Categorie: Fotografia

Other identity #37. Altre forme di identità culturali e pubbliche: Angelica Intini

Tratta dall’omonima rassegna ideata dall’artista e curatore indipendente Francesco Arena, la rubrica “OTHER IDENTITY – Altre forme di identità culturali e pubbliche” vuole essere una cartina al tornasole capace di misurare lo stato di una nuova e più attuale grammatica visiva, presentando il lavoro di autori e artisti che operano con i linguaggi della fotografia, del video e della performance, per indagare i temi dell’identità e dell’autorappresentazione. Questa settimana l’ospite intervistato è Angelica Intini.

Other Identity: Angelica Intini

Il nostro privato è pubblico e la rappresentazione di noi stessi si modifica e si spettacolarizza continuamente in ogni nostro agire. Qual è la tua rappresentazione di arte?

«È una domanda complicata e credo fermamente che non basterebbero intere pagine per rispondere. Faccio mie le parole finali di una stupenda poesia di Montale: “Codesto solo oggi possiamo dirti, ciò che non siamo, ciò che non vogliamo”. Posso dunque dirti cosa NON è arte per me o rappresentazione di essa. Arte non è semplice apparenza, non è semplice autocompiacimento, non è semplice mercato, non è semplice».

Creiamo delle vere e proprie identità di genere che ognuno di noi sceglie in corrispondenza delle caratteristiche che vuole evidenziare, così forniamo tracce. Qual è la tua “identità” nell’arte contemporanea?

«L’identità di genere ha a che fare con il concetto di appartenenza e con la percezione che ciascuna persona ha di sé. Sentirsi completamente a proprio agio in una veste e sfoggiarla. Mi domando se sia possibile concepire l’identità nell’arte contemporanea come qualcosa di limitato e quindi limitante, come un unico abito. Io credo che l’arte in generale sia legata alla fluidità. È un desiderio. Io desidero che la mia identità artistica sia fluida, che si modelli in base ai miei perché, ma, se, nonostante».

Angelica Intini, Nessun nome, 2021/2022, Fotografia digitale

Quanto conta per te l’importanza dell’apparenza sociale e pubblica?

«Cosa si intende per apparenza sociale e pubblica? Se è legata al modo di esprimersi è molto importante; fondamentale perché è un modo per comunicare e “comunicarsi”. Le persone iniziano a farsi una idea su di noi mediante le nostre apparenze (e non intendo banalmente quella fisica). Poi, bisogna anche sapere andare in profondità».

Il richiamo, il plagio, la riedizione, il ready made dell’iconografia di un’identità legata al passato, al presente e al contemporaneo sono messi costantemente in discussione in una ricerca affannosa di una nuova identificazione del sé, di un nuovo valore di rappresentazione. Qual è il tuo valore di rappresentazione oggi?

«Credo che le mie risposte precedenti siano state funzionali anche a questa domanda. Una rappresentazione ha valore quando è cosciente del passato, narra in maniera più o meno puntuale il presente ed è volta al futuro».

Angelica Intini, Nessun nome, dalla serie “Pelle”, 2021/2022, Fotografia digitale

ll nostro “agire” pubblico, anche con un’opera d’arte, travolge il nostro quotidiano, la nostra vita intima, i nostri sentimenti o, meglio, la riproduzione di tutto ciò che siamo e proviamo ad apparire nei confronti del mondo. Tu ti definisci un’artista agli occhi del mondo?

«Mi ricollego alla prima domanda. Se la mia arte non si esaurisce nell’ autocompiacimento, se non si ferma all’apparenza, se non è semplice merce, allora in qualche modo io sono una artista. Spetta al mondo rispondere».

Quale “identità culturale e pubblica” avresti voluto essere oltre a quella che ti appartiene?

«Nessun’altra. Non posso conoscere qualcosa che non mi appartiene, come posso quindi desiderarla davvero? Quello che voglio è lavorare sulla mia identità, far si che si evolva, senza tradire il suo nucleo. Vorrei che la mia identità, così com’è, facesse rete con quella delle altre persone, perché tutte hanno un grande, grandissimo valore. Come l’arte. Ecco, sì…l’arte è valore».

Angelica Intini, Nessun nome, 2021/2022, Fotografia digitale

Biografia

Angelica Intini è nata a Noci, dove attualmente risiede, il 14 ottobre 1992. Laureata con lode in Scienze dei Beni Culturali a indirizzo storico artistico e iscritta al biennio di Pittura e Nuove Tendenze (Accademia di Belle arti di Bari), da sempre ha mostrato interesse per la fotografia e i processi di stampa. Recentemente la sua passione, grazie al notevole interesse riscontrato dal grande pubblico per la sua opera, si è trasformata in professione, che Angelica esegue in maniera scrupolosa grazie ad una ricerca continua e costante.

Angelica Intini, Nessun nome, dalla serie “No Name”, Autoritratto, 2020, Fotografia digitale

Quasi esclusivamente in bianco e nero, la fotografia di Intini tratta tematiche legate al corpo, alla sua trasformazione e allo svelare quello che, per pudore e convenzione sociale, viene comunemente occultato. Nell’ancora breve carriera artistica, Intini vanta già collaborazioni con artisti visivi di indiscusso successo e mostre di rilevanza nazionale. Attraverso memorie collettive e archetipe, vaghe e sfumate, remote e contemporanee, la cronofotografia manipolata di Angelica Intini parla per tutti tramite il suo corpo, le sue nevrosi, il suo processo di riconoscimento.

Angelica Intini, Nessun nome, dalla serie “No Name”, Autoritratto, 2020, Fotografia digitale
Angelica Intini, Nessun nome, dalla serie “Intervenire”, 2020, Fotografia digitale

Visualizza commenti

  • Intervista molto interessante. E il fotografo è incredibilmente talentuoso. È incredibile vedere gli oggetti del tuo lavoro così profondamente

Articoli recenti

  • Mercato

Sotheby’s, all’asta uno dei più importanti dipinti di Kandinsky

Rarissimo, realizzato agli albori del linguaggio astratto dell'artista, trafugato, finalmente restituito. Ora "Murnau mit Kirche II" è pronto a sfilare…

8 Febbraio 2023 14:00
  • Arte contemporanea
  • Mostre

Nuovi orizzonti ecologici: Hot Spot alla Galleria Nazionale di Roma

Alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la forza poetica dell’arte racconta il fallimento della modernità con la…

8 Febbraio 2023 12:20
  • Arte contemporanea

Biennale di Venezia: chi è Archie Moore, l’artista aborigeno che rappresenterà l’Australia

Continua a delinearsi il panorama della 60ma Biennale d’Arte di Venezia: a rappresentare l’Australia, sarà per la seconda volta un…

8 Febbraio 2023 11:41
  • Mostre

Salvatore Emblema, artista della sensazione: la mostra diffusa a Napoli

Diffusa in vari ambienti del Museo e Real Bosco di Capodimonte, a Napoli, e con un'appendice all’aeroporto di Capodichino, un’ampia…

8 Febbraio 2023 10:12
  • Fotografia
  • Premi

The Collectors. Chain by Art Defender: le voci dei protagonisti ad Arte Fiera

Ritorna ad Arte Fiera, per la seconda edizione, il Premio The Collectors.Chain by Art Defender, dedicato alla fotografia: in un…

8 Febbraio 2023 8:53
  • Arte contemporanea

Il racconto di Tuwaiq Sculpture 2023, festival di scultura nella capitale dell’Arabia Saudita

A pochi kilometri a nord di Riyadh si svolge la quarta edizione della manifestazione legata alla scultura della pietra locale:…

8 Febbraio 2023 0:30