Categorie: Mercato

Lempertz, all’asta un Murillo riscoperto

21 maggio, Colonia, Lempertz. Un appuntamento da segnare in rosso sul calendario degli incanti. La casa d’aste tedesca punta i riflettori su un lotto d’eccezione, la Madonna del Rosario che Bartolomé Esteban Murillo realizzò per il monastero di Carmen Calzado nella sua città natale, a Siviglia. Un dipinto a lungo non riconosciuto – riportano dalla maison – di quelli che raccolgono le intemperie, le crepe del tempo, vittime involontarie di errori di valutazione; o, almeno, questo emerge dalle ultime ricerche di Ignacio Cano (Museo de Bellas Artes de Sevilla) e di altri studiosi internazionali, che lo hanno analizzato nel dettaglio. E così accade che un capolavoro dell’età dell’oro spagnola, con tanto di firma, venga declassato a inizio Novecento come «opera di officina», e poi venduto nel 2008 per “soli” $ 84.000; e ancora che, al contrario, un olio custodito a Palazzo Pitti, non firmato, sia classificato erroneamente come prima versione per il monastero – a discapito, s’intende, dell’esemplare originale. Insomma, l’annuncio di Lempertz suona un po’ come un lieto fine, dopo oltre un secolo di dequalificazione. La stima? € 1-1,5 milioni. Vale a dire una delle cifre più alte per Murillo, il cui record si attesta a € 3,3 milioni (Christie’s, 1990).

Parola all’esperta, per qualche dettaglio sulla sua storia: «L’eccezionale dipinto», rivela a exibart Mariana Hanstein, direttore del Dipartimento Old Masters di Lempertz, «appartenuto per oltre mezzo secolo al pianista e direttore d’orchestra spagnolo José Iturbí, è stato reso noto agli specialisti solo recentemente, e solo nel 2020 gli studi condotti dal Centro de Estudios Europa Hispánica in collaborazione con la Wallace Collection hanno concluso che si trattasse dell’opera eseguita per il monastero Carmen Calzado a Siviglia, in precedenza ritenuta la versione di Palazzo Pitti». Non un lavoro qualsiasi, tra l’altro, ma un dipinto commissionato per quello stesso monastero che già custodiva due opere di Diego Velázquez, con cui la Madonna del Rosario era invitata a dialogare – e a confrontarsi, e a competere. «Siamo molto orgogliosi», aggiunge Hanstein, «di poter offrire un dipinto di tale straordinarietà: è infatti pressoché impossibile trovare in proprietà privata altri lavori di Murillo firmati e paragonabili per qualità e dimensioni». Appuntamento a sabato, ore 11, con la sfilata di Old Masters di Lempertz.

Articoli recenti

  • Attualità

MiC: Luigi La Rocca nuovo Direttore Generale ABAP e Soprintendente del PNRR

Su proposta del Ministro Franceschini, il Presidente Mario Draghi ha nominato Luigi La Rocca Direttore Generale Archeologia, Belle Arti e…

6 Luglio 2022 10:20
  • Arte contemporanea
  • Mostre

Giulio Delvè, Il buio è solo l’ombra della luce – Pio Monte della Misericordia

La mostra di Giulio Delvè studia le dinamiche sociali di contesti segnati dalle difficoltà generate da una ormai quasi decennale…

6 Luglio 2022 9:42
  • Personaggi

In ricordo delle molte vite di Lisetta Carmi, musicista, fotografa, asceta

Ripercorriamo le mille vite di Lisetta Carmi, dalla musica alla pratica spirituale, passando per la lunga parentesi nella fotografia, ricercando…

6 Luglio 2022 9:32
  • Teatro

Procida 2022: al via “Espressioni”, immersione nel teatro contemporaneo

Dal 7 al 10 luglio gli angoli nascosti dell’isola si trasformeranno in palcoscenico con spettacoli di Roberto Latini, Claudia Fabris…

6 Luglio 2022 1:11
  • Progetti e iniziative

Radicants: un’altra curatela per la storia dell’arte

Radicants è la prima cooperativa curatoriale internazionale e nomade creata da Nicolas Bourriaud, le cui mostre vogliono adattarsi di volta…

6 Luglio 2022 0:24
  • Mostre

‘Ars Aedificandi. Il cantiere nel mondo classico’ tra Selinunte e Cave di Cusa

La mostra “ARS AEDIFICANDI. Il cantiere nel mondo classico”, prodotta e organizzata da MondoMostre, si articola tra Cave di Cusa…

6 Luglio 2022 0:02