Categorie: Musei

La Pilotta di Parma apre il nuovo Museo Bodoni, il più antico museo della stampa

Il Complesso Monumentale della Pilotta di Parma inaugura il nuovo Museo Bodoni, il più antico museo della stampa in Italia. L’intervento si inserisce nell’ampio progetto di restauro, ampliamento e risistemazione critica degli spazi e degli allestimenti del Complesso guidata dal suo Direttore Simone Verde e dal Direttore scientifico della Fondazione Museo Bodoni, Andrea De Pasquale.

Il Museo Bodoni, gestito dalla Fondazione appositamente costituita per promuovere studi e ricerche nel campo dell’arte grafica e tipografica, nasce nel 1963 in occasione del 150° anniversario della morte di Giambattista Bodoni (1740-1813), tipografo piemontese che rese Parma capitale mondiale della stampa a partire dalla seconda metà del Settecento. Fino a poco fa si trovava al terzo piano della Biblioteca Palatina in una posizione molto sacrificata, di difficile accesso e con scarsa visibilità. Problematiche che hanno portato alla scelta di spostare la nuova sede del museo al piano terra della Biblioteca Palatina, istituto fra i più antichi del Complesso dall’inestimabile patrimonio librario e documentaristico nonché custode di un fondo di disegni e stampe unico al mondo.

“Il nuovo allestimento museografico del Bodoni – dichiara il Direttore Simone Verde – ha comportato una totale riprogettazione degli spazi precedenti, con lavori strutturali, di impiantistica e realizzazione di nuovi arredi espositivi. Uno sforzo importante volto a restituire valore e dignità a un autentico gioiello primo e unico nel suo genere in Italia. Da oggi – prosegue Verde – pubblico e studiosi in visita al nuovo Museo Bodoni potranno vivere un’esperienza doppiamente immersiva, che da un lato rievoca l’aspetto dell’antica tipografia e, dall’altro, ripercorre la storia e la nascita della stamperia ducale e la cultura di un’epoca in cui Parma era tra le vere capitali europee”.

Nuovo Museo Bodoniano - Foto di Giovanni Hänninen. 6. Il nuovo allestimento del Bodoniano con il tavolo interattivo multimediale per la consultazione digitale dei materiali del museomore
Nuovo Museo Bodoniano - Foto di Giovanni Hänninenmore
Nuovo Museo Bodoniano - Foto di Giovanni Hänninenmore
Nuovo Museo Bodoniano - Foto di Giovanni Hänninen. more
Nuovo Museo Bodoniano - Foto di Giovanni Hänninen. Fedele ricostruzione del XX secolo del torchio bodonianomore
Nuovo Museo Bodoniano - Foto di Giovanni Hänninen. Vetrine della sezione espositiva La fabbrica del libro, I punzoni e la stampamore

Il nuovo museo espone una ricca selezione di capolavori della storia dell’editoria e più in generale della grafica, tra cui alcune edizioni bodoniane (compresi esemplari unici e rarissimi, stampati su pergamena o seta), la suppellettile tipografico-fusoria ed altri cimeli di assoluto rilievo appartenuti all’officina di Bodoni.

Il percorso espositivo si apre con la sezione dedicata a “La Fabbrica del Libro”: all’interno di quattro grandi vetrine, parte del mobilio originale del museo degli anni ‘60, sono ricostruite le varie fasi di lavoro di Bodoni. A partire dal disegno del carattere e creazione dei punzoni, dalla fabbricazione delle matrici e fusione della lega tipografica con tutti gli strumenti di lavoro utilizzati, forme per la fusione dei caratteri, lime, pialle, cucchiaini etc., fino alla rifinitura e composizione per stampa tipografica, calcografica e xilografica.

Una grande armadiatura-libreria realizzata su misura è dedicata a “I capolavori di Bodoni”, sezione in cui viene esposta la raccolta dei volumi bodoniani, con particolare riguardo alla raccolta palatina ancora con legature originali, al fine di documentare la bibliofilia bodoniana. Fra questi, spiccano alcune delle edizioni più rare quali le Odi di Anacreonte su pergamena di Baviera e le Stanze di Poliziano stampate su seta.

