L’anno di Palazzo Te, all’insegna dell’arte di vivere: mostre e progetti per il 2022

Da un Giulio Romano nelle inedite vesti di designer ante litteram, ai linguaggi della contemporaneità del coreografo Virgilio Sieni e dell’artista Stefano Arienti, un nuovo anno di progetti, incontri, mostre, performance, collaborazioni dal taglio internazionale, all’insegna dell’Arte di Vivere. Palazzo Te, prezioso scrigno della storia di Mantova e oltre, riparte dalle sue radici rinascimentali, che affondano nella società del Cinquecento, per interrogare il presente e le sue sfide, riunendo la grande comunità della cultura tra le sue stupefacenti pareti. «D’ora in poi, il programma annuale di Palazzo Te sarà identificato da un titolo, che darà occasione di attivare la curiosità e la ricerca», ha spiegato Stefano Baia Curioni, Direttore Fondazione Palazzo Te, intervenuto questa mattina, in occasione della conferenza stampa di presentazione della programmazione del 2022.

Dunque, “Mantova: l’Arte di vivere” è il titolo della nuova stagione che animerà gli spazi di Palazzo Te dal 26 marzo 2022 all’8 gennaio 2023, con il coordinamento di Baia Curioni e con il supporto di un comitato composto da Barbara Furlotti, The Courtauld Institute, Davide Gasparotto, Getty Museum, Ketty Gottardo, The Courtauld Gallery, Augusto Morari, Fondazione Palazzo Te, Guido Rebecchini, The Courtauld Institute, Xavier Salomon, The Frick Collection. Fil rouge che unirà i vari progetti è lo “stile di vita” dei Gonzaga nella Mantova rinascimentale e il ruolo delle corti nella produzione culturale.

«Perché Arte di vivere? E cosa è Arte di vivere? Non la si può definire, ma semmai riconoscere quando la si incontra nelle persone, nelle loro creazioni, nelle “cose” cui è stata dedicata la propria cura», ha spiegato Baia Curioni. «Questo meraviglioso (e sempre meravigliante) Palazzo Te è pieno di allusioni a un’Arte di vivere che a tratti ci sembra aver smarrito: la sequenza delle sale, la fantasia, il riferimento all’Honesto Otium della sala di Amore e Psiche, gli oggetti…che occhieggiano dai banchetti, il loro esistere multiforme. Così abbiamo deciso quest’anno di interrogare l’Arte di Vivere nascosta e insieme svelata a Palazzo Te».

Le mostre del 2022 di Palazzo Te, tra convivialità e guerra

Da un lato, allora, la forte presenza delle architetture di Palazzo Te, dall’altro la dimensione effimera degli oggetti preziosissimi e ricercati che hanno abitato i suoi luoghi. Per gli uomini e le donne che abitavano questi ambienti, i manufatti dell’epoca, al di là dell’ambigua linea di confine tra arte e artigianato, avevano il potere di plasmare le interazioni sociali e di garantire l’unicità e diversità del loro status.

Frammento di corame con putto su fondo rosso XVI sec. 48×68 cm Collezione privata

Primo appuntamento in programma, dal 26 marzo al 26 giugno 2022, “Le pareti delle meraviglie. Corami di corte tra i Gonzaga e l’Europa”, la mostra a cura di Augusto Morari che darà occasione di riscoprire una forma di decorazione murale un tempo molto in voga ma, ormai, perduta: i parati in pelle. Sviluppata in sette sezioni, la mostra ripercorre la fortuna e l’affascinante storia dei corami e della loro diffusione dal secondo Quattrocento alla metà del Seicento, grazie ai generosi prestiti di numerose istituzioni museali tra cui Palazzo Madama di Torino, i musei Correr di Venezia, Stibbert e Mozzi Bardini di Firenze, e dal Museumslandschaft Hessen di Kassel.

