Categorie: Opening

Galleria Eduardo Secci: le due nuove mostre in arrivo negli spazi di Firenze

Nella sue sede di Firenze il 29 gennaio la galleria Eduardo Secci inaugurerà due nuovi progetti espostivi: la mostra collettiva “Upon a Time”, nelle sale della galleria, e la personale dell’artista tunisino Nidhal Chamekh, nell’area espositiva di NOVO, il nuovo spazio sperimentale indipendente di Eduardo Secci. Ve li anticipiamo attraverso le parole della galleria.

“Upon a Time”

Dal 29 gennaio al 12 marzo 2022, Firenze (Piazza Carlo Goldoni, 2)
Bea Bonafini, Carla Gaiccio Darias, Daria Dmytrenko, Sahara Longe, Sophie Spedding
A cura di Edoardo Monti

«“Upon a time” racconta una e mille storie, popolate da personaggi che balzano da un dipinto all’altro, da un arazzo alla scultura. Eroine, mostri e animali mitici, figure magiche protagoniste di una storia mai accaduta” scrive Edoardo Monti nel suo testo introduttivo.
Le cinque artiste non condividono solo la comune esperienza della residenza artistica a Palazzo Monti ma anche un vasto immaginario in grado di dare vita ad atmosfere oniriche, a tratti fiabesche. Eppure, non sono tutte favole quelle che vengono raccontate in “Upon a Time”, come i ritratti di Sahara Longe (1994), dove ad ambientazioni e soggetti, ad un primo impatto familiari, corrisponde una composizione asciutta in cui si stagliano le sagome di protagonisti nuovi in grado di ribaltare una storia dell’arte completamente occidentale. Così le opere di Sophie Spedding (1995), dando spazio alla corporeità e le sue manifestazioni in maniera invadentemente sincera, sembrano servirsi di una realtà altra per esplorare la persistenza delle rappresentazioni mentali. Attraverso una pittura dai toni intensi, Daria Dmytrenko (1993) esplora la dimensione psicologica dell’individuo sostando nel limbo tra sogno e realtà; un terreno di ricerca analogo a quello di Carla Giaccio Darias (1998), i cui lavori indagano i processi di attivazione della memoria attraverso la raccolta delle immagini. La pratica di Bea Bonafini (1990) richiama, invece, mitologia e storia popolare in un intreccio di figure ibride che si fondono l’una con l’altra creando collage di forme dai colori delicati, nondimeno capaci di trasmettere efficacemente il tenore della rappresentazione.
In questo modo “Upon Time” si propone come un mondo ribaltato, una delicata ironia volta ad avvicinare con dolcezza il visitatore a un mondo apparentemente incantato in grado di svelare narrazioni intime, riflessioni collettive e spazi di indagine psicologica».

Bea Bonafini, Kinnara, 2019, porcellana colorata, argilla nera, 40x30cm, Courtesy l’artista

Nidhal Chamekh

Dal 29 Gennaio al 12 Marzo 2022, NOVO, Firenze (Piazza Carlo Goldoni, 2)
A cura di Pier Paolo Pancotto

«Artista dalla ricerca variegata – in grado di spaziare dal disegno classico ai media digitali del video e della fotografia – , per questa sua prima rassegna fiorentina, Nidhal Chamekh propone una serie di lavori su carta dalle dimensioni diverse.
La scelta delle opere è ridotta all’essenziale: due grandi lavori esposti attraverso un’installazione a cui si aggiunge un’altra serie ospitata nella sala adiacente. Conciso e sintetico, l’allestimento riesce nondimeno a proporre in modo efficace una ricostruzione di eventi che si intreccia a una narrazione intima e a tratti autobiografica.
All’interno di ciascun disegno sono molteplici gli elementi e i soggetti che dialogano tra loro, formando sistemi complessi che situano la ricerca di Chamekh tra il biografico e il politico, la storia contemporanea e l’attualità, gli eventi e l’archiviazione di questi.
Così facendo, l’artista occupa una dimensione sospesa tra la memoria collettiva e quella individuale, sollevando la questione della costruzione dell’identità nella società contemporanea e sui suoi processi di formazione».

Nidhal Chamekh, Diaspora at home, Kadist, 2021 2022, nos visages nidhal chamekh, Adagp © 2022

Articoli recenti

  • Progetti e iniziative

Terapia di intensa bellezza, arte e poesia all’Ospedale Sant’Anna di Torino

Il più grande ospedale in Europa per le cure delle patologie femminili torna a ospitare l’arte, con le fotografie di…

16 Maggio 2022 10:38
  • Fumetti e illustrazione

Allegri Illustratori, parte da Milano il progetto che unisce arte e vino

Negli spazi di e/n enoteca naturale, a Milano, SuperNaturale presenta la prima tappa di Allegri Illustratori: 10 artisti per reinterpretare…

16 Maggio 2022 9:12
  • Mercato

Vezzoli e Fedez, rimandata l’asta benefica a sostegno di TOG

La doppia scultura di Vezzoli, cover dell’ultimo album di Fedez, doveva essere battuta stasera da Sotheby’s, alla Triennale di Milano,…

16 Maggio 2022 8:45
  • Bandi e concorsi

‘Every food is a landscape’: l’open call di BJCEM, per artisti under 35

L’associazione internazionale BJCEM-Biennale des jeunes créateurs de l'Europe et de la Méditerranée lancia un'open call internazionale per la selezione di…

16 Maggio 2022 1:51
  • Arte contemporanea

Le poesie industriali di Marcel Broodthaers, al MASI

Il MASI Lugano celebra il lato più pop del poeta, scrittore e geniale maestro dell’arte concettuale: Marcel Broodthaers. Partendo dall'intervista…

16 Maggio 2022 1:14
  • Architettura

Rivoluzionare il teatro. Rem Koolhaas progetta il Taipei Performing Arts Center

Apre al pubblico il Taipei Performing Arts Center ( TPAC), l’innovativo teatro concepito da Rem Koolhaas (OMA)

16 Maggio 2022 0:30