Categorie: Danza

La metamorfosi e il mito del Minotauro secondo Papaioannou

Ogni suo spettacolo è una sterminata biblioteca visiva, un atlante della storia antica e moderna, dove ogni sequenza è un viaggio in un immaginario iconico denso di riferimenti e simboli. Che richiamano archetipi universali. Il suo è un teatro senza etichette, una coreografia senza canoni, una pittura senza cornice, una scultura scomponibile. D’altronde lui stesso, Dimitris Papaioannou, che ha l’Arte Povera nel suo Dna, si definisce un pittore, un artista che compone immagini. Non fa eccezione l’ultima sua creazione Transverse Orientation (in prima nazionale al Campania Teatro Festival, poi a Torinodanza e al festival Aperto di Reggio Emilia), ancora una volta folgorante per quella capacità inventiva volta non a stupire ma, com’è per i veri artisti, ad aprire mondi “altri”, suscitare visioni personali in ciascuno spettatore.

Transverse Orientation, 2021, Dimitris Papaioannou, photo Julian Mommert

E basterebbe l’ultima scena di un orizzonte infinito con cui si chiude lo spettacolo: un paesaggio acquatico creatosi sotto i nostri occhi dalle pedane rumorosamente divelte e accatastate dagli stessi performer, fino a formare due montagne con al centro una minuscola fontana da dove sgorga dell’acqua che inonda il palcoscenico. Un uomo con un secchio e uno straccio, lentamente cerca di asciugarlo, mentre un altro è sdraiato tranquillamente ad osservare il panorama dal tenue chiarore all’orizzonte e dal lieve riverbero che via via va definendosi. Un’altra figura, camminando sulle pedane rocciose, si avvia verso la porta laterale della grande parete frontale ed esce lanciando un ultimo sguardo su quello scenario.

Transverse Orientation, 2021, Dimitris Papaioannou, photo Julian Mommert

Nell’emozionante silenzio che regna, rimane la silhouette dell’uomo immobile, di spalle, mentre la luce lentamente si spegne su quell’idilliaco universo. Spiaggia, lago, o un altro pianeta. Nelle quasi due ore che precedono quest’ultima scena, si dipartono molteplici suggestioni evocative, un retaggio arcaico che ha come riferimento i chiaroscuri del mito del Minotauro. Il toro è ricostruito a grandezza naturale e fatto muovere dagli stessi performer simulando zampe e muscoli, riproducendo la lingua con un semplice movimento della mano, domandolo, assecondandone la natura scalcinante, carezzandolo e abbeverandolo a un secchio.

Transverse Orientation, 2021, Dimitris Papaioannou, photo Julian Mommert

A turno alcuni danzatori indossano una testa con le corna, altre figure entrano ed escono da una porta con scalini come se si provenisse e si andasse in mondi ed epoche diverse fino alla nostra. Sempre da quell’uscio fuoriescono minacciosi e inarrestabili, anche enormi blocchi di pietra con i quali innalzare e far crollare muri e fortezze, sopra i quali ruotare stando in equilibrio.

Tutta la scena è uno spazio mentale, onirico, un campo di battaglia che, sulla musica barocca di Vivaldi appena accennata, accoglie la leggerezza magrittiana di omini con un palloncino al posto della testa e le movenze alla Jacques Tati, tutti indaffarati con scale aperte e chiuse dove salire per aggiustare un neon intermittente collocato sulla parete come se fosse l’occhio di un dio che osserva dall’alto. Scena che mostra corpi nudi e vestiti dare vita a sequenze plastiche e pittoriche; comporre la Venere di Botticelli dentro una vasca zampillante d’acqua, e una partoriente Madonna con Bambino di fattura rinascimentale; quella moderna del pittore Yannis Tsarouchis (di cui è stato allievo Papaioannou), quella vascolare e statuaria della classicità greca, e quella di mostriciattoli alla Jeronimus Bosch nei due corpi attorcigliati che avanzano a quattro zampe tenendosi alle caviglie.

Transverse Orientation, 2021, Dimitris Papaioannou, photo Julian Mommert

E ancora figurazioni che rimandano al Ratto d’Europa o a Pasifae (una lunare donna nuda sdraiata sul dorso del toro), a un uomo-sirena boccheggiante emerso dall’intrecciare le gambe e le lunghe scarpe, e spruzzato d’acqua; ad altri esseri ibridi, creature umane o deformi. C’è molto altro nel surreale susseguirsi di Transverse Orientation, un viaggio dal caos alla metamorfosi del sogno, dal buio alla luce di un mondo nuovo.

Transverse Orientation, 2021, Dimitris Papaioannou, photo Julian Mommert

Come si evince non c’è narrazione esplicita, ma un flusso d’arte di azioni poetiche, misteriose, divertenti, fantasiose, che annullano il tempo e lo spazio mostrandoci lo scorrere della vita. Come solo Papaioannou sa fare. Tutto questo grazie anche ai suoi performer, da citare tutti: Damiano Ottavio Bigi, Šuka Horn, Jan Möllmer, Breanna O’mara, Tina Papanikolaou, Łukasz Przytarski, Chritos Strinopoulos, Michalis Theophanous.

Articoli recenti

  • Arte contemporanea

Davide Serpetti, The Sleepers – Casa Vuota

L’atto del dormire tra pittura e tridimensionalità: con "The Sleepers" Davide Serpetti trasporta il sonno nella dimensione reale nell'appartamento Casa…

22 ottobre 2021 15:03
  • Attualità

La mostra del dissidente Badiucao a Brescia, contesa dalla Cina

L’Ambasciata cinese intima all’amministrazione di Brescia di cancellare la mostra dedicata all’artista dissidente Badiucao, in programma al Museo di Santa…

22 ottobre 2021 11:27
  • Progetti e iniziative

Artisti indigeni rivendicano il loro diritto al Parco Nazionale di Yellowstone

Il Parco di Yellowstone ha invitato artisti nativi americani a realizzare una serie di installazioni: così l’arte pubblica diventa un…

22 ottobre 2021 10:20
  • Teatro

Un figlio del nostro tempo, di ieri e di domani, al Teatro Due di Parma

Lucrezia Le Moli mette in scena il romanzo di Ödön von Horváth scritto nel 1937, un testo di formazione politica…

22 ottobre 2021 9:25
  • Opening

Phil Borges: ‘Ritratti dal mondo’, l’antologica alla galleria Paci contemporary, Brescia

Da oggi più di 50 scatti del fotografo americano in mostra alla Paci contemporary, in occasione della pubblicazione del nuovo…

22 ottobre 2021 2:19
  • Arte contemporanea

Storie, case e fantasmi, secondo Eugenio Tibaldi

Alla Tenuta dello Scompiglio Eugenio Tibaldi ci mette di fronte alle ossessioni personali nella nostra condizione di visitatori, creando un…

22 ottobre 2021 0:24