Frammento di corame con Meleagro e Atalanta 1620-1640 150×108 cm Collezione privata

L’appuntamento dell’autunno, dall’8 ottobre 2022 all’8 gennaio 2023, è con la mostra “Giulio Romano. La forza delle cose”, a cura di Barbara Furlotti e Guido Rebecchini, che approfondisce il tema delle opere in metallo realizzate su disegni di artisti cinquecenteschi, in particolare di Giulio Romano – che della dimora monumentale fu architetto, nel senso più ampio del termine –, ma anche Michelangelo e Francesco Salviati. «Sono oggetti che hanno la capacità di trasformare lo spazio, pieni di invenzione. Oggetti di socialità e di convivio ma anche da guerra», ha commentato Rebecchini, come armi da parata, saliere dalle forme estrose, letti con baldacchini pergolati e portauova con scene mitologiche.

Modello 3D Pinza da tavola a forma di becco d’anatra © Factum Foundation

Tra i vari oggetti, spicca il famoso scudo dell’imperatore Carlo V di Madrid, che verrà eccezionalmente esposto insieme al relativo disegno di Giulio Romano. La selezione di disegni evidenzia come Giulio Romano avesse trovato proprio nel design la dimensione ideale per esprimere la sua vena più fantasiosa, scherzosa e originale.

. Giulio Romano e allievi Camera di Amore e Psiche 1527 affresco Mantova, Palazzo Te Foto: Gianmaria Pontiroli © Fondazione Palazzo Te

Entrambe le mostre si avvalgono della collaborazione esclusiva con Factum Foundation, leader internazionale nell’innovazione e nell’applicazione delle nuove tecnologie alla conservazione dei beni culturali e nell’innovazione museografica. Nell’ambito di questa collaborazione, previsto anche un progetto di digitalizzazione di tre delle più celebri stanze di Palazzo Te.

Ricerca e formazione

Oltre che sul programma espositivo, il 2022 di Palazzo Te, come da tradizione, sarà incentrato anche sulle attività di ricerca e di formazione. Si parte il 6 maggio 2022 con “Il gusto per le cose: il design di oggetti tra Mantova e le corti europee del Rinascimento”, convegno online a cura di Barbara Furlotti e Guido Rebecchini.

Ricco il programma di attività, eventi di approfondimento e intrattenimento. Insieme agli eventi estivi organizzati in collaborazione con Michelangelo Foundation e Homo Faber, e agli appuntamenti del public program, da maggio a settembre la Scuola di Palazzo Te propone quattro moduli di approfondimento teorico e pratico con gli storici dell’arte Guido Rebecchini e Stefania Gerevini, il coreografo Virgilio Sieni, l’artista Stefano Arienti e l’artigiano vetraio e mosaicista Lino Reduzzi, e Carlos Bayod della società di produzione artistica Factum Arte.

Articoli recenti

  • Arte contemporanea

Il caglio dei sogni che manca a questa Biennale d’Arte di Venezia

Una Biennale che lavora sull'immaginario ma a cui manca la pratica, una mostra assolutamente da vedere e assolutamente insufficiente: l'opinione…

19 Maggio 2022 0:24
  • Opening

‘Reworking’: Alessandro Fabbris alla CRAG Gallery, Torino

Oggi e domani, 19 maggio e 20 maggio, inaugura 'Reworking', la personale di Alessandro Fabbris alla Crag – Chiono Reisovà art…

19 Maggio 2022 0:02
  • Arte contemporanea

Il pirotecnico Cai Guo-Qiang accademico d’onore dell’Accademia di Carrara

L’Accademia di Belle Arti di Carrara ha conferito il titolo di Accademico d’Onore per il 2022 a Cai Guo-Qiang, artista…

18 Maggio 2022 18:11
  • Arte contemporanea

All’Archivio Agnetti, un disegno di Cesare Pietroiusti da staccare

I visitatori della mostra “Spazio/Territorio”, all’Archivio Agnetti di Milano, potranno staccare e portare con sé uno dei duecento disegni che…

18 Maggio 2022 16:00
  • Mercato

Lempertz, all’asta un Murillo riscoperto

Ammirato nel monastero di Siviglia fino all'Ottocento, declassato per oltre un secolo. Questa settimana, a Colonia, il dipinto sarà in…

18 Maggio 2022 14:18
  • Moda

Yayoi Kusama e Louis Vuitton ancora insieme, per la Collezione Cruise a pois

Louis Vuitton e Yayoi Kusama celebrano 10 anni dalla prima, fortunatissima collaborazione, con una nuova collezione personalizzata a pois colorati…

18 Maggio 2022 11:33