blog@exibart.com
home inaugurazioni calendario speed-news forum annunci concorsi sondaggi commenti pubblicità contatti
Exibart.platform > onpaper mobile bookshop rss radio tv alert newsletter segnala blog
recensioni > roma milano napoli venezia torino toscana vedi le altre 
rubriche > libri architettura design fashion in fumo decibel vedi le altre 
e-mail    password password persa? registrati ora!


CERCA IN TUTTI I BLOG
VUOI APRIRE ANCHE TU UN BLOG?

Informati cliccando qui

GLI ULTIMI 10 INTERVENTI IN TUTTI I BLOG
 
Il Colosseo conteso

Quando si trova difficoltà a governare una città come Roma si passa ad attaccare le riforme del 'nemico' che, in questo caso, è il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (cioè lo Stato, cioè noi tutti e non il Ministro Franceschini-persona). Da leggere questo articolo di Helga Marsala e Massimiliano Tonelli pubblicato su Artribune.com e che,  anche qui su Exibart.com anticipo.

"Un’articolata disamina sulla situazione delle politiche culturali romane, partendo dell’ultimo scandalo: il ricorso al TAR annunciato dalla Sindaca Raggi, per impugnare il provvedimento che istituisce il nuovo Parco Archeologico del Colosseo. Ovvero: come fare propaganda politica bloccando importanti processi di riforma (e non amministrando la città).

Riassunto delle puntate precedenti. Nel 2015 Ignazio Marino e Dario Franceschini firmano un accordo per la gestione dell’Area Archeologica Centrale di Roma. Poi Marino cade. Intanto Franceschini prosegue nel suo lavoro di riforma di tutti i grandi musei italiani (oggi dotati di autonomia e assegnati a direttori scelti previo bando internazionale) e di tutti i maggiori Parchi Archeologici. In vista della fine della Legislatura, Franceschini giustamente vuole completare il lavoro fatto e spinge sull’acceleratore. Così, a gennaio 2017, include nel progetto anche le poche – ma importanti – cose che erano rimaste fuori: Colosseo e Pompei.

Roma viene riorganizzata come segue: Colosseo, Arco di Costantino, Foro Romano, Palatino, Domus Aurea e Meta Sudans diventano Parco Archeologico, avranno un direttore scelto con bando pubblico e totale autonomia. Per il resto dei beni culturali statali della città ci penserà la Soprintendenza la quale avrà 30% degli incassi del Parco. Il 50% rimarrà al Parco per il suo sviluppo e la sua tutela e il rimanente 20% finirà, come oggi, al fondo di solidarietà nazionale, ovvero a beneficio di tutto il patrimonio “minore” che ha la fortuna di sbigliettare all’impazzata come il Colosseo.

A fronte di questa ambiziosa riforma, la sindaca di Roma Virginia Raggi, con una conferenza stampa convocata lo scorso 21 aprile (perfetto il Natale di Roma per fare polemiche e lanciare messaggi ostili contro altri pezzi del paese.), ha annunciato uno clamoroso ricorso al TAR. Spiegando, insieme al suo assessore alla crescita culturale Luca Bergamo, che il decreto per l’istituzione del nuovo Parco non era cosa buona e giusta per la città e che pertanto sarebbe stato impugnato dal Comune in sede legale.

Ed ecco il cuore della denuncia. La riforma finirebbe col creare a Roma aree archeologiche di serie A e di serie B. Ma, cosa ancora più grave, il Colosseo verrebbe in qualche modo sfilato, scippato alla città. Raggi e Bergamo, però, sanno benissimo che il Colosseo non è della città dagli Anni Venti e che nulla del perimetro delle competenze è mutato, così come nulla è mutato nella distribuzione delle risorse. Che, anzi, potrebbero anche aumentare se il Colosseo e il relativo Parco saranno gestiti in maniera volitiva dal punto di vista manageriale (al netto dei problemi contingenti di passaggio di consegne: ad esempio da venerdì scorso la Soprintendenza si è ritrovata senza cassa e senza conto corrente, ma sono faccende organizzative temporanee, non di sistema)."


