Bolzano, le mostre del 2024 a Museion, tra giovani artisti e figure storiche

di - 8 Dicembre 2023

«Da dove veniamo e dove vogliamo andare?». Da questa domanda fondamentale riparte Bart van der Heinde, direttore di Museion di Bolzano, presentando il programma espositivo e di attività del prossimo anno. «Con HOPE, terzo capitolo di TECHNO HUMANITIES, ci siamo posti nel 2023 l’obiettivo di creare spazi di speranza, comunità e appartenenza e di intendere il museo come un luogo attivo di immaginazione e di riscrittura della storia», continua il direttore, che per il 2024 anticipa «Un confronto critico e proficuo con il patrimonio culturale e per attivare un dialogo tra giovani artiste e artisti visionari e figure storiche di riferimento. Al centro del programma, con un’attenzione sia regionale che internazionale, troviamo forme sostenibili di coproduzione, costruzione di comunità e solidarietà».

Monia Ben Hamouda, Resisting (Aniconism as Figuration Urgency), About Telepathy and other Violences II (Aniconism as Figuration Urgency), About Telepathy and other Violences (Aniconism as Figuration Urgency), 2023. Foto / Photo: Marjorie Brunet Plaza, Courtesy the artist and ChertLĂźdde
Jim C. Nedd, Sofia, 2023. Courtesy the artist and SANDY BROWN
Giorgia Garzilli, P.S., 2023, Foto / Photo: DSL Studio, Courtesy the artist and Triennale Milano

Il programma espositivo primaverile ruota intorno al concetto di rinascita. Le pratiche rigenerative saranno al centro di RENAISSANCE_2024, una grande mostra di opere di giovani artiste e artisti legati a Milano e all’Alto Adige: AliPaloma, Monia Ben Hamouda, Costanza Candeloro, Filippo Contatore, Isabella Costabile, Binta Diaw, Giorgia Garzilli, Sophie Lazari, Lorenza Longhi, Magdalena Mitterhofer, Jim C. Nedd, Luca Piscopo, Raphael Pohl, Davide Stucchi, Tobias Tavella. La mostra sarà curata da Leonie Radine e sarà visitabile dal 23 marzo all’1 settembre 2024.

Ezio Gribaudo nel suo studio, Torino. Copyright Archivio Gribaudo, Torino / in seinem Studio, Turin / in his studio, Turin. Copyright Archivio Gribaudo, Turin

In contemporanea, verrà riesaminata l’opera dell’artista ed editore Ezio Gribaudo. In collaborazione con il Kunstverein di Graz e l’Archivio Gribaudo di Torino, la mostra, a cura di Tom Engels e Lilou Vidal, in collaborazione con Leonie Radine, vedrà contributi sonori di Tomaso Binga, CAConrad, Bryana Fritz, Susan Howe e David Grubbs, Katalin Ladik, Hanne Lippard, Nat Marcus, Patrizia Vicinelli. All’interno di una scenografia del milanese Davide Stucchi, la mostra esplorerà il lavoro di Gribaudo da una prospettiva contemporanea come pratica rigenerativa e collettiva tra arte, poesia e design.

Ugo Carrega, AA. VV. Fra significante e significato [Manifesto di Nuova Scrittura] – Tra significante e significato, 1975. Collezione Museion – Archivio di Nuova Scrittura. Foto / Photo: Gardaphoto s.r.l., Salò
Altre figure storiche chiave italiane, il cui impegno socioculturale fa da modello per la pratica istituzionale di Museion, sono Alberto Garutti e Ugo Carrega: i loro progetti Cubo Garutti e Mercato del Sale saranno al centro di due esposizioni legate alla collezione. Attraverso il loro lavoro su libri, nelle Accademie o nei centri culturali, i tre artisti sopracitati condividono un ruolo centrale di mediazione transdisciplinare, collegando realtà artistiche regionali e internazionali. Nel 2024 ricorre anche il centesimo compleanno dell’artista gardenese Adolf Valazza, al quale Museion dedica un omaggio partendo da opere della collezione.

Akram Zaatari. Footnote to “Hashem el Madani: Studio Practices”, excerpt from Kissing series. Photos by Hashem El Madani, 1950s, 2007-2014. Copyright: Akram Zaatari. Courtesy of the artist and Sfeir-Semler Gallery Beirut/Hamburg

Infine, da settembre, la Collezione Enea Righi, una delle più importanti di arte contemporanea a livello internazionale, occuperà per la seconda volta dal 2010 l’intero edificio, approfondendo la sua lunga collaborazione con Museion. Con il titolo Among the Invisible Joins, ripreso da uno scritto di Virginia Woolf, la mostra riunisce opere impegnate dal punto di vista sociopolitico e poeticamente toccanti, con posizioni emergenti e affermate a livello internazionale, tra arte, architettura e design.

Altri esempi chiave che delineano la sinergia tra pubblico e privato del 2024 sono due collaborazioni con fondazioni internazionali e le relative borse di studio, a sostegno dell’arte contemporanea emergente. La prima, attivata in occasione di RENAISSANCE_2024, vedrà l’assegnazione, a un artista parte della mostra del VG Award alla Vordemberge-Gildewart Foundation, di un premio del valore di 60mila franchi svizzeri. La seconda occasione è una borsa di produzione per artiste e artisti del Sud-Est asiatico impegnati con i media, assegnata da Museion insieme alla Han Nefkens Foundation, che finanzia ogni anno un’opera video del valore di 15mila dollari. Quest’anno è stato sostenuto l’artista Truong Công Tùng, il cui nuovo film sarà proiettato nel 2024 in varie istituzioni in Asia e a Bolzano, per poi diventare parte della collezione di Museion.

Articoli recenti

  • Mostre

Di miti e di sirene, di canti e di misteri narra a Napoli Fabrizio Cotognini

Nel cuore della cittĂ  partenopea, al terzo piano di Palazzo Caracciolo d’Avellino, la Fondazione Morra Greco ospita fino al 30…

23 Febbraio 2024 0:02
  • Fotografia

Amore e guerra. Gerda Taro e Robert Capa da Camera a Torino

Dopo le mostre dedicate all’opera di Dorothea Lange e AndrĂŠ Kertesz, prosegue il percorso di Camera Centro Italiano per la…

22 Febbraio 2024 20:48
  • Arte contemporanea

Tracce e archeologia nella personale di Pietro Fachini da ArtNoble

Le pagine di una fiaba, una cosmogonia di storie. A Milano, la natura in continua trasformazione è la protagonista della…

22 Febbraio 2024 20:37
  • Fiere e manifestazioni

Lo spettacolo del male. Svelato il programma di Popsophia 2024

Torna ad Ancona, dal 21 al 24 marzo, una nuova edizione di Popsophia, kermesse che dal 2011 esplora temi legati…

22 Febbraio 2024 17:38
  • Arte moderna

Un’opera inedita di Cezanne è stata scoperta nella sua casa di famiglia

Un dipinto murale di Paul Cezanne, precedentemente sconosciuto, è stato ritrovato sotto strati di intonaco e carta da parati nella…

22 Febbraio 2024 17:38
  • Libri ed editoria

È morta Lucia Spadano, critica d’arte e fondatrice della rivista Segno

Dal 1976, la giornalista ha condotto la rivista che ha attraversato quasi mezzo secolo di arte, raccontandone i momenti salienti…

22 Febbraio 2024 15:43