Categorie: Mostre

‘Over Time’: Laura Pugno parte dal MUSE di Trento con il progetto vincitore dell’Italian Council

Fino al 26 settembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, nella storica sede espositiva di Palazzo delle Albere a pochi passi dell’edificio progettato da Renzo Piano, è possibile vedere Over Time, la videoinstallazione a tre canali esito del progetto di Laura Pugno sviluppato e prodotto da a.titolo, curato da Andrea Lerda e tra i vincitori della IX edizione di Italian Council (2020). Nei prossimi mesi la mostra si sposterà alla Fondazione Pistoletto, a Biella, e all’inizio del 2022 al SÜDPOL di Lucerna.

«L’esposizione al MUSE – ha spiegato il museo – inaugura il ricco programma di promozione del progetto, che prevede 3 mostre, 9 proiezioni, 5 talk e 4 panel con esperti di varie discipline in Italia e all’estero, al termine del quale l’opera entrerà a far parte della collezione permanente del museo».

«Over Time – ha proseguito l’istituzione – esplora secondo nuove prospettive il rapporto tra essere umano e ambiente naturale da sempre al centro della ricerca di Laura Pugno, attraverso lo sguardo sulla neve, materia insieme potente e vulnerabile, che condiziona climi, sistemi di vita ed economie. L’opera sviluppa l’indagine sulla neve intrapresa dall’artista nel 2018 e condotta nei diversi linguaggi del disegno, scultura, fotografia, installazione e in un ciclo di opere su carta dedicate a Wilson Bentley, fotografo che a fine Ottocento immortalò per primo i fiocchi di neve».
Nell’intervista qui sotto l’artista ci ha raccontato il progetto.

Laura Pugno, “Over Time”, 2021, still da video 4k, 15 min

Le parole di Laura Pugno

Over Time è un progetto vincitore della IX edizione dell’Italian Council e vede la partecipazione di numerose istituzioni italiane. Come è nato il progetto e quali aspetti pensi abbiano contribuito a una così ampia adesione?

«Il tema era nell’aria già da alcuni anni, infatti nel 2018 ho iniziato un vasto progetto sugli aspetti culturali dell’inverno. Tra le varie opere realizzate, i lavori scultorei basati sulla superficie e sulla struttura fisica della neve sono quelli che hanno suscitato l’interesse di Michele Freppaz, il nivologo presentatomi da Andrea Lerda, e con il quale è nata una collaborazione. A seguire è nato il desiderio di girare un video a tre canali, nel quale gli aspetti scientifici e industriali della neve entrano in dialogo con l’essere umano e l’ambiente che vive. Il tre video sono uniti da una colonna sonora realizzata appositamente dall’artista Magda Drozd.
La compresenza di diversi punti di vista ha fatto sì che tutti gli spazi contattati, che fin dal loro statuto si dichiarano attenti alle tematiche ambientali, si siano subito interessati al progetto.
È significativo che il MUSE – museo della scienza sia appunto il luogo che ha accolto l’opera nella sua collezione».

Laura Pugno, “Over Time”, 2021, still da video 4k, 15 min, documentazione set riprese video, foto di Laura Pugno
La mostra al MUSE di Trento è la prima tre mostre, che saranno accompagnate nel tempo da 9 proiezioni, 5 talk e 9 panel con esperti italiani e stranieri. Dove potremo vedere le prossime due mostre e su quali saranno gli aspetti principali uniranno trasversalmente queste proposte?

«Non poteva che essere Trento la “prima”, avendo una delle più antiche rappresentazioni pittoriche della neve (di cui si ha testimonianza): gli affreschi de Il ciclo dei mesi di Torre Aquila nel Castello del Buonconsiglio. Nel mese di gennaio è infatti rappresentata una scena invernale con un gruppo di nobili intenti a lanciarsi palle di neve.
Le prossime mostre saranno invece il 30 ottobre prossimo alla Fondazione Pistoletto (Biella) e la prima settimana di febbraio nel 2022 al SÜDPOL di Lucerna (CH).
In ogni spazio espositivo, l’installazione video sarà affiancata da un talk incentrato sulle tematiche indagate dall’opera. Si è iniziato al MUSE con la presenza di due nivologi che hanno dato un importante contributo scientifico al talk; si parlerà poi dell’importanza del freddo per le piante e per il suolo, mentre l’apporto di filosofi e sociologi sarà più incentrato sul tema della difficoltà di comunicare il cambiamento climatico. Il tutto con precise connotazioni del luogo geografico e della mission dei vari spazi ospitanti».