1. Giambattista Bodoni
Fregi e majuscole incise e fuse da Giambattista Bodoni direttore della Stamperia reale
A Parma, nella Stamperia stessa, 1771
È il primo campionario di caratteri incisi e fusi da Bodoni, che qui risente fortemente dell’influenza del tipografo francese Fournier, ma lo riconosce apertamente. Contiene un’ampia premessa autobiografica dello stampatore che racconta delle sue ascendenze tipografiche e della sua originaria propensione per i caratteri dell’inglese Baskerville, poi orientatasi per quelli di Fournier. Dichiara di voler proseguire «senza indugio a compiere tutta la serie ad una stamperia necessaria; e racati a termine i caratteri latini, e greci secondo le diverse gradazioni loro, porremo cura e fatica nel formare gli alfabeti orientali più usitati». Inoltre il tipografo discute sulla forma dei caratteri e sulla loro storia ed infine sostiene il primato raggiunto dalla sua nuova fonderia sulle altre esistenti in Italia.

Al centro dello spazio, un tavolo multimediale e interattivo presenta, in formato digitale, diversi volumi fra cui il Manuale tipografico composto da cento caratteri latini tondi, 50 corsivi e 28 greci a cui Bodoni lavorò per tutta la vita, e l’immane opera dell’Oratio Dominica, il Padre nostro in 155 lingue utilizzando ben 215 caratteri diversi tra latini, greci ed esotici, stampato da Bodoni in meno di un anno. Grazie a tale dispositivo touch-screen è possibile effettuare una ricerca per volume e sfogliare le pagine dell’opera nella sua completezza, potendo così ammirare la raffinatezza e l’alta qualità del lavoro tipografico di Giambattista Bodoni.

Da poco è stata ampliata la collezione grazie ai 34 disegni originali a lapis utilizzati nel 1800 dall’incisore Rosaspina per illustrare il libro di Bodoni Pitture di Antonio Allegri detto il Correggio, donati dal professor Corrado Mingardi, consigliere della Fondazione Museo Bodoni.

Articoli recenti

  • Mercato

Sotheby’s, all’asta uno dei più importanti dipinti di Kandinsky

Rarissimo, realizzato agli albori del linguaggio astratto dell'artista, trafugato, finalmente restituito. Ora "Murnau mit Kirche II" è pronto a sfilare…

8 Febbraio 2023 14:00
  • Arte contemporanea
  • Mostre

Nuovi orizzonti ecologici: Hot Spot alla Galleria Nazionale di Roma

Alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la forza poetica dell’arte racconta il fallimento della modernità con la…

8 Febbraio 2023 12:20
  • Arte contemporanea

Biennale di Venezia: chi è Archie Moore, l’artista aborigeno che rappresenterà l’Australia

Continua a delinearsi il panorama della 60ma Biennale d’Arte di Venezia: a rappresentare l’Australia, sarà per la seconda volta un…

8 Febbraio 2023 11:41
  • Mostre

Salvatore Emblema, artista della sensazione: la mostra diffusa a Napoli

Diffusa in vari ambienti del Museo e Real Bosco di Capodimonte, a Napoli, e con un'appendice all’aeroporto di Capodichino, un’ampia…

8 Febbraio 2023 10:12
  • Fotografia
  • Premi

The Collectors. Chain by Art Defender: le voci dei protagonisti ad Arte Fiera

Ritorna ad Arte Fiera, per la seconda edizione, il Premio The Collectors.Chain by Art Defender, dedicato alla fotografia: in un…

8 Febbraio 2023 8:53
  • Arte contemporanea

Il racconto di Tuwaiq Sculpture 2023, festival di scultura nella capitale dell’Arabia Saudita

A pochi kilometri a nord di Riyadh si svolge la quarta edizione della manifestazione legata alla scultura della pietra locale:…

8 Febbraio 2023 0:30