Roma attraverso Expodemic Festival: tra Piazza di Spagna e Piazza Venezia

di - 20 Giugno 2024

La seconda edizione di Expodemic, Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri a Roma, a partire dal Palazzo Esposizioni, si diffonde nel tessuto della città. In questa occasione, Untitled Association vi accompagna alla scoperta di mostre, eventi e iniziative legate alla manifestazione e ai principali spazi cittadini, con itinerari pensati per professionisti del settore, conoscitori e appassionati d’arte.

Oggi iniziamo nei pressi di Piazza di Spagna con l’Académie de France à Roma – Villa Médicis, per continuare poco distante da Piazza Venezia con Galleria Mattia De Luca e FOROF, prima di concludere il nostro itinerario in Via Nazionale con il Palazzo delle Esposizioni.

Carla Accardi, Grigio, 2005, 3500 cm2 #29/1 a cura di Lorenzo Benedetti per Expodemic, Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri 2024 – Palazzo Esposizioni Roma – © CARLA ACCARDI by SIAE 2024

Si parte, a due passi da Trinità dei Monti, con l’Académie de France à Rome – Villa Médicis e la distribuzione gratuita, per il progetto 3500 cm2, del poster d’artista di Nil Yalter. Pioniera del movimento artista femminista francese, Nil Yalter si muove nella controcultura attraverso tematiche sociali e politiche come l’identità culturale, l’etnicità, l’immigrazione e il femminismo. Con media diversificati, l’artista costruisce un’estetica peculiare che richiama il personale, il pubblico e il politico coinvolgendo lo spettatore e smascherando la vulnerabilità dei diritti umani in alcune parti del mondo.

Nil Yalter, Exile Is a Hard Job, 1976-2024, 3500 cm2 #87 a cura di Lorenzo Benedetti per Expodemic, Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri 2024 – Palazzo Esposizioni Roma – Académie de France à Rome – Villa Médicis

Da non perdere, inoltre, la collettiva A più voci, a cura di IUNO (Cecilia Canziani e Ilaria Gianni con Giulia Gaibisso). La mostra riunisce i progetti dei sedici borsisti al termine del loro anno di residenza presso Villa Medici. Da pratiche artistiche eterogenee emergono alcuni temi ricorrenti: il mondo vegetale, il corpo e le sue trasformazioni, le forme di resistenza, la dialettica tra esterno e interno, oltre che il rapporto con la città di Roma. I 16 borsisti sono: Pierre Adrian, Mali Arun, Ismaïl Bahri, Séverine Ballon, Hélène Bertin, Alix Boillot, Madison Bycroft, Laure Cadot, Céline Curiol, Ophélie Dozat, Hamedine Kane, Kapwani Kiwanga, Laure Limongi, Morad Montazami, Jean-Charles de Quillacq, Justinien Tribillon; partecipano inoltre: Anne Blanes, Aline Cado, Julien Colardelle, Julie Hascoët, Thomas Ozoux, Zineb Sedira e Ben Wrobel.

Prima di continuare verso Piazza Venezia, segnaliamo presso Galleria Borghese la prossima apertura al pubblico della personale di Louise Bourgeois, Unconscious memories, prevista per venerdì 21 giugno. Prima mostra dedicata a un’artista contemporanea donna alla Galleria Borghese, Unconscious memories è ideata da Cloé Perrone e curata con Geraldine Leardi e Philip Larratt-Smith, in collaborazione con The Easton Foundation e l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici. Incentrata sul contributo della Bourgeois alla scultura e sulla profonda connessione tra la sua pratica artistica e la Galleria Borghese, la mostra è la prima esposizione romana dedicata all’artista franco-americana tra le più influenti del secolo scorso.

Louise Bourgeois, Topiary, 2005 – Marble (67,3×27,9×22,2cm) – Ph. Christopher Burke – © The Easton Foundation – Licensed by SIAE, Italy and VAGA at Artists Rights Society (ARS), NY, USA

Prosegue inoltre, fino al 23 giugno, A Velázquez in the Museum; la mostra ospita l’opera Donna in cucina con Cena in Emmaus – una delle prime tavole conosciute dell’artista spagnolo – allestita nella Sala del Sileno accanto ai dipinti di Caravaggio a stabilire un affiatato dialogo tra i due Maestri, con conseguenti inedite prospettive di ricerca.

