Pino Pascali l’immortale, attraverso l’obiettivo di Ugo Mulas

La mostra “Dialoghi: Pino Pascali e Ugo Mulas”, alla Fondazione Museo Pino Pascali con la curatela di Alessio de’Navasques in collaborazione con l’Archivio Ugo Mulas, ricostruisce l’ascesa dell’artista Pino Pascali mostrando quanto fertile fosse quel periodo storico, della fine degli anni’60, nel quale confluivano iconiche le connessioni tra arte, moda ed editoria. La vita straordinaria di Pascali è costellata di incontri speciali: amicizie o collaborazioni lavorative decisive, rapporti che hanno in qualche modo attraversato il suo percorso artistico come scrive Alessio de’Navasques, nel testo introduttivo alla mostra.
Una di queste figure decisive è Ugo Mulas, il fotografo italiano più noto e rispettato all’estero i cui rapporti con l’arte e gli artisti sono stati documentati magistralmente, da Marcel Duchamp a Robert Rauschenberg, da Lucio Fontana ad Arnaldo Pomodoro, dagli scatti a New York a quelli realizzati alla Biennale di Venezia.

Pino Pascali e Michelle Coudray Roma 1968 Fotografie Ugo Mulas © Eredi Ugo Mulas. Tutti i diritti riservati. Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano – Galleria Lia Rumma, Milano_Napoli

Mulas ha dato una riflessione capitale sul metodo, la grammatica sul presente, e sul futuro della fotografia. Anche da questo incontro con Pascali, Mulas riuscirà a rendere l’intensità della vita, il tuttouno tra l’artista e l’opera Cavalletto, catturando dei momenti veramente ineluttabili della sua vita. Regalandoci uno scorcio estetico inedito, che decreta il mito assoluto di Pino Pascali. Mulas coglie – con quel distacco tipico da testimone ed interprete i tratti caratteristici della personalità di Pascali: la verve ironica, l’anticonformismo, l’intenzione profonda nella ricerca del gesto e nel rapporto con l’opera.
L’artista si muove come uno sciamano immerso nel suo elemento, ne coglie anche i momenti conviviali al Florian e quelli della contestazione politica, dal confronto con gli studenti che manifestavano nei Giardini della Biennale, all’immagine del telegramma con cui Pascali annuncia la chiusura della sua sala.

Dialoghi: Pino Pascali e Ugo Mulas, exhibition view

Il recupero del mito, arriva a noi in quarantuno immagini in bianco e nero, rare vintage print, serie poco conosciute o mai esposte interamente, tracciando uno spaccato di incontri e destini incrociati, tra il fotografo milanese e l’artista pugliese, in un racconto inedito attraverso l’esperienza pionieristica per i primi due numeri de L’Uomo Vogue.
Questa esperienza seminale nel panorama editoriale internazionale, viene ricostruita per la prima volta attraverso tutte le immagini, degli editoriali più belli di Mulas pubblicati sui primi numeri della testata, quello con gli artisti in pelliccia del 1967 e Sette più sette artisti d’oggi le loro opere i loro abiti del 1969. Per queste serie posarono personaggi di spicco della scena culturale di quegli anni: da Lucio Fontana a Ettore Sottsass da Alighiero Boetti, ad Aldo Mondino, Tommaso Trini, Getulio Alviani e molti altri. In questa occasione Mulas scatta il più iconico dei ritratti di Giangiacomo Feltrinelli editore e rivoluzionario, tra gli avventori celebri del Bar Giamaica che appare, elegante e dandy, in astrakan e colbacco, come un personaggio di Pasternak, di cui era stato il primo a pubblicare in Italia le opere.

Alighiero Boetti 1967-1968 L’Uomo Vogue_Fotografie Ugo Mulas © Eredi Ugo Mulas. Tutti i diritti riservati. Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano – Galleria Lia Rumma, Milano_Napoli

Nell’editoriale del 1969 sarà pubblicata postuma l’immagine di Pascali scattata a Roma l’anno precedente: tutto vestito di nero, con sandali e un foulard al collo, fedele alla sua uniforme d’artista che indossa abiti di Porta Portese, in una forma di resilienza alla seduzione della moda e della comunicazione.
Le immagini ci riportano in un divenire nel quale il mito e la sua storia, è un cielo animato da bagliori, variazioni luminose, un cielo grigio, con discontinuità di diverso segno ed intensità. Una rinascita, che attraverso la fotografia di Mulas, forgia quel senso di immortalità al mito assoluto di Pino Pascali.

@https://twitter.com/camillaboemio

Scrittrice d'arte, curatrice e teorica la cui pratica indaga l'estetica contemporanea; nel 2013 è stata curatrice associata di Portable Nation, il padiglione delle Maldive alla 55.° Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, dal titolo Il Palazzo Enciclopedico; nel 2016 è stata curatrice di Diminished Capacity, il primo padiglione della Nigeria alla XV Mostra Internazionale di Architettura, con il titolo Reporting from the Front; nello stesso anno ha partecipato a The Social (4th International Association for Visual Culture Biennial Conference) alla Boston University. Nel 2017, ha curato Delivering Obsolescence: Art Bank, Data Bank, Food Bank, un Progetto Speciale della 5th Odessa Biennale of Contemporary Art. E’ membro della AICA (International Association of Arts Critics). Boemio ha scritto e curato libri; ha contribuito con saggi e recensioni a varie pubblicazioni internazionali, scrive regolarmente per le riviste specializzate, e i siti web; ha tenuto parte a simposi, dibattiti e conferenze in musei e festival internazionali.

Articoli recenti

  • Mercato

BRAFA 2023, ecco le prime anticipazioni della fiera di Bruxelles

5000 anni di storia, dall'archeologia al design. 130 gallerie internazionali a raccontarli, inclusi 10 espositori italiani

7 Ottobre 2022 1:00
  • Mostre

‘Ri-Materializzazione del Linguaggio. 1978-2022’ alla Fondazione Dalle Nogare, Bolzano

A Bolzano, alla Fondazione Antonio Dalle Nogare, viene riproposta e ampliata la storica mostra curata da Mirella Bentivoglio "Materializzazione del…

7 Ottobre 2022 0:46
  • Fotografia

Festival della Fotografia Etica. A Lodi 600 immagini per capire il mondo

Per cinque weekend, fino al 23 ottobre, Lodi ospita la tredicesima edizione del Festival della Fotografia etica

7 Ottobre 2022 0:30
  • Arte contemporanea

La cinecittà delle donne: Vanessa Beecroft allo Studio 5

Donne scelte in tre quartieri di Roma, al di là di stereotipi, pensando alla Jeanne Moreau de "La Notte" di…

7 Ottobre 2022 0:27
  • Musei

Un nuovo super museo in California: l’OCMA apre le porte

Firmato dall’archistar Thomas Mayne, l’OCMA apre al pubblico la sua collezione d’arte contemporanea nel segno dell’inclusività: l’accesso sarà gratuito per…

6 Ottobre 2022 17:50
  • Arte contemporanea

Festival del Paesaggio 2022: cinque artisti per respirare l’Aria di Capri

A Capri, nei suggestivi spazi di Villa San Michele, la mostra della sesta edizione del Festival del Paesaggio, con opere…

6 Ottobre 2022 15:54