Categorie: Eventi

‘Centro Pecci Summer Live’: ogni giovedì sera, a Prato

Il 7 luglio, con il dj set di TOMBOYS DON’T CRY si apre il secondo mese dell’edizione 2022 di Centro Pecci Summer Live, la rassegna che per due mesi porta nel teatro all’aperto del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci concerti, live e dj set, permettendo al pubblico di tornare a ballare e vivere gli spazi del Centro come una piazza cittadina, aperta ai molteplici linguaggi dell’arte. La rassegna è realizzata in collaborazione con il Comune di Prato e sostenuta da ChiantiBanca e Unicoop Firenze, partner storici del museo.

In merito Stefano Collicelli Cagol, neo direttore del Centro Pecci, ha spiegato: «Il Centro Pecci Summer Live è il programma musicale dell’estate 2022 che si svolge nel teatro all’aperto per rinnovare le relazioni con il territorio e le sue comunità attraverso una speciale area per ballare. A partire dall’inaugurazione di inizio giugno della mostra “Schema 50, una galleria fra le neo-avanguardie (1972-1994)“, ogni giovedì sera fino al 21 luglio una serie di djset a ingresso gratuito faranno muovere i corpi, eliminando tossine e creando nuove connessioni. Inteso come medium artistico, il dj set grazie alla musica apre opportunità di relazione e di esplorazione di pulsioni e desideri. Industria Indipendente, Playgirls from Caracas, Luwei, la serata Immaginari. Habitat di resistenza a cura di Jermay Michel Gabriel in collaborazione con The Recovery Plan, Firenze, TOMBOYS DON’T CRY e Hugo Sanchez sono le creature che animano le notti di Prato con le loro playlist. La rassegna dei dj set è anche una ricognizione della scena musicale queer italiana in un’ottica di rottura e messa in discussione di una visione eteronormata dei corpi e delle istituzioni culturali.
Dall’11 al 15 luglio, cinque concerti – Il Tre, Ramy Essam con opening act di Charlie Risso, Zen Circus, POP X e R.Y.F. – continuano la tradizione dei grandi eventi musicali al Centro Pecci. Realizzati in collaborazione con il Comune di Prato e il Festival delle Colline le cinque serate offrono uno spaccato della produzione musicale italiana dalle sonorità più pop a quelle più di ricerca. Il Centro Pecci Summer Live è una festa dei sensi e sottolinea la priorità del Centro a tornare a essere un luogo attivo e aperto a tutte le comunità che vivono nel nostro Paese. Insieme alle mostre “l’Arte e la città“, con opere della collezione; “Il giardino dell’arte. Opere, Collezioni” con capolavori da collezioni private e con i materiali dall’archivio della galleria Schema, il Centro Pecci è pronto per un’estate ricca di appuntamenti».

I dj set che si terranno ogni giovedì fino al 21 luglio (escluso 14 luglio per concerto) sono ad ingresso gratuito, mentre i concerti dell’11 luglio al 15 luglio prevedono un biglietto d’ingresso a pagamento che può essere acquistato su Ticketone.it e DICE. Potete trovare il programma completo qui.

© Zen Circus

I prossimi eventi

Qui i prossimi eventi, anticipati attraverso le parole del museo:

«Il 7 luglio la piattaforma queer transfemminista TOMBOYS DON’T CRY ci parla di avventure post-identitarie nel perimetro del Club, anche metaforico, uno dei suoi territori di ricerca favoriti; per l’occasione invita tra le sue fila anche Adele H, progetto discografico dalle melodie dream pop di Adele Pappalardo.

La rassegna si conclude il 21 luglio con il dj e producer romano Hugo Sanchez, figura storica della produzione culturale indipendente, con le sue feste di liberazione queer e l’attività con il laboratorio Pescheria da cui nasce la festa di culto Tropicantesimo.
In occasione del finissage della mostra “Il giardino dell’arte. Opere, collezioni”, un’ultima serata conclude la rassegna che sottolinea la volontà del museo di affermarsi come centro culturale interdisciplinare, aperto alla comunità, che accoglie l’immagine del museo come giardino, luogo di ristoro ma anche spazio di meraviglia.

© Hugo Sanchez

Dall’11 al 15 luglio Centro Pecci Summer Live propone anche un cartellone di concerti, un progetto giunto ormai alla sua quinta edizione, frutto della collaborazione tra il museo, il Comune di Prato e festival e realtà culturali attive nel territorio.
Quest’anno la rassegna è caratterizzata dall’attenzione alla varietà di generi e pubblici, da gruppi che hanno segnato la storia del rock italiano come The Zen Circus (13 luglio) a giovanissime promesse della scena musicale come Il Tre (11 luglio), artista classe 1997, che debutta dal vivo con il nuovo album Ali – per chi non ha un posto in questo mondo.

© Industria. Photo: Martina Leo

Il 12 luglio il teatro all’aperto ospita invece il Festival delle Colline, giunto ormai alla 43° edizione, che per l’occasione ha invitato a esibirsi il musicista e attivista politico Ramy Essam, con un opening act di Charlie Risso. Voce della rivoluzione egiziana iniziata nel 2011, Essam ritorna a Prato dopo aver presentato lo spettacolo teatrale dedicato a Giulio Regeni, portando il suo caratteristico mix di rock, grunge, hip hop e sonorità della trazione egiziana.

© Luwei

Il 14 luglio è la volta di Pop X, nome per eccellenza per celebrare il ritorno all’esperienza del live come festa e rito di condivisione, con uno show presentato appositamente per il Centro Pecci, che ripercorre attraverso canzoni storiche e nuove la quindicennale carriera di questo progetto multiforme».

Delio Jasse, Serie Negazione (part.). Courtesy l’artista

Articoli recenti

  • Mostre

Otto dipinti di Jean Dubuffet in mostra per la prima volta a Parigi

A settembre la Galerie Lelong & co di Parigi presenterà per la prima volta al pubblico i Paysages du Val-de-Marne…

15 Agosto 2022 0:30
  • Mostre

‘Scelte Apparizioni’: Braconi, El Asmar, Modica a D3082 alla Domus Civica Art Gallery, Venezia

La mostra "Scelte Apparizioni" raccoglie tre opere di Lara Ilaria Braconi, Elena El Asmar e Concetta Modica negli spazi di…

15 Agosto 2022 0:02
  • Mercato

Stranger Things! Gli oggetti più curiosi passati all’asta (da gennaio a oggi)

Dinosauri, meteoriti, perfino un kit anti-vampiro. La nostra rassegna sui lotti insoliti del primo semestre 2022

14 Agosto 2022 23:46
  • Arte contemporanea

Castelbasso: Aryan Ozmaei e Francesco Lauretta uniti nel rito

Come Ozmaei, anche Lauretta esplora la dimensione del rito: a Castelbasso un doppio dialogo tra l'artista iraniana e l'artista siciliano,…

14 Agosto 2022 16:21
  • exibart.prize

exibart prize incontra Giovanna Rigattieri

Anche se spesso la natura delle mie opere è cupa e nostalgica, in realtà l’elemento fondamentale per me è il…

14 Agosto 2022 9:26
  • Mostre

Le opere di Daniele Basso al Santuario di Oropa, tra arte e spiritualità

Le opere di Daniele Basso in mostra nel complesso monumentale del Santuario di Oropa: un percorso espositivo, curato da Irene…

14 Agosto 2022 8:52