Colosseo


di incircolarte
visita il blog incircolarte

scritto ieri, 16:35 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico
 
#Liberidileggere per la Giornata Mondiale del Libro e del diritto d’Autore

#Liberidileggere, il programma delle iniziative organizzate in occasione della Giornata Mondiale del Libro e del diritto d’Autore si terrà domenica 23 aprile, dalle ore 10.30  nella sede del Polo Museale di Trani e della Fondazione SECA,  Piazza Duomo 8/9

Voluto dal Consiglio Regionale della Puglia, Teca del Mediterraneo, Fondazione Seca, Teatro Pubblico Pugliese con la collaborazione operativa del Comitato Giovani UNESCO Puglia e Citta dei Bimbi, il programma si avvale del patrocinio dell’ Associazione Italiana Biblioteche sezione Puglia.
 
Alle ore 10.30 si terrà l’inaugurazione dello spazio di pubblica lettura dove interverranno: Loredana Capone,  Assessore Regionale Industria Turistica e Culturale, Giulia Murolo  Responsabile della Comunicazione Istituzionale  del Consiglio Regionale della Puglia, Isabella Ciccolella, Presidente della Fondazione Seca,  Simona Ferrante e  Raffaele Attardi rappresentanti del  Comitato Giovani Unesco Puglia.

Alle ore  11.00 il programma degli eventi   proseguirà con  lo  speech di lettura dove gli operatori culturali pugliesi presenteranno le iniziative di promozione della lettura realizzate in Puglia.

Nel pomeriggio dalle ore  18.00 si terrà il laboratorio gratuito di scrittura creativa e di disegno per bambini  con Liliana Carone e Silvia La Franceschina (per info e prenotazioni 0883.582470 – email: segreteria@fondazioneseca.it). Ai partecipanti sarà donata copia di “Fiabe per integrarsi” pubblicazione a cura della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia. Alle ore  18.30 si terrà la presentazione del volume “Capissce a mmè? Do you understand me?Ritratti della gestualità barese di Anna Simi Grenzi Editore presenta,  Mariagrazia Marchese.

La giornata dedicata al libro si concluderà con uno spettacolo alla ore 19.30 “Pasolini ascoltava il Jazz…” letture di Gigi Mangia e sonorizzazione di Raffaele Casarano. All’interno del Polo Museale di Trani sarà allestito lo Scambialibro dove gli appassionati della lettura potranno scambiare il loro libri con altri titoli, un percorso editoriale in cui le case editrici pugliesi come: Florestano Edizioni, Secop Edizioni, Progedit, Rotas, Lb Edizioni, Falvision, Claudio Grenzi Editore, Edzioni Di Pagina, Wip, Matilda Editrice, Mammeonline,  La Meridiana  ed Edipuglia presenteranno le loro novità in catalogo.
 
Per tutti coloro che parteciperanno  al contest “Dimmi che lettore Sei?” riceveranno in regalo un #Libroalbuio donato dalla Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia. Per l’occasione il Polo museale, il Museo Diocesano e il Museo della Macchina da scrivere sarà aperto al pubblico per l’intera giornata e l’accesso sarà gratuito per i primi cento visitatori.  

Per informazioni sul museo e il percorso editoriale contattare la Fondazione Seca e il Polo Museale di Trani – 
Tel.  0883/582470 – segreteria@fondazioneseca.it -  
Consiglio Regionale della Puglia – Responsabile Comunicazione Istituzionale - 
Giulia Murolo 080.540.27.73- 349.5283664
comunicazione@consiglio.puglia.it




di incircolarte
visita il blog incircolarte

scritto 19/04/2017 19:56:37 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico
 
Invito Serie Inversa #4 a Torino, ti aspetto

serieinversa

Eccovi l'invito per la prossima edizione di Serie Inversa organizzata da Progetto Diogene a cui sono stato invitato con Francesco Del Conte e Juan Esteban Sandoval.



CS

** Serie Inversa_Exh#04
------------------------------------------------------------
inaugurazione: 27 aprile 2017 ore 18.30
via Poliziano 32, Torino

durata: 20 maggio 2017
orari: gio-ven-sab h.15-19


Con la mostra collettiva _Exh#04, si chiude il ciclo annuale di Serie Inversa, programma promosso da Progetto Diogene che compie una ricognizione sul territorio piemontese alla scoperta di percorsi di ricerca artistica attualmente fuori dal circuito commerciale o istituzionale.

 Gli artisti selezionati per la quarta edizione del progetto, che verrà ospitato negli spazi di Via Poliziano 34 a partire dal 27 Aprile 2017, sono Francesco Del Conte, Domenico Olivero e Juan Sandoval.



Joining, di Francesco Del Conte, indaga la tradizionale tecnica di costruzione ad incastri lignei che nel corso dei secoli ha modellato l'architettura giapponese. L'opera è stata pensata e prodotta dall'artista durante i 7 mesi ospite del centro d'arte contemporanea CCA Kitakyushu in Giappone. La genesi del progetto parte dalla realizzazione di otto incastri
commissionati a Toshiro Kobayashi, falegname che vive nella prefettura di Ehime.  L’artista ha indagato questi oggetti con tutto il rigore metodologico che il medium fotografico concede, restituendoli come i protagonisti  di un manuale d’uso che ne illustra il funzionamento attraverso la retorica di una sequenza temporale neutra e distaccata.Ogni incastro, con le numerose parti di cui è composto,  evoca e contribuisce all'armonia della costruzione, divenendo non solo testimone e paradigma funzionale del concetto stesso di architettura, ma ci invita a riflettere sulla relazione originaria che intercorre tra l’uomo, lo spazio e l’abitare.  Un oggetto-parabola che custodisce una forma di conoscenza, una porzione di storia che respira nell’immagine del tempo che questi oggetti incarnano.



Con Tusiri inundu 1827 (tutto si risolve in un dubbio 1827) Domenico Olivero vuole riflettere sulla contemporaneità con spirito umanista, indagando la labilità della memoria e le nuove tecnologie informatiche. In questa  occasione, la forma instabile della natura diventa memoria scultorea. Il concetto di molteplicità e creazione viene evidenziato nella relazione fra la forma fisica di una semplice palla, composta da migliaia di instabili cristalli di neve, percepita da uno scanner laser che la trasforma in un codice digitale. Attraverso un collegamento automatico a una stampante 3D il codice crea un oggetto fisico, stabile. Artificio innaturale, opera figurativa, memoria dei riflessi di luce su un corpo trasparente, forse qualcos’altro; perplessità evidenziate dalle immagine di sfondo, un cielo e un codice QR.




Il progetto Nascondere si inserisce all'interno dell'attuale ricerca di Juan Esteban Sandoval sull'oggetto scultoreo, che si pone in relazione con un contesto specifico, dove l'impatto ambientale dell'industria è particolarmente significativo e in alcuni casi disastroso. Il manufatto in mostra è il risultato di un processo di estrazione di terre e argille raccolte nella zona tra Napoli e Caserta, dove nel corso degli anni rifiuti tossici e materiali vari sono stati nascosti illegalmente in discariche legali e abusive. Il progetto riguarda inoltre un'azione consistente nel nascondere questo manufatto nel muro di una nuova costruzione in Svizzera. Nascondere riflette in modo indiretto sui rapporti contraddittori tra i livelli di legalità e illegalità di cui spesso è difficile esprimere un giudizio o una posizione. L’esito dell’intervento di Sandoval può essere letto come l’annuncio visivo di qualcosa di cui non si possiedono istanze visibili, una sorta di paradosso della rappresentazione, un modo di avvicinarsi all’oggetto di indagine che assume le sembianze di una apparizione.

Info http://www.progettodiogene.eu/


di d;o)
visita il blog doattime

scritto 19/04/2017 06:53:00 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico | parole chiave: domenico olivero progetto diogene torino
 
ART SUMMER a Lecce

Si parte con un nuovo grande appuntamento dell’estate salentina.

Il Metropolitan International Art di Lecce, ospita la mostra Art Summer

dal  dal 20 giugno al 3 agosto 2017,  organizzata dalla dott.ssa Anna Maria Gentile, direttrice della “Chimera”promozione d’arte.

 La città è la splendida Lecce, città Barocca, l’esposizione è centralissima in piazza S,Oronzo “via Dei Mocenigo n.4 .Di seguito potete ammirare delle foto.

Lecce , da molti anni è meta turistica di rilievo, nel 2015 si è aggiudicato il titolo di Capitale della Cultura.

Il pubblico è molto attento agli eventi proposti dalla direzione nel corso degli anni .

Lo spazio espositivo è molto importante per la sua ubicazione, migliaia sono le persone che passano durante il giorno, anche quando è chiuso ci sono due grandi vetrine con  serrande a rete, che permettono la visione dell’interno.Quest’anno con l’evento Art Summer,la direzione ambisce a concentrare per gran parte dell’estate leccese, alcuni dei miglio artisti provenienti da varie parti d’Italia e dall’estero, puntando così i riflettori su un concentrato di arte cultura, nel cuore del centro storico di Lecce.

 

     



di AMG
visita il blog Storie contemporanee

scritto 18/04/2017 20:36:42 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico
 
MIRROR FACE TO FACE – ARTISTI ITALIANI ED ESTONI A CONFRONTO



 

MIRROR FACE TO FACE 2017 – ITALIAN AND ESTONIAN EXHIBITION
TALLINN, ESTONIA 
17 aprile – 6 maggio 2017, National Library of Estonia
Inaugurazione  TALLINN, 17 aprile 2017





Inizia a Tallinn il 17 aprile, la rassegna di grafica contemporanea  “Mirror face to face”, la prima esposizione dei due eventi previsti quest’anno   presente nelle sale della Biblioteca Nazionale con un confronto tra la grafica contemporanea italiana e quella Estone. Sessanta artisti in tutto con una prevalenza di presenze italiane.
Successivamente Il 29 giugno la mostra approderà in Italia alla Qu. Bi Gallery di Vicenza.

Il linguaggio universale dell’arte unisce le culture che si incontrano nelle loro espressioni artistiche. L’evento curato da Valeria Bertesina e Inga Heamagi s’incentra su una costante attenzione dell’umano nel dialogo fra i popoli. Pertanto, la ricerca grafica contemporanea diventa lo strumento principe di analisi per rilevare tali importanti possibilità.
 “Lo specchio è la porta di passaggio tra mondo reale e immaginario. Contrapposizione tra occhio e sguardo, esteriorità e interiorità, oscillazione tra il vedere (riflettere) e il comprendere (far riflettere), lo specchio svela ciò che è oltre il campo figurativo rappresentato nel quadro, dilatando lo spazio e offrendo allo spettatore sdoppiamenti percettivi”.

In alto opera  grafica di Alessandra Angelini  
in basso opera di Raul Meel.


L’obiettivo di Mirror-Face to Face è quello di creare un’occasione di “dialogo artistico” e promuovere la diversità culturale quale patrimonio dell’umanità e precondizione per la pace e la giustizia sociale.
-       From 14 April to 06 May 2017 (Verinssage 17 April 2017) National Library of Estonia – Tallinn
-       From 29 June to 16 July 2017 (Vernissage 29 June 2017 – h. 19.00)  Qu. Bi Gallery, Vicenza


Artists
     Artists
Alessandra Angelini, Alberto Balletti, Valeria Bertesina, Sergio Bigolin, Nedda Bonini, Maria Rosanna Cafolla, Virginia Dal Magro, Valentino De Nardo, Paolo Dolzan, Marcello Frammetta, Giulia Gentilcore, Veronica Longo, Raffaello Marghera, Margherita Michelozzo, Massimiliano Milia, Maurizio Muolo, Giovanbattista Nitti, Susy Piazza, Irene Podgornik Dadia, Valeria Prestigiacomo, Alice Russo, Daniela Savini, Irene Sciolti, Eleonora Spada, Lucio Statti, Marco Trentin, Debora Triscari, Marina Vidali, Giuseppe Vigolo, Marta Viviani, Vincenzo Zancana
Britta Benno, Neve Eesmaa, Gudrun Heamagi, Inga Heamagi, Paul Illimar, Kalli Kalde, Kaija Kesa, Jarvila Kulliri, Ruben Lembe, Harry Leppanen, Raul Meel, Enno Ootsing, Tauno Ostra, Lilli Repeat, Reti Saks, Krista Simson, Bob Sparham, Merike Sule, Evi Viires-Tihemets, Kellj Walk
(Mostra segnalata da Sandro Bongiani dell’Archivio Ophen Virtual Art di Salerno)


di Giovanni Bonanno & Sandro Bongiani
visita il blog ARCHIVE OPHEN VIRTUAL ART

 
Amakheru Duo in STILE LIBERTY

Amakheru Duo, la giovane compagine italiana composta dal tenore Francesco Santoli
e dal pianista Simone Di Crescenzo, debutta a Parma nella magnifica cornice del
Teatro Regio in un nuovo progetto concertistico dal titolo “STILE LIBERTY”. Il
concerto, inserito nella rassegna Musica in Circolo e promosso dall’Associazione
Rinascimento 2.0, si svolgerà domenica 7 maggio alle ore 11:00.
Amakheru Duo, già da tempo impegnato nella riscoperta del Belcanto vocale da
camera italiano, propone in questa occasione un florilegio di rarità e brani più noti,
compiendo un salto nel periodo della Belle Époque.
Tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento i salotti aristocratici divennero
l’ambiente prediletto di ritrovo per giovani artisti, letterati, filosofi, intellettuali e
musicisti. Questo cenacolo favorì l’incontro di tante personalità emergenti, che -tra
l’altro- avrebbero poi lasciato una traccia significativa nella storia della musica vocale
da camera. Il risultato di questa fusione artistica permise di ottenere una stretta e
profonda compenetrazione fra testo poetico e musica. Spinti anche dalle avanguardie
d’Oltralpe, artisti e compositori diedero a questi incontri musicali un’atmosfera in cui
la spensieratezza e la freschezza di fine secolo si accompagnava ad un modo
spregiudicato e creativo di comporre, giocando con nuovi temi, forme, immagini e
sentimenti.
Il concerto “STILE LIBERTY” intende rievocare le suggestioni e le sensazioni che la
musica di quegli anni ricorda. Il programma prevede l’esecuzione di Romanze e
Serenate tratte dagli album di Ruggero Leoncavallo, Giacomo Puccini e Pietro
Mascagni; Liriche da camera su testo poetico d’autore come quelle nate dalla
collaborazione tra Francesco Paolo Tosti e Gabriele D’Annunzio; Arie in stile antico di
Stefano Donaudy ed autentiche rarità composte da Luigi Denza, Ernesto De Curtis e
Giuseppe Silvestri.
Per maggiori informazioni si consulti :
http://www.amakheruduo.com/liberty-style/?lang=it


di Andrea Speziali
visita il blog IL NOTIZIARIO DI ANDREA SPEZIALI

scritto 17/04/2017 16:42:54 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico
 
LEGGENDO METROPOLITANO. Festival internazionale di Letteratura

Leggendo Metropolitano è un Festival Internazionale di Letteratura ideato e promosso dall’Associazione Prohaire.

Il festival che avrà luogo a Cagliari sarà quest'anno interamente dedicato al tema della memoria. 

Tantissimi ospiti stranieri e nazionali per Quattro intensi giorni all'insegna del libero pensiero e della cultura.


Sul sito web - http://www.leggendometropolitano.it/ - gli aggiornamenti sul programma.

locandina.web


di incircolarte
visita il blog incircolarte

scritto 16/04/2017 20:07:00 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico
 
EXIBART / AUGURI DI BUONA PASQUA





di Giovanni Bonanno & Sandro Bongiani
visita il blog ARCHIVE OPHEN VIRTUAL ART

scritto 15/04/2017 23:00:29 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico | parole chiave: auguri di buona pasqua, exibart, archivio ophen virtual art di salerno.
 
Musei in Contes[x]t: raccontare l’indicibile nei musei

In continuità con il tema proposto da ICOM per la prossima “Giornata internazionale dei Musei” del 18 maggio, la Direzione generale Musei ha deciso di incentrare questa seconda edizione sul tema “Musei in Contes[x]t: raccontare l’indicibile nei musei”.

Come per l’edizione passata, il programma preliminare degli eventi prevede un’offerta diversificata per fasce di orario e target di pubblico:

la mattina di sabato è dedicata alle famiglie e ai bambini (9.00-14.00: Il Patrimonio per i bambini), il pomeriggio ai tecnici, ai curiosi e agli appassionati (a partire dalle 14.00 e fino all’orario di chiusura: Il racconto del Patrimonio, Largo all’esperto, Dietro il Patrimonio) e/o al grande pubblico, con eventi che coinvolgono tutte le arti (a partire dalle 14.00 e fino all’orario di chiusura: Lo spettacolo della cultura);
la giornata di domenica si rivolge a tutte le categorie possibili di pubblico (9.00-20.00: Il Patrimonio per/di tutti), con eventi connessi al tema della partecipazione al Patrimonio nello spirito della Convenzione di Faro del 2005. 

Quando:
Sabato 20 maggio – con orari e costi ordinari nel corso della giornata
Domenica 21 maggio – con orari e costi ordinari della giornata.

I Musei e i Luoghi della cultura non statali interessati a prendere parte all’iniziativa dovranno contattare i Poli museali regionali territorialmente competenti che valuteranno - in relazione al personale, alle risorse strumentali, alla pertinenza e alla tempistica - la possibilità di inserire le iniziative sul DBUnico e nel programma on-line.

Gli hashtag ufficiali per seguire e raccontare l’evento sui social sono: #FestadeiMusei2017  |  #FDM2017  |  #FestadeiMusei  |  #museincontesXt  |  #Culturaèpartecipazione

La circolare di riferimento e i loghi della manifestazione in diversi formati sono disponibili in questa pagina

Per informazioni: eventi@beniculturali.it





di incircolarte
visita il blog incircolarte

 
L'isola delle torri

Dopo le tappe di Cagliari, Roma e Milano, la mostra "L'isola delle torri" si sposta a Zurigo. Organizzata dalla Soprintendenza Archeologia della Sardegna, in collaborazione con l'istituto di Archeologia della Università di Zurigo, la mostra sulla civiltà nuragica sarà visitabile nel cuore della città svizzera fino al 29 di settembre 2016.

La mostra, articolata in tre sezioni (pietra, acqua, metallo), racconta attraverso i materiali di alcuni importanti contesti sardi le tappe salienti dell'età del Bronzo e del Ferro.
L'esposizione era partita da Cagliari dove era stata inaugurata in occasione del centenario della nascita di Giovanni Lilliu, l'intellettuale sardo che ha avuto un ruolo importante nel dare impulso agli studi sulla civiltà nuragica. In seguito il percorso della mostra è continuato fino ad arrivare nella penisola per raggiungere la Svizzera, a riprova del crescente interesse che la civiltà nuragica riscuote anche fuori dall'isola.

Nell'esposizione è inserito anche un’istallazione su Mont'e Prama curata dal CRS4, che riproduce fedelmente in una visualizzazione tridimensionale e interattiva la statuaria di Mont'e Prama (link: http://vic.crs4.it/monteprama-zurigo/). 

L'istallazione che permette al visitatore di prendere visione in 3D dell'importante gruppo scultoreo ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi internazionali.


Zurigo (Svizzera), Institut für Archäologie und Archäologische Sammlung 



di incircolarte
visita il blog incircolarte

scritto 15/04/2017 17:48:34 | permalink | commenta | lista commenti (0) | invia il post ad un amico
 






     Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Responsabile: Matteo Bergamini
   Direttore Editoriale: Cesare Biasini Selvaggi
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com -fax: 06/89280277