Categorie: Fotografia

De Pury presenta gli eccezionali scatti di Anton Corbjin

Dal 24 al 28 febbraio 2022 saranno esposte in mostra una selezione di opere di Anton Corbjin che include immagini inedite provenienti dall’archivio del fotografo.

La mostra sarà visitabile a L’Aia, solo su appuntamento e online su de-Pury.com. Tutte le opere saranno ovviamente in vendita.

Anton Corbjin è un fotografo, regista, grafico e video artista olandese, rinomato per i suoi ritratti in bianco e nero di noti personaggi del mondo dello spettacolo e della moda.

“Ogni volta che negli anni guardavo una fotografia sorprendente su Rolling Stone, NME o qualsiasi altra pubblicazione musicale, controllavo il fotografo ed era invariabilmente Anton Corbjin. Successivamente ho seguito con grande interesse la prospettiva unica che Corbjin offre nel suo lavoro da fotografo che come regista. Questa mostra include alcune delle mie fotografie preferite in assoluto. Se il mondo della moda è stato il trampolino di lancio per Helmut Newton  il mondo della musica è stato il trampolino di lancio per Anton Corbijn. Come Newton, Corbjin ha superato il suo blocco di partenza ed è diventato estremamente influente in tutta la cultura contemporanea.” Ha dichiarato de Pury.

Noto per la sua capacità sorprendente e peculiare di scattare con una velocità dell’otturatore lenta per catturare gesti e movimenti in un modo eccezionalmente unico, il lavoro di Corbijn è incentrato soprattutto sul movimento, fornendo uno sguardo unico e intimo su alcune delle più grandi icone contemporanee. Tra i volti noti  ricordiamo Kate Moss, Virgil Abloh, Damien Hirst, Gerhard Richter e Christy Turlington. Lo stile inconfondibile di Corbjin riesce a conferire un tocco naturale ai suoi soggetti, catturando al tempo stesso imperfezioni e la loro personalità. Alla fine del XX secolo, il suo stile di produrre foto in bianco e nero utilizzando pellicole sgranate, è diventato una parte importante della nostra cultura visiva, divenendo una tecnica ampiamente utilizzata.

Naomi Campbell, London 1994, courtesy Anton Corbijn

Corbjin ha iniziato la sua carriera come fotografo di musica nei primi anni ‘70, immortalando band locali della sua adolescenza nei Paesi Bassi, prima di trasferirsi a Londra nel 1979 per iniziare a lavorare per la rivista musicale britannica New Musical Express (NME) in qualità di fotografo del loro staff. Ha intrapreso collaborazioni anche con note riviste come Rolling Stone, SPIN e Vogue e per copertine di dischi, scattando anche per la rivista The Face. Ha realizzato video musicali già dal 1983, dirigendo da allora più di 80 video per i Nirvana, Jhonny Cash, Coldplay, Joy Division, U2 e Depeche Mode. Successivamente si è addentrato anche nella regia dei lungometraggi: il suo primo film è stato Control del 2007, The American con George Clooney nel 2010 e A Most Wanted  Man di Philip Seymour Hoffman del 2014.

Articoli recenti

  • Progetti e iniziative

Terapia di intensa bellezza, arte e poesia all’Ospedale Sant’Anna di Torino

Il più grande ospedale in Europa per le cure delle patologie femminili torna a ospitare l’arte, con le fotografie di…

16 Maggio 2022 10:38
  • Fumetti e illustrazione

Allegri Illustratori, parte da Milano il progetto che unisce arte e vino

Negli spazi di e/n enoteca naturale, a Milano, SuperNaturale presenta la prima tappa di Allegri Illustratori: 10 artisti per reinterpretare…

16 Maggio 2022 9:12
  • Mercato

Vezzoli e Fedez, rimandata l’asta benefica a sostegno di TOG

La doppia scultura di Vezzoli, cover dell’ultimo album di Fedez, doveva essere battuta stasera da Sotheby’s, alla Triennale di Milano,…

16 Maggio 2022 8:45
  • Bandi e concorsi

‘Every food is a landscape’: l’open call di BJCEM, per artisti under 35

L’associazione internazionale BJCEM-Biennale des jeunes créateurs de l'Europe et de la Méditerranée lancia un'open call internazionale per la selezione di…

16 Maggio 2022 1:51
  • Arte contemporanea

Le poesie industriali di Marcel Broodthaers, al MASI

Il MASI Lugano celebra il lato più pop del poeta, scrittore e geniale maestro dell’arte concettuale: Marcel Broodthaers. Partendo dall'intervista…

16 Maggio 2022 1:14
  • Architettura

Rivoluzionare il teatro. Rem Koolhaas progetta il Taipei Performing Arts Center

Apre al pubblico il Taipei Performing Arts Center ( TPAC), l’innovativo teatro concepito da Rem Koolhaas (OMA)

16 Maggio 2022 0:30