Johannes Wald, Stade du miroir, 2022 – Ossidiana lucidata a mano (37x27x5cm) – Immagine per la mostra Johannes Wald: Vista in prima persona, Galerie Rolando Anselmi, Roma, 2024 – © Johannes Wald – Courtesy l’artista e Galerie Rolando Anselmi

In tutt’altro quadrante, ma senza dubbio tra le mostre da non perdere, segnaliamo inoltre: presso la galleria Galerie Rolando Anselmi, la personale Vista in prima persona di Johannes Wald; in Via Salaria 971, da Spazio Mensa, la collettiva Great Expectations, a cura di Giulia Gaibisso, da un’idea di Sebastiano Bottaro, che riunisce, per la prima volta, i lavori dei membri dell’artist run-space romano Porto Simpatica. Il titolo, mutuato dall’omonimo romanzo di Charles Dickens, parla di aspettative disattese nel voler rintracciare una pratica comune; gli artisti di Porto Simpatica emergono nella loro ricerca individuale, con un linguaggio sperimentale coniugato in forma del tutto personale. Lo spazio ospita le opere di Ileana Alesi, Federico Arani, Jerico Cabrera, Ginevra Collini, Chiara Cor, Giulia Crivellaro, Andrea Lo Giudice, Lorenzo Modica, Stella Rochetich, Marta Scagliusi con Ilare.

Immagine della mostra Great Expectations, Spazio Mensa, Roma, 2024

Torniamo nel centro storico con Galleria Mattia De Luca e la retrospettiva SAL dedicata all’opera pionieristica di Salvatore Scarpitta, a cura di Luigi Sansone. La mostra, con alcune delle opere più significative, ripercorre la ricerca di Scarpitta dagli esordi romani al successo americano. Il percorso espositivo si articola tra il periodo italiano, con una produzione espressionista poi approdata all’informale delle pitture materiche, le tele estroflesse e i lavori con le fasce; e il periodo americano, ricco di spunti creativi, dove matura ulteriormente il tema delle fasce orientandosi verso inedite direzioni. Ad ampliare il percorso espositivo, inoltre, compaiono materiali d’archivio, manifesti, cataloghi d’epoca, fotografie e documenti.

Salvatore Scarpitta: SAL, Galleria Mattia De Luca, Roma, 2024 – Ph. Daniele Molajoli – Courtesy Galleria Mattia De Luca, Roma
Immagine per la mostra Augustas Serapinas: Baltic Adventure, a cura di Ilaria Gianni, FOROF, Roma, 2024 – Ph. Monkeys Video Lab – Courtesy FOROF

Poco distante, a due passi dal Foro di Traiano, FOROF – spazio dedicato alla commistione tra arte contemporanea e archeologia fondato da Giovanna Caruso Fendi – per la sua terza stagione ospita la personale site-specific Baltic Adventure di Augustas Serapinas, a cura di Ilaria Gianni. Gli interventi artistici sono pensati in dialogo con l’abside della Basilica Ulpia, situata sotto l’attuale sede dello spazio. Augustas Serapinas prende spunto da storie passate capaci di attivare riflessioni sulle condizioni del presente, dove le rovine non sono considerate alla stregua di frammenti neutri ma piuttosto come soglie su cui si insinua il contemporaneo. L’artista lituano, ri-contestualizzando il suo lavoro Mudmen – figure simili a pupazzi di neve realizzate però con paglia e fango – presenta un allarmante futuro devastato dagli effetti del riscaldamento globale, mettendo in guardia sul problema dell’instabilità climatica ed invitando ad agire in favore dell’ambiente.

Carla Accardi, Autoritratto, 1946 – Olio su tela (31x23cm) – Archivio Accardi Sanfilippo © Carla Accardi by SIAE 2024

Arriviamo in Via Nazionale 194 per la nostra ultima tappa, il Palazzo delle Esposizioni, con Expodemic, il festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri, a cura di Lorenzo Benedetti con la collaborazione di Francesca Campana. Il progetto racconta lo stretto legame tra la nascita e l’evoluzione dell’esposizione e la storia delle accademie. Gli artisti presenti sono Kamrooz Aram, Ane Rodriguez Armendariz, Séverine Ballon, Jacopo Belloni, Alix Boillot, Susanne Brorson, Fatma Bucak, Pedro Luis Cembranos, Zachary Fabri, Hamedine Kane, Kapwani Kiwanga, Bjørn Melhus, Marko Nikodijevic, Tura Oliveira, Estefania Puerta Grisales, Chloé Quenum, Marie Robert e Sarina Scheidegger.

