fino al 15.IV.2005 - Bianco-Valente / Adaptive - Roma, VM21 Artecontemporanea 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.IV.2005
Bianco-Valente / Adaptive
Roma, VM21 Artecontemporanea

   
 Ricordi, emozioni e frammenti di pensiero si compongono in una mappa. Costellazione ispirata all’andamento delle rotte aeree, ma anche mappa neuronale. Con un video e delle incisioni su plexiglass il duoBianco-Valente atterra a Roma. Tra poesia della natura e artificio tecnologico… Valentina Tanni 
 
pubblicato
E’ ancora una volta la mente umana, con le sue dinamiche complesse e mai sufficientemente svelate, il fulcro della ricerca di Bianco-Valente (Giovanna Bianco e Pino Valente; vivono a Napoli). Un concetto di mente che non s’identifica mai con il solo cervello, ma che si estende fino a comprendere pensiero ed emozione, memoria e attitudine, metamorfosi ed evoluzione.
In occasione della prima personale capitolina, il duo napoletano ha ricostruito quella che loro stessi definiscono una “mappa mentale”. Con un video e una serie di piccoli lavori a parete (Mind Traces, laser su plexiglass), tratteggiano una cartografia in cui ricordi e pensieri si interconnettono dando vita ad una griglia luminosa in continuo mutamento.
Relational Domain, realizzato a partire da disegni tratteggiati al computer, trae ispirazione dalle rotte aeronautiche, sia nell’andamento sempre leggermente arcuato delle traiettorie, sia nell’uso dei curiosi nomi di cinque lettere che ne identificano le intersezioni. Le scie luminose, strade immaginarie che solcano i cieli, sono però allo stesso tempo collegamenti neuronali e costellazioni della memoria. Il blu intenso, protagonista indiscusso della mostra, fa da sfondo evocativo ad una riflessione dal piglio scientifico sul funzionamento dell’intelligenza, sia essa umana o artificiale. Il titolo della mostra (Adaptive) fa infatti riferimento ad un’espressione, adaptive behaviour, usata da biologi e ricercatori per definire la tendenza di un organismo ad utilizzare i ricordi delle esperienze pregresse per migliorare il proprio rapporto con l’ambiente circostante. Questo tipo di comportamento, che è il risultato di un’interazione continua tra il sistema nervoso, il corpo e il contesto, è centrato sull’uso strumentale del ricordo a fini evolutivi.
Bianco-Valente Relational Domain
La complessità di queste relazioni, insieme all’intreccio chiasmico di corpo e mente, si configura come una fonte di ispirazione costante per Bianco-Valente, impegnati da anni nella ricerca di un equilibrio tra visione emozionale e passione intellettuale, oltre che in una stimolante riflessione sul rapporto tra natura, scienza ed artificio tecnologico. Se in Volatile (2002), avevano trasformato dei pixel in un armonioso stormo di uccelli, e in Machine is Dreaming (2002) generato con un computer il riflusso delle onde del mare, con Relational Domain rappresentano una rete neuronale incantevole come un firmamento stellato.

articoli correlati
Unità minima di senso, in mostra a Napoli
Time based, alla Galleria Artiaco
Personale di Bianco Valente a Torino
Intervista a Bianco-Valente
link correlati
Sito di Bianco-Valente

valentina tanni
mostra visitata il 25 febbraio 2005


Bianco-Valente / Adaptive. Roma, Galleria V.M.21 Artecontemporanea, Via della Vetrina 21, 00186, Roma. Fino al 15 aprile, dal lunedì al venerdi 11-19.30 / sabato 16.30/19.30. Info: Tel/fax 0668891365, email: vm21artecontemporanea@virgilio.it

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valentina Tanni
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Bianco-Valente, Giovanna Bianco, Pino Valente, Valentina Tanni
 

trovamostre
@exibart on instagram