Walter Bortolossi, Un corridoio e le sue stanze – Monastero di Santa Maria in Valle

“Un corridoio e le sue stanze” è titolo esplicativo e metaforico al contempo della mostra antologica e retrospettiva sull’opera dell’artista friulano Walter Bortolossi visitabile fino al 6 febbraio prossimo al Monastero di Santa Maria in Valle, a Cividale del Friuli. Un itinerario per ripercorrere in cinquanta opere esposte oltre trent’anni di attività artistica di Bortolossi, dagli esordi alla metà degli anni Ottanta sino ai giorni nostri. Presenti anche le prime prove dell’artista all’Accademia di Belle Arti di Venezia, dove si è formato, lavori giovanili di gusto neo-espressionista e legati ad un momento generale di pittura gestuale che però Bortolossi abbandonerà speditamente per trovare una vocazione figurativa e giungere al suo particolarissimo modus operandi dei quadri sagomati, una pittura assai più meditata, in tutti i sensi, dall’ideazione alla produzione. Nell’ala da poco restaurata del complesso monastico – di cui fa parte anche il mitico Tempietto Longobardo – il percorso espositivo si snoda lungo un corridoio a croce, “sfogando” sulle dodici stanze che su di esso affacciano. Queste costituiscono altrettante appendici o digressioni al (dis)corso principale, e sembrano rimandare, anche nelle scelte allestitive – cavalletti, tele a terra, schizzi appesi alle pareti, oggetti appoggiati a pavimento – al processo creativo che le ha generate.

“Un corridoio e le sue stanze” , exhibition view, Monastero di Santa Maria in Valle, Cividale del Friuli

Le opere di Bortolossi congeste di figure e dettagli citazionisti, dai colori rutilanti, sono infatti il frutto di un percorso di gestazione lento, fatto di ricerca iconografica certosina che si traduce poi in una pittura ardimentosa, tutt’altro che estemporanea. Sono lavori, quelli di Bortolossi, specie i più recenti dalle narrazioni multifocali, che assalgono il visitatore con la loro densità enciclopedica: labirinti visivi che stordiscono, rebus da decifrare, coacervi di libere associazioni che non consentono una flânerie epidermica e distratta, ma richiedono o impongono uno sguardo perlomeno attento. Deliberatamente camp, palesemente post-moderne, le opere di Bortolossi non si sottraggono certo al confronto con la pittura pop, il fumetto, il fotocollage, la grafica pubblicitaria, i murales o la street art, strizzando l’occhio a quello che l’artista definisce ‘stile basso’ (nella dialettica tra high e low culture) per comunicare però ‘contenuti alti’ come la scienza, la filosofia, l’economia, la politica. È proprio in relazione o in reazione all’avanzare della società di massa novecentesca che di fatto Bortolossi ha elaborato, sia nella forma che nei contenuti, il suo peculiare stile a partire dagli anni Novanta, dando corso alla necessità di raccontare, anche preconizzandoli a volte, i cambiamenti epocali che si stavano affacciando al suo orizzonte, come l’avvento della globalizzazione e iniziare a denunciarne gli aspetti più controversi, quali la mercificazione di cose e persone nonché della cultura stessa. Aspetti divenuti ormai dolentemente all’ordine del giorno.

Podenonese, vive e lavora in Friuli. Storica dell'arte per formazione, tra i filoni di ricerca di maggiore interesse, la storia della critica d’arte e dell'editoria specializzata, i gender studies applicati all’arte e le sinergie tra letteratura ed arti figurative. In qualità di operatore culturale freelance, collabora con enti pubblici e privati nello sviluppo di progetti culturali con particolare riferimento alle arti visive – cinema, fotografia ed arte contemporanea in primis – e alla valorizzazione e promozione del patrimonio storico-artistico. Al pallino per la scrittura unisce la passione per la fotografia di scene e di eventi.

Articoli recenti

  • Arte contemporanea

Il caglio dei sogni che manca a questa Biennale d’Arte di Venezia

Una Biennale che lavora sull'immaginario ma a cui manca la pratica, una mostra assolutamente da vedere e assolutamente insufficiente: l'opinione…

19 Maggio 2022 0:24
  • Opening

‘Reworking’: Alessandro Fabbris alla CRAG Gallery, Torino

Oggi e domani, 19 maggio e 20 maggio, inaugura 'Reworking', la personale di Alessandro Fabbris alla Crag – Chiono Reisovà art…

19 Maggio 2022 0:02
  • Arte contemporanea

Il pirotecnico Cai Guo-Qiang accademico d’onore dell’Accademia di Carrara

L’Accademia di Belle Arti di Carrara ha conferito il titolo di Accademico d’Onore per il 2022 a Cai Guo-Qiang, artista…

18 Maggio 2022 18:11
  • Arte contemporanea

All’Archivio Agnetti, un disegno di Cesare Pietroiusti da staccare

I visitatori della mostra “Spazio/Territorio”, all’Archivio Agnetti di Milano, potranno staccare e portare con sé uno dei duecento disegni che…

18 Maggio 2022 16:00
  • Mercato

Lempertz, all’asta un Murillo riscoperto

Ammirato nel monastero di Siviglia fino all'Ottocento, declassato per oltre un secolo. Questa settimana, a Colonia, il dipinto sarà in…

18 Maggio 2022 14:18
  • Moda

Yayoi Kusama e Louis Vuitton ancora insieme, per la Collezione Cruise a pois

Louis Vuitton e Yayoi Kusama celebrano 10 anni dalla prima, fortunatissima collaborazione, con una nuova collezione personalizzata a pois colorati…

18 Maggio 2022 11:33