Immagine della mostra Expodemic, Festival delle Accademie e degli Istituti di Cultura stranieri 2024 – Palazzo Esposizioni, Roma, 2024 – Ph. MonkeysVideoLab

Per il progetto 3500 cm2 è in distribuzione gratuita il poster di Carla Accardi, della quale il Palazzo ospita una straordinaria retrospettiva a cura di Daniela Lancioni e Paola Bonani. Accardi è una delle più importanti esponenti della pittura astratta del secondo dopoguerra in Italia; la sua pittura, geometrica e gestuale, si compone di segni calligrafici dove la giustapposizione cromatica indaga il rapporto dialettico tra figura e sfondo. La mostra, con circa un centinaio di opere, celebra il centenario della nascita, indagando il lavoro dell’artista italiana e il suo ruolo cruciale per la nascita e lo sviluppo di nuovi modi per intendere l’opera d’arte: dall’astrattismo del dopoguerra all’informale, dalla pittura-ambiente a un’arte dematerializzata.

Segnaliamo, inoltre, L’avventura della Moneta, a cura di Paco Lanciano e Giovanni Carrada, un percorso espositivo in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Roma Capitale e l’Azienda Speciale Palaexpo. La mostra ripercorre la storia della moneta e della finanza nel mondo abbracciando un arco temporale dalla Mesopotamia ai giorni d’oggi. Essa offre un’anteprima di MUDEM, il nuovo Museo della Moneta – Banca d’Italia che porta avanti un lavoro di co-progettazione e sperimentazione per l’accessibilità delle mostre e del futuro museo. Grazie al contributo dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti è stato realizzato un percorso tattile e multisensoriale che ha reso accessibili le prime tre sale della mostra; per le persone sorde sono stati progettati dei supporti nella lingua dei segni italiana. In occasione di Expodemic segnaliamo anche Il cane a sei zampe. La storia di un’icona che guarda al futuro, il progetto in cui Eni racconta la storia della propria comunicazione visiva.

Michele Tocca, prima che si sveglino/ before they wake up, 2024 – Olio su lino (25,5×14,5cm) – Ph Sebastiano Luciano – Courtesy l’artista e z2o Sara Zanin, Roma

Chiudiamo con un’agenda di appuntamenti: martedì 25 giugno, all’interno del programma di Roma Expodemic, dalle 10 alle 19, si terrà presso il MACRO lo screening in loop dei film WEIT WEIT WEG (FAR FAR AWAY) (2003) e SUGAR (2019) dell’artista Bjørn Melhus; a seguire, alle ore 18:30, una conversazione con l’artista e il curatore Lorenzo Benedetti. Sempre al MACRO, mercoledì 26 giugno, alle 18:30, si svolgerà la conversazione tra Niklas Maak e Olivier Guez, moderata da Lorenzo Benedetti. Nella stessa giornata, segnaliamo, alle 16:15 e alle 17:15, l’apertura straordinaria dell’Accademia dei Virtuosi al Pantheon con due visite guidate.  Infine, l’appuntamento per oggi, giovedì 20 giugno, da z2o Sara Zanin per Talk with readings | Michele Tocca. Poca Notte, con Michele Tocca, Davide Ferri, Cecilia Canziani e Manuela Pacella, dalle 18:30 alle 20:00.

Sempre al MACRO, oggi, a partire dalle 19, la seconda giornata della quinta edizione di BUFFALO, la rassegna dedicata alla coreografia contemporanea a cura di Michele Di Stefano. Domani, venerdì 21 giugno alle ore 18, nel secondo anniversario della scomparsa di Patrizia Cavalli, nell’ambito della mostra Il sospetto del paradiso a lei dedicata, Lorenzo Castore terrà una visita guidata dell’installazione fotografica attorno alla quale è stato costruito il progetto espositivo. A seguire in terrazza, alle ore 19.00, Toni Servillo, Iaia Forte e Roberto De Francesco insieme alla cantautrice Diana Tejera saranno in conversazione per un incontro dedicato alla poeta moderato da Caterina Taurelli Salimbeni.

Immagine della mostra Patrizia Cavalli: Il sospetto del paradiso, con una installazione fotografica di Lorenzo Castore, MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma, Roma, 2024 – Ph. Michela Pedranti – DSL Studio

Roma art To Date x Expodemic #4

Académie de France à Rome – Villa Médicis

Viale della TrinitĂ  dei Monti, 1

+39 066761200

standard@villamedici.it

villamedici.it

3500 cm2_poster d’artista

Nil Yalter

07.05 > 25.08.2024

A piĂą voci

group show

a cura di Cecilia Canziani, Ilaria Gianni e Giulia Gaibisso

08.06 > 08.09.2024

Galleria Borghese

Piazzale Scipione Borghese, 5

+39 0667233753

ga-bor.info@cultura.gov.it

galleriaborghese.beniculturali.it

Unconscious memories

Louise Bourgeois
ideata da Cloé Perrone e curata con Geraldine Leardi e Philip Larratt-Smith, in collaborazione con The Easton Foundation e l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici

21.06 > 15.09.2024

A Velázquez in the Museum

Diego Velázquez

26.03 > 23.06.2024

Galerie Rolando Anselmi

Via di Tor Fiorenza, 16

rolandoanselmi.com

Vista in prima persona

Johannes Wald

22.06 > 28.09.2024

Spaziomensa

c/o CityLab 971

Ex Cartiera, Via Salaria, 971

@spaziomensa

Great Expectations

group show

a cura di Giulia Gaibisso

23.05 > 24.06.2024

Galleria Mattia De Luca

Piazza di Campitelli, 2

+39 066991188

info@mattiadeluca.com

mattiadeluca.com

SAL

Salvatore Scarpitta

a cura di Luigi Sansone

06.04 > 26.06.2024

FOROF

Foro Traiano, 1

+39 3516262553

forof.it

Baltic Adventure

Augustas Serapinas

a cura di Ilaria Gianni

> 30.06.2024

Palazzo Esposizioni

Via Nazionale, 194

+39 06696271

info@palaexpo.it

palazzoesposizioniroma.it

Expodemic

Group show

a cura di Lorenzo Benedetti con la collaborazione di Francesca Campana

07.05 > 25.08.2024

3500 cm2_poster d’artista

Carla Accardi

07.05 > 25.08.2024

Carla Accardi

Solo show

a cura di Daniela Lancioni e Paola Bonani

> 09.06.2024

The Adventure of Money

a cura di Paco Lanciano e Giovanni Carrada

> 30.06.2024

z2o Sara Zanin

Via Alessandro Volta, 34

info@z2ogalleria.it

z2ogalleria.it

at z2o Sara Zanin

Talk with readings | Michele Tocca. Poca notte

Michele Tocca, Davide Ferri, Cecilia Canziani e Manuela Pacella

20.06.2024 | h 18:30-20:00

MACRO

Via Nizza, 138

+39 06696271

info@museomacro.it

museomacro.it

Patrizia Cavalli. Il mio felice niente

con Lorenzo Castore, Roberto De Francesco, Iaia Forte, Toni Servillo e Diana Tejera

21.06.2024 | h 18 – Visita della mostra Il sospetto del paradiso con Lorenzo Castore

21.06.2024 | h 19 –  Incontro con Roberto De Francesco, Iaia Forte, Toni Servillo e Diana Tejera

Roma Expodemic

25.06.2024 | h 10:00 > 19:00 – screening Bjørn Melhus, WEIT WEIT WEG (FAR FAR AWAY) (2003) e SUGAR (2019)

25.06.2024 | h 18:30 – incontro con Bjørn Melhus e Lorenzo Benedetti.

26.06.2024 | h 18:30 – conversazione tra Niklas Maak e Olivier Guez, con Lorenzo Benedetti

Articoli recenti

  • Mostre

Non solo igloo. La materia secondo Mario Merz in una mostra a Torino

Il prossimo anno sarĂ  il centenario della nascita di Mario Merz: in previsione di questo importante anniversario la Fondazione Merz…

19 Luglio 2024 17:06
  • Mostre

Un’antica chiesa di Stromboli trasformata dalle opere di Halilaj, Ancarani e altri contemporanei

Fino al 10 agosto l'Isola di Stromboli sarĂ  palcoscenico di "Eroico (il) paesaggio", a cura di Lucrezia Longobardi, ospitato presso…

19 Luglio 2024 15:13
  • Arte contemporanea

Luc Tuymans ha realizzato un dipinto murale monumentale nel cuore del Louvre

L’artista belga Luc Tuymans omaggia i pittori fiamminghi e Jan Van Eyck in una nuova opera murale ed effimera, sulle…

19 Luglio 2024 13:04
  • Mercato

La super villa progettata da Gae Aulenti è in vendita in Costiera Amalfitana

I disegni preparatori della "Grotta Rosa" sono esposti proprio in questi mesi alla Triennale di Milano, in occasione della grande…

19 Luglio 2024 13:00
  • Danza

Dap Festival 2024, la danza internazionale arriva a Pietrasanta

Per l’ottava edizione del Dap Festival di Pietrasanta, abbiamo assistito a una programmazione articolata e all’insegna della danza internazionale, tra…

19 Luglio 2024 12:10
  • Progetti e iniziative

Tra dolore e speranza, la storia del Messico va in mostra in Abruzzo per Stills of Peace

Stills of Peace: ad Atri va in scena l’undicesima edizione della rassegna dedicata ai valori dell’umanitĂ . Tra le mostre presentate…

19 Luglio 2024 11:14