fino al 29.XII.2001 - Adolfo De Carolis 1874-1928 un capolavoro ritrovato – un carteggio i... 3114 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 29.XII.2001
Adolfo De Carolis 1874-1928 un capolavoro ritrovato – un carteggio inedito
Roma, Nuova Galleria Campo dei Fiori

   
 L’arte di Adolfo De Carolis traduce in pittura la poesia dannunziana intrisa di echi preraffaelliti e suggestioni simboliste... Daniela Bruni 
 
pubblicato
La mostra nasce dal ritrovamento, nella Collezione Maggi a Zurigo, della Primaveradi De Carolis, realizzata a Firenze nel 1903 ed esposta lo stesso anno alla Biennale di Venezia e nuovamente nel ’29 in una mostra commemorativa a un anno dalla morte dell’artista, presso il Palazzo delle Esposizioni a Roma. Dopo circa settant’anni, la Nuova Galleria Campo dei Fiori presenta l'opera al pubblico in tutto il suo vibrante splendore.Dante
L’appuntamento alla Galleria di Lela Djokic ci offre come sempre una nuova occasione di approfondimento su un protagonista dell’arte italiana tra fine Ottocento e inizio Novecento: Adolfo De Carolis .
Di origine marchigiana si formò prima a Bologna e poi a Roma, dove frequentò gli artisti del Caffè Greco e del cenacolo “In Arte Libertas” capeggiati da Giovanni Costa; seguaci e ammiratori del Preraffaellismo inglese la loro ricerca artistica era volta a tradurre in pittura la poesia. Negli anni ’90 De Carolis fece suoi questi presupposti e in particolar modo l’estetismo elitario, la magia e la musicalità dei versi di D’Annunzio, il Preraffaellismo tardo; mise la sua arte al servizio della rappresentazione di una bellezza rara e armoniosa, vagamente malinconica, di una visione animistica della natura pervasa di echi simbolisti. Nel 1911 ricevette l’incarico di decorare il Salone del Palazzo del Podestà a Bologna cui si dedicò per tutta la vita e che non riuscì a completare. Eccellente anche la sua attività di illustratore di cui sono testimonianza le xilografie per le riviste fiorentine “Leonardo”, “Hermes” e “Il Regno ” e le decorazioni realizzate per i volumi di D’Annunzio.
Il dipinto, protagonista della mostra, raffigura una giovane donna immersa in un prato fiorito. Ai lati della figura due angeli annunciano l’arrivo della primavera a suon di tromba. L’esposizione è completata da dipinti, xilografia, lettere e fotografie.
Il catalogo comprende un saggio di Emanuele Bardazzi che approfondisce il periodo fiorentino dell’artista e la "Primavera" che realizzò in quegli anni. E’ completato dal carteggio che De Carolis intrattenne, tra il 1915 e 1927, con il pittore e incisore Giovanni Guerrini (1887-1972).

articoli correlati
La Xilografia in mostra alla Calcografia
Arte grafica a Roma tra 1902 e 1929
Arte italiana 1880-1910
Artisti a Roma tra Otto e Novecento

daniela bruni


Adolfo De Carolis 1874-1928. Un capolavoro ritrovato - un carteggio inedito
Dal 10-XI-2001 al 29-XII-2001 – Orario: 10.00-13.00/16.00-19.00, chiuso lunedì mattina e festivi. Ingresso libero. Nuova Galleria Campo dei Fiori, via di Monserrato 30, 00186 Roma; tel. 06/68804621, 338/8800185, telefax 06/58320711; email: gallcampodeifiori@tin.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Daniela Bruni
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Giovanni Costa, Giovanni Guerrini, Leonardo
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram