Categorie: Street Art

Eneide Street Art. Il murales di Agostino Iacurci per la Biblioteca di Pomezia

Si parla tanto di arte di strada, di arte pubblica, di street art. Il dubbio, la paura, la sensazione, è che si stia facendo un po’ di confusione e che quello che stiamo vedendo un po’ ovunque, non sia altro che desiderio di sovraesposizione, a discapito della qualità. Non è così per il progetto di Agostino Iacurci a Pomezia, che vede invece un impianto ben deciso e delineato, con una struttura iconologica chiara. L’artista infatti, che ha lavorato a uno spazio comunale, la biblioteca della città di Pomezia, ha voluto lasciare una traccia di sé attraverso il racconto che si dipana tra le parole di Virgilio, nel racconto dell’incontro con la Sibilla Cumana nel VI libro dell’Eneide. La narrazione si svolge per tutto il perimetro della biblioteca, con uno sguardo attento ai singoli particolari, una visione che contiene attenzione ai dettagli nel pur grande murale.

La biblioteca di Pomezia, già da tempo simbolo culturale di una cittadina piccola alle porte della Capitale, rinasce proprio da qui, con questo progetto di Agostino Iacurci che si intitola Antiporta. Non a caso l’artista pone l’Eneide e Virgilio al centro del proprio lavoro, perché in questi luoghi, in questi lidi, si dice che Enea sia sbarcato. Ecco dunque la citazione delle cento porte che portano all’oltretomba, la misteriosa porta in tufo dell’heroon conservata al Museo Archeologico di Lavinium, visitabile ancora oggi.

Tanti gli innesti iconografici che riportano al racconto dell’Eneide, anche, per esempio, il ramo d’oro che permette la discesa di Enea nell’Ade, che Iacurci ha voluto inserire all’interno degli archi della biblioteca o, ancora, i busti di fanciulle poggiati su colonne, che riportano la memoria al patrimonio che si trova nel Museo Archeologico.

Agostino Iacurci, L’antiporta. Foto Andrea Pizzalis. Courtesy Fondazione Pastificio Cerere

Una narrazione dunque che non lascia nulla al caso, ma che si basa su studi e approfondimenti riferiti a eventi accaduti probabilmente in queste zone, luoghi storici che sono stati dimenticati ma che con questo progetto si spera tornino in auge, per gli spettatori che passeranno vicino alla biblioteca, ma ancora di più per coloro che usufruiscono della biblioteca stessa.

Il progetto, di più ampio respiro, si intitola “Sol Indiges, Arte pubblica tra mito e futuro”, ed è stato voluto dal Comune di Pomezia, in collaborazione con la Fondazione Pastifico Cerere, a cura di Marcello Smarrelli. La biblioteca comunale Ugo Tognazzi, con il grande murale, «è diventata un’opera d’arte a cielo aperto», come giustamente ha precisato il sindaco della cittadina. Sol Indiges è solo il primo di tre progetti che riannoderanno il filo della stoia contemporanea di Pomezia con quella antica, che torna alle origini.

Articoli recenti

  • Mostre

‘Over Time’: Laura Pugno parte dal MUSE di Trento con il progetto vincitore dell’Italian Council

Al MUSE di Trento, nella sede di Palazzo delle Albere, la video-installazione a 3 canali "Over Time", tra i vincitori…

31 luglio 2021 2:25
  • Arte contemporanea

Cattelan, Ferrari e Parr: Toilet Paper a Villa Medici

Ancora una volta in questa provocatoria mostra a tre Cattelan, Parr e Ferrari innovano ed irrompono in un nuovo contemporaneo.…

31 luglio 2021 0:13
  • MIC

G20 della Cultura: approvati i 32 punti della Dichiarazione di Roma

A conclusione del G20 della cultura, approvati i 32 punti della Dichiarazione di Roma, dalla protezione del patrimonio alla rete…

30 luglio 2021 19:05
  • Fiere e manifestazioni

Flashback: la fiera di Torino torna nel 2021 in presenza, in una nuova sede

Una nuova sede, in una ex caserma, per raddoppiare lo spazio per gallerie e progetti collaterali: Flashback, la fiera di…

30 luglio 2021 13:18
  • Arte contemporanea

Nuovi colori per l’arte contemporanea nella Metropolitana di Napoli

Prosegue la campagna di conservazione della opere d’arte contemporanea esposte nelle stazioni della metropolitana di Napoli, in collaborazione con i…

30 luglio 2021 12:19
  • Arte contemporanea

Biennale Arte 2022: Singapore punta su un team multidisciplinare per il suo Padiglione

Con una solida esperienza internazionale ma con uno sguardo locale, l’artista Shubigi Rao e la curatrice Ute Meta Bauer rappresenteranno…

30 luglio 2021 10:35