvino – ci spiega Alessandra Carloni Se una notte d’inverno un viaggiatore, Marcovaldo, Le città invisibili, Il barone rampante e Le lezioni americane. Una sorta di viaggio, dove ho teorizzato il tema calviniano attraverso un personaggio che ha vestito ogni volta panni diversi, a seconda del romanzo che voleva esplorare. Ho costruito una struttura sfaccettata in cui ogni breve testo sta vicino agli altri in una successione che non implica una consequenzialità o una gerarchia, ma una rete entro la quale si possono tracciare molteplici percorsi e ricavare conclusioni plurime e ramificate».

Strade incrociate, olio su tela, 100 x 120, 2024 – Se una notte d’inverno un viaggiatore

Per la curatrice Daniela Pronestì, «Alessandra è un’artista che lavora con il fantastico, quindi ha scelto tre racconti con tematiche affini alle sue: il tema della città, dello spazio urbano, delle relazioni tra uomo e ambiente. Nelle opere che si ispirano alle città invisibili, Alessandra ha indagato la città non solo come insieme di palazzi ed edifici, ma la città come memoria: siamo noi, è il nostro sguardo sulla città. Nelle tele esposte, l’invisibile è anche quello che potrà avvenire, perché l’immaginazione in Calvino è il luogo del possibile. Abbiamo città che guardano lontano, immaginano il futuro. Calvino dice che la crisi della città è strettamente legata alla crisi della natura e Alessandra immagina dove ridisegnare l’equilibrio tra uomo e natura. Ci sono città sgangherate poste in alto e non più per terra, perché forse non avremo più spazio; c’è la città fatta di pixel, perché la nostra realtà oggi è quella virtuale. Dipingendo le sue città, Alessandra ha lavorato sullo sguardo lungo dell’immaginazione, che vede lontano e che immagina i futuri possibili. Un’immaginazione come quella di Cosimo, che sale sull’albero ma non perde il contatto con la realtà: semplicemente guarda da un’altra prospettiva.

Equilibri urbani, olio su tela, 60 x 30, 2024 – Le città invisibili

Il punto di contatto tra Alessandra e Calvino è nel contatto con la natura – continua Daniela –  Cosimo che guarda la foglia, il ramo, il tronco e diventa egli stesso natura: ritrova, come dice Calvino, l’istinto naturale. Cosimo che diventa natura, foglie, tronco, rami: così ce lo restituisce Alessandra in alcuni dipinti esposti. Marcovaldo è un altro volto dell’immaginazione: immerso in una realtà nella quale fa fatica a vivere, in una città spigolosa e volgare, che sono poi le città nelle quali viviamo.  In questa volgarità, Marcovaldo cerca la bellezza: l’immaginazione gli serve per aprirsi uno spiraglio.  Ed ecco esposto un dipinto nel quale Marcovaldo è imbrigliato, bloccato tra i palazzi, impossibilitato ad uscire, ma con lo sguardo guarda lontano: quella è l’immaginazione. È la capacità di crearsi una dimensione altra che sia vivibile, perché lui non ha il coraggio di andarsene. Cosimo è un’idealista, battagliero, che pur di non scendere dall’albero, quando muore, va via con la mongolfiera. Marcovaldo questo coraggio non ce l’ha e Alessandra lo dipinge in città che non sono a misura d’uomo e che lui non può cambiare. Ma ci mostra anche un Marcovaldo che sogna ad occhi aperti le città del futuro, magari espressione di un equilibrio tra natura e architettura».

Cosimo, olio su tela, 40 x 21, 2024 – Barone Rampante

Alessandra con la sua arte entra nel labirinto di Calvino, un nido di ragno dal quale si rischia di non uscire. Dove la complessità è il luogo del molteplice, che cela infinite strade possibili. Dipinti che ricordano i fotogrammi delle opere di animazione di Miyazaki, raffigurazioni di agglomerati urbani  dove “ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone”. Figure, né maschili né femminili, che guardano un orizzonte lontano a occhi chiusi, simboleggiano un viaggiatore che conosce il reale attraverso le esperienze; il cui vero viaggio è sì verso il macrocosmo, ma alla scoperta del suo microcosmo. Un viaggio nei luoghi dell’anima tra mondi fiabeschi, città sospese tra le nuvole, animali onirici; tra edifici accatastati tenuti insieme da una natura matrigna che, nonostante tutto, cerca di custodirli; in boschi di fiori giganti dove piante ed esseri umani emergono dalla stessa terra, fatti della stessa materia.

Il caos ordinato di Alessandra è un gioco di richiami, parallelismi, illusioni. Illusione, quel magico sostantivo che ha in sé il verbo ludere, giocare. E quello che si mostra al visitatore della mostra al Palazzo della Cancelleria è un gioco: di dipinti che parlano una lingua fantastica, leggera, articolata, dalla pennellata chiara, precisa, concreta. Come la lingua di Calvino.

Nota di colore, olio su tela, 40 x 40, 2024 – Marcovaldo –

La mostra è accompagnata da un catalogo opera di Dadart Edizioni, contenente i dipinti in esposizione commentati da testi critici a cura di Daniela Pronestì.

Articoli recenti

  • Mostre

Romantica e onirica, sensuale e carnale: è Sang A Han, ed è a Milano

Pittura orientale tradizionale, come i Sansu-hwa, dipinti di paesaggi dell'epoca Josen e Gwaneum-do, le icone buddiste che rispecchiano i desideri…

14 Giugno 2024 0:02
  • Mostre

Art Basel: 5 mostre da non perdere nei giorni della super fiera

Dal "Summer Show" alla Fondazione Beyeler ai neon di Dan Flavin al Kunstmuseum. Guida alle mostre in corso tra Basilea…

13 Giugno 2024 22:33
  • Arte contemporanea

Diversità sonora e cura dell’ascolto: due appuntamenti al Padiglione Italia

Continuano gli appuntamenti del public program del Padiglione Italia di Massimo Bartolini e Luca Cerizza alla 60ma Biennale d’arte di…

13 Giugno 2024 17:44
  • Arte contemporanea

Roma attraverso Expodemic Festival: giro tra Prati e Monteverde

In occasione della seconda edizione di Expodemic, il Festival diffuso delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri a Roma,…

13 Giugno 2024 14:00
  • Progetti e iniziative

L’estate 2024 di Magazzino Italian Art, gli appuntamenti in programma

Cinema in Piazza, approfondimenti su Carla Lonzi e il femminismo, concerti e cucina italiana: Magazzino Italian Art di New York…

13 Giugno 2024 12:10
  • Progetti e iniziative

Il contemporaneo entra a Santa Maria della Scala di Siena: annunciato il programma biennale

La Fondazione Antico Ospedale Santa Maria della Scala di Siena presenta il programma 2024-2026, ricco di mostre ed eventi culturali,…

13 Giugno 2024 10:58