Categorie: Mercato

Fair Warning! Il giro del mondo delle aste

– Prima tappa: Londra, il centro del mondo delle aste di questa settimana. A partire dalla 20th/21st Century: London to Paris di Christie’s, che martedì sera ha raggiunto un totale brillante di £ 203,9 milioni. I nomi di punta: Claude Monet (£ 30 milioni), Yves Klein (£ 27,2 milioni), un poetico René Magritte (£16 milioni). Ma anche le grandi protagoniste femminili, a partire da Leonora Carrington che prosegue, imperterrita, la sua scalata sull’Olimpo del mercato. (£ 1,3 milioni). Tutti i dettagli qui.

– Arriva a caldo la risposta di Sotheby’s. Mercoledì, a Londra, la British Art e la Modern & Contemporary Art raccolgono un totale combinato di £ 149,2 milioni. Protagonista assoluto: Study for Portrait of Lucian Freud di Francis Bacon, che tocca in quattro e quattr’otto il tetto stellato di £ 43,3 milioni – il nono prezzo più alto per il pittore inglese. E poi ancora Claude Monet (£ 11,7 milioni), Andy Warhol (£ 12,7 milioni), le cupe nature morte di Anna Weyant (£ 466.200), le nuvole – in pendant – di Gerhard Richter (£ 11,2 milioni) e John Constable (£ 730.800). Sotheby’s on cloud nine! Il nostro report qui.

– Non poteva mancare Phillips nella stagione dorata del Giubileo. La vendita serale 20th Century & Contemporary Art di Londra, giovedì, raggiunge oltre £ 17,5 milioni. Podio della serata: un Untitled del 1962 di Cy Twombly (£ 2,7 milioni), la Ragazza in minigonna di Michelangelo Pistoletto (£ 2 milioni) e l’ormai imprendibile Flora Yukhnovich, con il suo Moi aussi je déborde del 2017 (£ 1,7 milioni). Bene anche per la sessione diurna: tra i numerosi record, menzione d’onore per Cristina BanBan, protagonista acclamata di un recente solo show da Perrotin (£144,900). E sono scintille per l’italiano Pino Pascali, il suo Cinque bachi da setola del 1968 raggiunge indisturbato quota £ 252,000.

Cy Twombly, Untitled. Courtesy of Phillips
Pino Pascali, Cinque bachi da setola. Courtesy of Phillips

– Londra, giovedì: il writer britannico STIK trionfa all’asta Post-War and Contemporary Art di Bonhams con Children of the Fire del 2011. Il prezzo finale? £ 247.000. «Le sue opere audaci e giocose non mancano mai di catturare l’attenzione del pubblico», commenta Oliver Morris-Jones, Head of Sale, «e noi siamo entusiasti che questo lavoro abbia chiaramente suscitato un simile entusiasmo tra i collezionisti». Altri punti salienti della vendita: un Frank Auerbach da £ 655.500, un Rashid Johnson da £ 264.900 e un INVADER da £ 183.000.

– Due studi dell’Ultima Cena ad opera di Giovanni Antonio Boltraffio vanno all’asta il prossimo 6 luglio – la notizia merita un’ultima sosta nella città del Giubileo. «L’opera di Leonardo da Vinci iniziò a deteriorarsi quasi immediatamente dopo essere stata terminata», spiegano dalla maison, «ed è solo attraverso rari disegni come questi, molto probabilmente realizzati dal suo stretto collaboratore Boltraffio subito dopo che Leonardo ebbe terminato il suo capolavoro, che possiamo comprendere il pieno impatto che ebbe quest’opera eccelsa quando fu creata». La stima? Una cifra compresa tra £ 80.000 e £ 120.000 per ciascuno dei due studi.

Sous le ciel de Paris, proseguono le aste di Sotheby’s in onore di Karl Lagerfeld. Dopo i tre appuntamenti di Monaco, Parigi e Colonia, ecco in arrivo l’incanto dedicato agli schizzi preparatori dell’icona dell’haute couture: «Una testimonianza unica della storia della moda», la definisce la maison, «ma anche del gusto di uno stilista che ha prodotto opere di ineguagliabile potenza». Si parte da prezzi relativamente piccoli – anche € 600 per alcuni croquis degli anni 70. Appuntamento al 6 luglio, tra li scintillii della Ville Lumière.

Beeple, Mad Dog Jones, Refik Anadol, Sam Spratt. I grandi nomi della Crypto-Art hanno sfilato – determinati – sotto il martello di Christie’s tra il 21 e il 28 giugno, come ai tempi d’oro degli NFT. Il risultato finale: $ 1,6 milioni. Più delle aspettative della casa d’aste (un’iniezione di fiducia?), certamente meno delle performance stellari del 2021. Avete già recuperato la nostra Polemichetta a tema Non-Fungible Token? Potete ascoltarla qui.

Attributed to Giovanni Antonio Boltraffio, The Head of St.James the Less with the indication of the right shoulder and open hand of St. Andrew (after Leonardo da Vinci). Courtesy Sotheby’s
Attributed to Giovanni Antonio Boltraffio, The Head of Saint John the Evangelist with the profile of the Head of Saint Peter to the left (after Leonardo da Vinci). Courtesy Sotheby’s

Articoli recenti

  • Mostre

Otto dipinti di Jean Dubuffet in mostra per la prima volta a Parigi

A settembre la Galerie Lelong & co di Parigi presenterà per la prima volta al pubblico i Paysages du Val-de-Marne…

15 Agosto 2022 0:30
  • Mostre

‘Scelte Apparizioni’: Braconi, El Asmar, Modica a D3082 alla Domus Civica Art Gallery, Venezia

La mostra "Scelte Apparizioni" raccoglie tre opere di Lara Ilaria Braconi, Elena El Asmar e Concetta Modica negli spazi di…

15 Agosto 2022 0:02
  • Mercato

Stranger Things! Gli oggetti più curiosi passati all’asta (da gennaio a oggi)

Dinosauri, meteoriti, perfino un kit anti-vampiro. La nostra rassegna sui lotti insoliti del primo semestre 2022

14 Agosto 2022 23:46
  • Arte contemporanea

Castelbasso: Aryan Ozmaei e Francesco Lauretta uniti nel rito

Come Ozmaei, anche Lauretta esplora la dimensione del rito: a Castelbasso un doppio dialogo tra l'artista iraniana e l'artista siciliano,…

14 Agosto 2022 16:21
  • exibart.prize

exibart prize incontra Giovanna Rigattieri

Anche se spesso la natura delle mie opere è cupa e nostalgica, in realtà l’elemento fondamentale per me è il…

14 Agosto 2022 9:26
  • Mostre

Le opere di Daniele Basso al Santuario di Oropa, tra arte e spiritualità

Le opere di Daniele Basso in mostra nel complesso monumentale del Santuario di Oropa: un percorso espositivo, curato da Irene…

14 Agosto 2022 8:52