Categorie: Fotografia

Giorgio Colombo, Fotografie dalla Collezione Panza 1975 – 1992 – Villa Panza

Giorgio Colombo (Milano, 1945), fotografo dalla vocazione artistica, ex art director da Achille Mauri che ha collaborato con lo studio di Ettore Sottsass, frequentato Ugo Mulas e altri protagonisti del panorama culturale del secondo Novecento, per trent’anni ha documentato con scatti rigorosi, minimalisti ed essenziali, le opere e le mostre della straordinaria collezione “neoplatonica” di Giuseppe Panza (Milano, 1923-2010), tra le più importanti del XX secolo.
Ci voleva questa piccola ma preziosa mostra di centotredici fotografi in bianco e nero, di cui otto a colori, a cura di Anna Bernardini e Marta Spanevello esposte per la prima volta nelle scuderie di Villa Panza a Varese, restaurate da Gae Aulenti nel 1996, quando l’elegante dimora settecentesca viene donata al FAI (Fondo Ambiente Italiano), dal 2000 museo aperto al pubblico, per comprendere lo sguardo e il pensiero nell’ arte del Conte di Biumo. Colombo e Panza sono speculari per affinità di pensiero, sensibilità per lo spazio e la luce, li unisce il metodo di approccio alle opere; come si capisce osservando i dettagli dell’intero corpus di scatti stampate dal fotografo meticoloso quanto il collezionista. Panza considerava Colombo un’artista e non un tecnico, e le fotografie un mezzo fondamentale di diffusione dell’arte e di comprensione del pensiero sotteso che le plasma. Basta osservare con attenzione le geometrie di luce delle fotografie esposte lungo le bianche pareti delle due scuderie, suddivise in 9 sezioni, per attraversare idealmente le mostre ospitate nei più importanti musei europei di artisti americani in cui anche l’ambiente diventa una parte integrante dell’opera. Si riconoscono le opere dei minimalisti Dan Flavin, Robert Morris, Bruce Nauman, Carl Andre, Donald Judd, Richard Serra, di James Turrell e Robert Irwin, esponenti del movimento californiano Light and Space, due wall drawing di Sol LeWitt, Laurence Wiener, Joseph Kosuth, maestri dell’Arte Concettuale e di Richard Long, Walter De Maria e altri artisti delle avanguardie americane.

12 maggio 1981 / 12 May 1981, Minimal + Conceptual Art aus der Sammlung Panza, 9 novembre 1980 – 28 giugno 1981 / 9 November 1980 – 28 June 1981, Museum für Gegenwartskunst, Basilea / Basel, Robert Morris, Untitled (Half-Round Piece), 1967 – Untitled (Piece with Battered Sides), 1966 Solomon R. Guggenheim Museum, New York, Panza Collection, 1991, © Giorgio Colombo – riproduzione Sergio Tenderini

Tra uno scatto e l’altro si attraversa la storia dell’arte del secondo Novecento attraverso immagini metafisiche che sembrano scolpite dalla luce nel buio, misteriosamente sospese in gamme di grigio sorprendenti. Le fotografie sono esposte seguendo un ordine cronologico e documentano gli allestimenti progettati da Panza per l’esposizione della sua collezione nella sua villa varesina e in importanti istituzioni europee. Da non perdere c’è il video, un diario visivo di fotografie che racconta frammenti di vita pubblica e domestica del collezionista con la moglie Giovanna e documenta gli incontri con artisti, curatori e critici.
E’ di una bellezza assoluta la fotografia dell’opera di Eric Orr: Zero Mass (1975), di un nero vibrante di energia dove il tutto sembra originarsi dal vuoto. Tra gli scatti, è riprodotta un’opera di Jene Highstein, Single Pipe Piece, donata da Giuseppe Panza nel 1992 al Solomon R. Guggenheim Museum di New York e oggi ospitata in un ambiente di Villa Panza, abitualmente chiuso al pubblico, che verrà aperta per 16 giornate nell’arco della durata della mostra.

13 giugno 1988 / 13 June 1988, Arte Minimal de la Colección Panza, 24 marzo – 31 dicembre 1988 / 24 March – 31 December 1988, Centro de Arte Reina Sofia, Madrid, Robert Morris, Untitled (Fiberglass Frame), 1968, Solomon R. Guggenheim Museum, New York, Panza Collection, 1991, © Giorgio Colombo – riproduzione Sergio Tenderini

Per Colombo la scelta delle carte, delle pellicole e delle macchine fotografiche e di altri strumenti per l’esercizio della stampa è determinante, quanto i materiali per gli artisti, per arrivare a una immagine perfetta, pura, forgiata nella luce “scultorea”. Le stampe su carta Fine Art ormai introvabile sono un reperto della fotografia analogica per gli addetti ai lavori, e per tutti una boccata d’aria fresca che invitano al silenzio e alla meditazione sul Tempo e lo Spazio e trasudano di poetica spiritualità. (Catalogo Magonza Editore con testi di Anna Bernardini, Giorgio Colombo e Bruno Corà).

Jacqueline Ceresoli (1965) storica e critica dell’arte con specializzazione in Archeologia Industriale. Docente universitaria, curatrice di mostre indipendente.

Articoli recenti

  • Mercato

BRAFA 2023, ecco le prime anticipazioni della fiera di Bruxelles

5000 anni di storia, dall'archeologia al design. 130 gallerie internazionali a raccontarli, inclusi 10 espositori italiani

7 Ottobre 2022 1:00
  • Mostre

‘Ri-Materializzazione del Linguaggio. 1978-2022’ alla Fondazione Dalle Nogare, Bolzano

A Bolzano, alla Fondazione Antonio Dalle Nogare, viene riproposta e ampliata la storica mostra curata da Mirella Bentivoglio "Materializzazione del…

7 Ottobre 2022 0:46
  • Fotografia

Festival della Fotografia Etica. A Lodi 600 immagini per capire il mondo

Per cinque weekend, fino al 23 ottobre, Lodi ospita la tredicesima edizione del Festival della Fotografia etica

7 Ottobre 2022 0:30
  • Arte contemporanea

La cinecittà delle donne: Vanessa Beecroft allo Studio 5

Donne scelte in tre quartieri di Roma, al di là di stereotipi, pensando alla Jeanne Moreau de "La Notte" di…

7 Ottobre 2022 0:27
  • Musei

Un nuovo super museo in California: l’OCMA apre le porte

Firmato dall’archistar Thomas Mayne, l’OCMA apre al pubblico la sua collezione d’arte contemporanea nel segno dell’inclusività: l’accesso sarà gratuito per…

6 Ottobre 2022 17:50
  • Arte contemporanea

Festival del Paesaggio 2022: cinque artisti per respirare l’Aria di Capri

A Capri, nei suggestivi spazi di Villa San Michele, la mostra della sesta edizione del Festival del Paesaggio, con opere…

6 Ottobre 2022 15:54