biennale di venezia - Stiamo freschi 3090 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2018
Sergio Mattarella ospite speciale per la mostra dell'Istituto Garuzzo a Tbilisi
17/07/2018
La tua zona living floreale, con la carta da parati di Frida Kahlo
17/07/2018
Una immersione virtuale tra i beni archeologici sommersi del Mediterraneo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

biennale di venezia
Stiamo freschi

   
 E’ stata una sensazione diffusa. Quella del 2005 è la Biennale del comfort. Dal cocooning per gli addetti ai lavori ai servizi per i visitatori. Fino alle opere. Dopo i bollori del 2003, la Biennale di quest’anno rinfresca... Valentina Tanni 
 
pubblicato
Saranno i ricordi indelebili dell’afoso opening del 2003, passato ad asciugarsi la fronte e a soccorrere colleghi semisvenuti. Sarà che dalla Biennale ci si aspetta sempre una buona dose di caos e fatica. Sarà che Venezia, con la sua umidità subtropicale, mette sempre a dura prova. Sarà che ci si prepara sempre al peggio.
Sarà. Eppure, sin dalle prime ore del vernissage in laguna, si capiva che l’atmosfera sarebbe stata diversa. E non è stato un mero fattore climatico. Dai metereologi ai curatori, dagli sponsor alla sala stampa, dal catering agli artisti, tutto sembrava congiurare per metterci a nostro agio. Ma soprattutto, per farci stare freschi e rilassati. A cominciare dalla preview, durante la quale i giornalisti provenienti da tutto il globo venivano ricevuti in una press room grande e accogliente, sollevati dalla fatica della fila da un’efficiente macchinetta elimina-code, trasportati avanti e indietro dalle Corderie alle Tese –come su un altolocato campo da golf- con un’automobilina elettrica. Perfino dissetati con acqua minerale gratis distribuita in chioschi sparsi per la mostra.
Ma anche i comuni visitatori hanno le proprie soddisfazioni, soprattutto grazie ad illycaffè, storico sponsor della Biennale, che incentra il concept del proprio intervento (illymind: momenti per la mente) sul tema del riposo e della sosta. Oltre naturalmente, alle cinque roulottine dove rifornirsi di un ottimo espresso (per chi preferisce la birra consigliamo il padiglione belga), sono in distribuzione delle sedie pieghevoli, per scegliere il luogo e il momento della propria pausa.

La maggior parte del pubblico l’ha intelligentemente usate per sopportare le file, come quella, interminabile nei primissimi giorni, di fronte al vittorioso padiglione francese di Annette Messager (anch’esso piuttosto ventilato). Generando lunghe code di gente comodamente seduta.
Servizi a parte, veniamo all’arte. Continuando il nostro percorso tra gli elementi ‘rilassanti’ e ‘freschi’ di questa Biennale 2005. Sorprendente è il susseguirsi di opere declinate sui temi acqua-aria-vento. Se dell’edizione Bonami quasi tutti ricordano l’aria bollente sparata dall’installazione di Micol Assael al padiglione La Zona -quasi una cura omeopatica alla temperatura già folle dell’esterno- risponde quest’anno, dal padiglione Italia, il freddo tunnel del vento di Miroslaw Balka. Che con grandi ventole scompiglia capelli e vestiti. Pare insomma che –senz’altro inconsciamente- molti artisti abbiano proposto delle opere memori del Grande Caldo di due anni orsono. Ed ecco che pieno di spifferi è anche il padiglione russo ai Giardini (Galina Myznikova e Sergej Provorov, Idiot wind), che dopo un percorso “aereo-sonoro” in ambienti dolcemente ventilati tramite fori nelle pareti, scaraventa lo spettatore nell’occhio del ciclone, in mezzo ad un potente vortice d’aria.

Poco lontano, nel padiglione canadese, Rebecca Belmore interpreta in prima persona un video pieno di pathos (Fountain), che ruota intorno a tre elementi chiave: acqua, fuoco e sangue. Come labile schermo di proiezione solo una fitta cascatella, che non manca di coinvolgere gli spettatori, avvolgendoli in un’impercettibile nebbiolina di gocce. Ambientata su un ameno laghetto l’opera vincitrice del premio DARC, La terra è troppo grande di Lara Favaretto, mentre, nel vicino padiglione brasiliano, si rinnova il connubio acqua-suono nella suggestiva installazione di Chelpa Ferro, dominata dall’immagine minacciosa di un enorme amplificatore sospeso sul pavimento allagato. Come se non bastasse, lo spazio deputato al break è progettato da un’artista: l’americana Andrea Blum, che offre, con Garden & Fountains, una struttura abitabile fatta di panchine, fioriere e fontane. A proposito, in quanto a comfort quest’anno –nel bel mezzo dei giardini- troverete un piccolo chiosco che prepara appetitose pastasciutte.
Uscendo dai Giardini, di fronte ai quali altre due opere ispirano sensazioni liquide (Il mare verticale di Fabrizio Plessi e il lacrimante totem-cappuccio dell’albanese Sislej Xhafa), e inoltrandosi per la città, il tempio assoluto del relax e della freschezza –mentale e fisica- ci viene offerto da Pipilotti Rist.

Nell’ambiente naturalmente refrigerato della chiesa di San Stae l’artista svizzera proietta immagini edeniche sull’ampia volta, da osservare rigorosamente scalzi e sdraiati su comodi materassi. Last but not least, l’affascinante mostra di Lucy e Jorge Orta alla Fondazione Bevilacqua La Masa. E qui davvero basta la parola, anzi, il titolo: Drink water!

valentina tanni


51. Esposizione Internazionale d'Arte di Venezia. Periodo di apertura: 12 giugno - 6 novembre 2005 - Siti espositivi: Giardini (chiuso il lunedì, escluso lunedì 13 giugno 2005) - Arsenale (chiuso il martedì, escluso martedì 14 giugno 2005)
Orario d'apertura: ore 10.00 - 18.00
Biglietti: € 15 (intero) - € 12 (ridotto) - € 40 (Permanent Pass) - € 34 (Formula Family: 2 adulti + 2 ragazzi under 14) - € 8 (under 26 e studenti) - ingresso gratuito: fino ai 6 anni e accompagnatori di persone disabili - Prenotazioni Gruppi / Itinerari Tematici / Percorsi Didattici e Informazioni: Call center 041 5218828 - Ufficio Promozione Pubblico: Fax 041 5218825 – www.labiennale.org


[exibart]





strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Tanni
vedi calendario delle mostre nella provincia Venezia
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Annette Messager, Fabrizio Plessi, Jorge Orta, Lara Favaretto, Lucy e Jorge Orta, Micol Assael, Miroslaw Balka, Pipilotti Rist, Sislej Xhafa, Valentina Tanni
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram