fino a 7.VII.2004 - Amore - Milano, Artandgallery 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino a 7.VII.2004
Amore
Milano, Artandgallery

   
 Nella galleria-teatro di via Arese una mostra con artisti di diverse generazioni. Opere che costituiscono le note di una canzone. Dedicata ad una parola. Quale? Indovinate un po’… Riccardo Conti 
 
pubblicato
Quattordici artisti e altrettante opere attorno al tema dell’amore, la mostra a cura di Manuela Gandini si propone di tracciare il diagramma e le fluttuazioni possibili di una parola, di un concetto “cavo” come l’amore. Molteplici “posizioni” dell’amore inteso come elevazione spirituale, come nel mandala di Sabrina Sabato. Diventa parodia dello sforzo fisico nel video “lo sport di uno spermatozoo” di Giovanna Ricotta. E’ danza bizzarra nella performance di Valeria Magli. E’ gesto concettuale nell’opera di Pier Paolo Calzolari.
Passando in rassegna le altre opere, le diverse immagini talvolta dialogano fra di loro, come nel caso dei lavori della coppia inglese Gilbert & George e dell’ironico intervento omosex di Corrado Levi. giovanna ricotta
Mentre i lavori dei Globalgroove e di Mappelthorpe evidenziano con toni differenti l’aspetto convenzionalmente più meccanico dell’amore. Opere che raccontano del desiderio sessuale. Per i Globalgroove è l’aspetto più “gioioso” del porno ad emergere, così il composit fotografico appare come una texture divertita della foto di genere hardcore. Mentre le due grandi foto di Robert Mapplethorpe, forse l’autore che più di ogni altro ha messo in scena l’immaginario sadomasochista, astrae la rappresentazione porno grazie alla puntuale tecnica che mira a realizzare immagini di marmorizzata bellezza, quasi sacre nel loro momento di libido.
La mostra sarebbe stata incompleta senza un richiamo sottile al mondo del cinema. Indovinate in tal senso le opere di Mimmo Rotella che descrive l’amore come genere pop cinematografico grazie ai suoi décolleges di poster strappati. L’affiche cinematografica come luogo dei desideri collettivi, di feticcio hollywoodiano. Oppure Il puro atto di amore verso il cinema del grande rappresentante del “lettrismo” Maurice Lamaitre, che utilizza lo strumento cinema per creare un “Film d’amour”.
Amore a carattere epistolare nella lettera stesa quotidianamente da Giampaolo Koehler presso la galleria, simile per alcuni versi al gesto pop e reiterato della piccola opera di Jim Dine dove il cuoricino ripetuto diventa una monotona “nota” su di uno spartito.
koehler portraitIl probabile percorso potrebbe iniziare o terminare con un’insolita opera di Nan Goldin: la fotografia di una donna che allatta un bambino, immagine universale di amore materno, che in qualche modo collega concettualmente tutte le stazioni della mostra, come punto di partenza della vicenda umana e del suo sentire amoroso. Tema in parte sottolineato dal video di Marcelas Cardenas, un uovo deposto su di un corpo femminile come segno di procreazione.
Come per ogni mostra di Artandgallery, oltre alle opere esposte sono previsti una serie di eventi collaterali, feste, performaces, conferenze ed addirittura un convivio tibetano. Come nel libro L’amore assoluto del patafisico Alfred Jarry, anche questa mostra racconta dell’amore come cosa da inventare e reinventare.

riccardo conti
mostra visitata il 25 maggio 2004


AMORE
Artandgallery
Via Arese 5 20159Milano
tel. 39-02-6071991
info@artandgallery.it
www.artandgallery.it
a cura di Manuela Gandini
tutti i gg 15-21
fino al 7 luglio 2004


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Riccardo Conti
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Calzolari, Corrado Levi, George, Gilbert, Giovanna Ricotta, Globalgroove, Jim Dine, Manuela Gandini, Nan Goldin, Riccardo Conti, Robert Mapplethorpe, Rotella, Sabrina Sabato, Valeria Magli
 

trovamostre
@exibart on instagram