1972. Michelucci, Moore e Michelangelo. La vitalità del marmo – CARMI

Tra il 1964 – anno del quarto centenario della morte di Michelangelo – e il 1975, anno del quinto centenario della nascita dell’artista – le iniziative per ricordare il genio del Buonarroti si susseguono a ritmo incessante e culminano con l’idea si creare in grande e monumentale Memoriale a Michelangelo posto non lontano da Carrara, in località Foce di Pianza, posta tra il monte Borla e il monte Sangro, nei luoghi cari a Michelangelo che qui veniva per scegliere e procurarsi gli eccellenti marmi da cui trarre le sue opere.
L’idea iniziale della realizzazione del monumento affonda le proprie radici nella notte dei tempi ma il quotidiano “Il Telegrafo” nel 1964 aveva rilanciato l’ipotesi e Giovanni Michelucci, architetto pistoiese e personaggio di primo piano del Novecento, aveva cominciato a lavorarci già dal maggio del 1972 tanto che nel luglio dello stesso anno fu premiato da Pierantonio Balli allora presidente del Circolo culturale carrarese Arturo Dazzi per il lavoro svolto.

Enrico Pollastrini (Livorno 1817-Firenze 1876), Michelangelo scopre il David, olio su tela, cm 54,5x5x40, Iscrizioni: “E. Pollastrini”, in basso a destra 1863, Viareggio, Istituto Matteucci

Nell’accettare l’incarico l’architetto si era opposto all’idea di monumento celebrativo e aveva proposto la realizzazione di un Centro Sperimentale del Marmo che accogliesse anche una torre osservatorio, atelier per gli artisti e un teatro all’aperto con la cavea rivolta verso il mare.
Nell’arco di tre anni, dal 1972 al 1975, Michelucci schizzò oltre 150 disegni per mettere a fuoco il nucleo del progetto che aveva in mente e che si sarebbe dovuto completare con un grande colosso, che potesse essere visto anche dal mare, affidato a Henry Moore, scultore inglese che proprio nel 1972 esponeva le sue imponenti opere nella famosa esposizione allestita al Forte di Belvedere a Firenze, ma che già dagli anni Cinquanta aveva una consuetudine con la costa versiliese e con le montagne apuane.
Nei primi disegni Michelucci rappresenta il profilo delle Apuane e i vari piani della cava abbandonata su cui il progetto avrebbe dovuto essere realizzato, poi ci sono gli studi per la copertura che avrebbe dovuto assomigliare a una tenda che ricordasse quella della chiesa di San Giovanni Battista sull’autostrada nei pressi di Firenze e poi quelli per la torre-traliccio.

1972. Michelucci, Moore e Michelangelo. La vitalità del marmo – CARMI, vista della mostra

Dal lavoro a quattro mani tra Michelucci e Moore ne sarebbe dovuto uscire un progetto immaginifico a metà strada tra architettura e scultura.
La prima pietra per l’edificazione del memoriale fu posta il 10 novembre 1975 alla presenza dell’allora Ministro dei Beni Culturali Giovanni Spadolini e delle autorità locali, ma nonostante le assicurazioni del governo centrale per trovare la copertura dei costi, il Memoriale a Michelangelo è restato sulla carta.
Se il nucleo della mostra è il progetto di Michelucci intorno a questo fulcro ne vengono focalizzati altri due che in qualche modo completano e approfondiscono il clima culturale che si respirava nella Carrara degli anni Sessanta e Settanta. Motivo di approfondimento sono le fotografie che Ilario Bessi – testimone diretto – aveva scattato intorno alla mostra fiorentina del Belvedere e al succedersi degli eventi, i video e le interviste ai protagonisti di quegli anni come – tra gli altri – quello all’architetto Piero Micheli responsabile dell’allestimento della mostra e una serie di opere dei secoli XVI-XIX, inserite nel percorso museale del CARMI – museo appunto dedicato a Michelangelo che ospita la mostra – con l’intento di esemplificare l’immensa fortuna del maestro e delle sue opere. Tra queste spiccano Michelangelo alle cave (1864) di Antonio Puccinelli e Michelangelo scopre il David (1863) di Enrico Pollastrini.

Articoli recenti

  • Mercato

BRAFA 2023, ecco le prime anticipazioni della fiera di Bruxelles

5000 anni di storia, dall'archeologia al design. 130 gallerie internazionali a raccontarli, inclusi 10 espositori italiani

7 Ottobre 2022 1:00
  • Mostre

‘Ri-Materializzazione del Linguaggio. 1978-2022’ alla Fondazione Dalle Nogare, Bolzano

A Bolzano, alla Fondazione Antonio Dalle Nogare, viene riproposta e ampliata la storica mostra curata da Mirella Bentivoglio "Materializzazione del…

7 Ottobre 2022 0:46
  • Fotografia

Festival della Fotografia Etica. A Lodi 600 immagini per capire il mondo

Per cinque weekend, fino al 23 ottobre, Lodi ospita la tredicesima edizione del Festival della Fotografia etica

7 Ottobre 2022 0:30
  • Arte contemporanea

La cinecittà delle donne: Vanessa Beecroft allo Studio 5

Donne scelte in tre quartieri di Roma, al di là di stereotipi, pensando alla Jeanne Moreau de "La Notte" di…

7 Ottobre 2022 0:27
  • Musei

Un nuovo super museo in California: l’OCMA apre le porte

Firmato dall’archistar Thomas Mayne, l’OCMA apre al pubblico la sua collezione d’arte contemporanea nel segno dell’inclusività: l’accesso sarà gratuito per…

6 Ottobre 2022 17:50
  • Arte contemporanea

Festival del Paesaggio 2022: cinque artisti per respirare l’Aria di Capri

A Capri, nei suggestivi spazi di Villa San Michele, la mostra della sesta edizione del Festival del Paesaggio, con opere…

6 Ottobre 2022 15:54