Laura Pugno, “Over Time”, 2021, still da video 4k, 15 min, documentazione set riprese video, (Freppaz), foto di Michela Curti
Come si colloca il progetto Over Time nella tua ricerca? Quali nuove possibilità ti ha permesso di sperimentare la vincita dell’Italian Council?

«Il progetto è un tassello importante nella ricerca di simboli culturali che influenzano il nostro sguardo. Centrale è la parte del video dove vi è il camminatore (da lì il titolo Over Time, nel tempo), apparentemente senza meta, vaga nei boschi innevati portando sulla schiena un busto di gesso che rimanda alla classicità, alla storia e al rapporto che l’uomo occidentale ha sempre avuto nei confronti della Natura. Rappresenta quindi il passato, ma anche il futuro, perché il busto – senza arti, né testa – ci mette in guardia verso la possibile decadenza di una società in rovina che rischia di non riuscire a ritrovare un equilibrio con l’ambiente in cui vive. E se ciò dovesse accadere (se il camminatore scegliesse di non fermarsi), sarà l’essere umano a soccombere, non certo la Natura che comunque gli sopravviverà.
Il premio mi ha permesso di progettare per la prima volta un’installazione video e di lavorare con un team di professionisti».

Laura Pugno, Over Time, installation view, Palazzo delle Albere – MUSE, Trento, 2021, Ph. Roberta Segata
Quale ritieni sia il ruolo dell’arte, degli artisti e delle istituzioni a essa legate nella sfida globale alla salvaguardia dell’ambiente?

«Aggiungersi al tam-tam mediatico già presente, ma purtroppo non sufficientemente ascoltato, offrendo visioni e linguaggi che solo l’arte può dare. Lo scopo è affiancarsi nel percorso già intrapreso dalla scienza per cercare di costruire una cultura che generi comportamenti e automatismi virtuosi».

Laura Pugno, Over Time, installation view, Palazzo delle Albere - MUSE, Trento, 2021, Ph. Roberta Segata more
Laura Pugno, “Over Time”, 2021, still da video 4k, 15 minmore
Laura Pugno, “Over Time”, 2021, still da video 4k, 15 minmore

Articoli recenti

  • Arte contemporanea

Carlo Zoli e la scultura, tra materia, tecnica e archetipi. Le parole dell’artista

«Amo la definizione di ‘modellatore’ perché tutto nasce dal plasmare la creta morbida e duttile», afferma Carlo Zoli raccontando oltre…

25 settembre 2021 1:14
  • Fotografia

Di roccia, fuochi e avventure sotterranee. La mostra al MAXXI

Cinque fotografi italiani raccontano le meraviglie delle viscere della terra e la nascita di grandi infrastrutture, tra spettacolari esplosioni, tunnel…

25 settembre 2021 0:30
  • Arte contemporanea

Focus Buenos Aires #2: memoria e presente di un Paese attraverso l’arte

Seconda puntata del nostro focus sull’arte contemporanea a Buenos Aires, con una visita al Parque de la Memoria - Monumento…

25 settembre 2021 0:09
  • MIC

Cantieri culturali: 57 milioni per 16 progetti strategici dal nord al sud

Dal Museo dell’arte digitale, a casa Olivetti, fino al museo dei diari: 57,4 milioni di euro per 16 progetti, c'è…

24 settembre 2021 15:30
  • Arte contemporanea

Hybrida Tales by Untitled Association #34: Spazienne Megazzino e Surplace

Untitled Association presenta Hybrida Tales, una mappatura di spazi indipendenti, artist-run spaces e associazioni culturali in tutta Italia: nuova tappa…

24 settembre 2021 12:10
  • Fiere e manifestazioni

PaviArt 2021: l’ottava edizione della fiera torna in presenza

Moderno e contemporaneo ma anche design e arti applicate: PaviArt torna al Palazzo delle Esposizioni di Pavia, con 70 gallerie…

24 settembre 2021 11:06