Categorie: Fotografia

It’s a Mad, Mad, Mad, Mad World #30. Intervista a Ohad Matalon

Milano Art Guide ed exibart presentano It’s a Mad, Mad, Mad, Mad World, un atlante della fotografia degli anni 2020, da scoprire ogni settimana su Instagram. L’ospite di questa settimana è Ohad Matalon. Per dare un’occhiata al takeover nelle stories del nostro account instagram, vi basta cliccare qui.

#ItsaMadMadMadMadWorld: intervista a Ohad Matalon

A cosa stai lavorando?

«Sto lavorando ad un progetto in cui ricerco la gamma di relazioni tra il lavoro di un artista (il caso di studio è il mio lavoro) e il lavoro di altri artisti, che lavorano con lo stesso mezzo, così come le relazioni verso i miei lavori precedenti. Di nuovo, il caso di studio è il mio mezzo, la fotografia. La gamma è tra l’essere ispirato, citazione, plagio, omaggio, continuazione di un’altra opera d’arte, e altro ancora.»

Come trovi ispirazione per il tuo lavoro? E cosa ti ispira di più?

«Leggere e ascoltare musica è la mia più grande ispirazione, specialmente leggere scritti sull’estetica e ascoltare musica moderna e free jazz. Ma in questi giorni, dal momento che sto lavorando con altre opere d’arte, sto spendendo molto tempo alla ricerca della fotografia giusta con cui relazionarmi, e il processo di ricerca è diventato un’altra fonte principale di ispirazione.»

Cosa significa fotografare negli Anni Venti del Duemila?

«Per quanto ho capito, non c’è più un vero bisogno di buone fotografie, troppe persone stanno scattando miliardi di foto ogni giorno, il che significa che la vita, la terra e il resto del soggetto sono coperti abbastanza ampiamente. Perciò credo che i fotografi d’arte dovrebbero contribuire a rivelare nel loro lavoro i limiti di questo mezzo, per riflettere su di esso e indagarne la natura. Credo che ogni fotografia d’arte dovrebbe contenere uno strato di riflessione sul mezzo, o sulla sua specifica creazione. Credo anche che ogni fotografia d’arte dovrebbe dire allo spettatore qualcosa sull’insufficienza della capacità di questo mezzo per catturare e documentare qualsiasi soggetto verso cui è rivolto.»

Il 2020 in una foto?

Biografia

Ohad Matalon (Tel Aviv, Israele, 1972) è un artista di israeliano che lavora principalmente con il medium fotografico. Ha conseguito un MFA presso la Bezalel Academy of Art and Design nel 2007 e insegna alla Bezalel Academy di Gerusalemme. Ha preso parte in diversi esposizioni, tra le quali un solo show presso il Tel Aviv Museum of Art (2014). Il suo lavoro è stato acquisito in diverse collezioni, tra le quali figurano l’Haifa Museum of Art e Pkb Private Bank Switzerland Collection.

Info: Instagram, ohadmatalon.com

Per le altre interviste di It’s a Mad, Mad, Mad, Mad World potete cliccare qui.

Articoli recenti

  • Progetti e iniziative

Arte e Spazio Pubblico: le giornate di studio della Scuola Beni Culturali

Cinque giornate di studio online per approfondire il dialogo tra Arte e Spazio Pubblico: al via il progetto della Direzione…

22 Gennaio 2022 12:34
  • Mercato

Bonhams, va all’asta una piroga di 4000 anni

Stava per bruciare in un falò. Ora andrà in vendita al miglior offerente, tra i tesori della Jim Lennon Collection

22 Gennaio 2022 11:00
  • Attualità

Decreto Legge Sostegni: nel 2022, 111 milioni di euro per la cultura

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge Sostegni Ter, che rinnova gli aiuti ai settori colpiti dalla pandemia…

22 Gennaio 2022 10:11
  • Mercato

Il Casino dell’Aurora rimane invenduto? Per il FAI è meglio così

«L’auspicio è che anche le prossime aste vadano deserte»: così il neo-presidente del Fondo Ambiente Italiano commenta la mancata aggiudicazione…

22 Gennaio 2022 7:55
  • Opening

Galleria Eduardo Secci: le due nuove mostre in arrivo negli spazi di Firenze

Dal 29 gennaio a Firenze, nelle sale della galleria Eduardo Secci e nel suo nuovo spazio NOVO, inaugureranno due progetti espositivi:…

22 Gennaio 2022 1:38
  • Arte contemporanea

“L’alba blu” di Giovanni Gaggia. Intervista all’artista

Prorogata la mostra “Ho visto un’alba blu”, a cura di Livia Savorelli, che conclude il progetto di Giovanni Gaggia con…

22 Gennaio 2022 0:03