fino al 12.VII.2013 - DONATELLA LANDI, CESARE VIEL - Roma, MLAC 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 12.VII.2013
DONATELLA LANDI, CESARE VIEL
Roma, MLAC

   
 Quando il suono mostra più delle immagini: il via vai anonimo delle stanze d’albergo o la vita unica e irripetibile di una famosa intellettuale austriaca della metà del secolo scorso  mariangela capozzi 
 
pubblicato
La mostra presso il MLAC di Roma propone due istallazioni sonore ripresentate insieme per una riflessione, a cura di Martina Adami e Maura Favero, sulla funzione narrativa ed evocativa del suono, inteso come traccia, spiegazione e memoria. Tales&Things sono due ambienti vicini, tangenti tra atmosfere, che parlano due linguaggi diversi. Check out è l’istallazione di Donatella Landi (1958), presentata al CIAC di Genazzano nel 2011, con tre carrelli metallici pieni di lenzuola usate da cui si sprigionano le disparate sonorità di stanze di albergo. Suoni che sanno di Oriente, di mondi stranieri e di passaggi sempre troppo anonimi per poter lasciare un segno. Vite raccolte e accatastate, non uniche ma parte di un immenso calderone continuamente in ebollizione. Il percorso di attraversamento dell’opera consente di immergersi nelle suggestioni della componente sonora che conferisce al lavoro di Landi una notevole intensità percettiva. 

Installation view. Cesare Viel, Progetto Bachmann (2006 – 2013), coustesy dell’artista e Pinksummer Genova

Prende nuova vita invece, dopo sette anni, il Progetto Bachmann di Cesare Viel (1964, vive e lavora a Genova). L’azione, di cui esistevano solo poche testimonianze scritte raccolte dalla Fondazione Baruchello, fu realizzata nel 2006 in una residenza privata a Roma ed è stata riproposta e filmata nella giornata inaugurale della mostra al MLAC. La performance è raccontata in mostra dalle parole dell’artista trascritte in quello che viene definito «disegno testuale» e che rappresenta la narrazione in sequenza di tutti gli atti compiuti dall’artista durante la performance. Un letto, un comodino, alcuni libri, una lampada, una scacchiera ed una foto incorniciata della scrittrice Ingeborg Bachmann, la vera protagonista dell’azione artistica, sono gli elementi di scena utilizzati sapientemente da Viel per costruire un dialogo tra la poetessa e il testo di Grazia Livi a lei dedicato. «[…] io mi sono messo, per così dire, in mezzo a queste due donne, ho cercato di farlo con discrezione, ma ho provato anche imbarazzo e talvolta la sensazione di essere un intruso», dice Viel che nell’atto performativo, riproposto come contributo video in mostra, veste in qualche modo i panni di un ladro nell’appartamento della Bachmann. Esce da sotto il letto, fruga fra le sue cose, sfoglia i libri più amati e poi diventa egli stesso poeta nella costruzione di un sistema di gesti rituali che si confrontano con la narrazione viva dell’audio. 

mariangela capozzi 
mostra visitata il 7 giugno 2013

dal 18 maggio al 12 luglio 2013
Tales&Things. Donatella Landi, Cesare Viel
MLAC – Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Sapienza Università di Roma
Palazzo del Rettorato (retro) – primo piano
Piazzale Aldo Moro, 5 – 00185 Roma
Orario: lun-ven 11 - 18
Info: tel. 347/1253308, zin.arello@gmail.com
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mariangela capozzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram