exibinterviste – la giovane arte - Diego Scroppo 3108 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Diego Scroppo

   
 Un’idea “semi-sintetica” del mondo. E una prima personale che ha messo tutti d’accordo. Da Torino, un artista zaino in spalla, che si definisce incosciente e spregiudicato. E che nutre seri dubbi sull’arte visiva contemporanea...  Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Quale la svolta determinante nel tuo percorso?
Un viaggio in Spagna nel 2004. Dopo il liceo artistico a Torino ho studiato all’estero, frequentato diversi workshop e residenze d’artista. In quel periodo ho conosciuto il mio attuale gallerista [Guido Costa, n.d.r.], grazie al quale è arrivata anche la prima personale. Adesso sto terminando l’Accademia, sempre a Torino. Eppure...

C’è un eppure?
Allo stato attuale delle cose, il mondo dell’arte visiva non mi pare affatto innovatore, né nel “messaggio” né nell’approccio ai nuovi media. Ritengo che la mia formazione si sia sviluppata soprattutto negli ambienti scientifico e musicale.

Nulla di davvero interessante?
Nutro molto interesse per la Bioarte e attualmente mi appassionano i lavori di Jane Alexander e di Charlie White. Dopo l’ideazione di un concept mi piace documentarmi, trovare analogie con altri artisti e risalire alla loro storia personale.

Come definiresti il tuo lavoro?
Semi-sintetico. Il processo creativo e i media che utilizzo hanno a che fare con un’idea di ibridazione tra mondo naturale e artificiale.

Com’è andata la tua personale da Guido Costa?
Sono molto soddisfatto. Sono riuscito a esprimermi al meglio: il risultato mi pare un giusto equilibrio tra idea e forma.
Diego Scroppo - Senza luce #6 - 2007 - resina, polveri metalliche, vetro e pittura semisintetica su plexiglas
Tutto bene anche con chi si occupa di promuovere il tuo lavoro?

Ho la fortuna di lavorare con persone che reputo amici, dalle quali sto imparando moltissimo. Mi sento stimolato a mettermi in discussione e a rinnovarmi. In più c’è stima reciproca: questa è una condizione mentale privilegiata.

Che tipo è Diego Scroppo?
Incosciente e spregiudicato. Due difetti che mi hanno dato la spinta per ottenere non poche soddisfazioni. Cerco di mettere lo stesso entusiasmo anche nella vita di tutti i giorni. Solo che il tempo che dedico ad altre cose è talmente poco...

Te ne stai chiuso in studio per molte ore?
Non posseggo un vero e proprio studio. Lavorando con professionisti specializzati spesso il processo creativo si articola tra diversi spazi. La prima fase, quella di ricerca e d’ideazione, si svolge a casa. Molto importante è anche il luogo che ospiterà i lavori. Mi piace percepirne la storia. Quando è possibile cerco di portare a termine le opere direttamente sul posto, là dove verranno esposte.

Diego Scroppo - Genesi - 2003 - pittura semisintetica su lastra radiografica - cm 10x16I tuoi lavori stanno raccogliendo consensi?
Finora il bilancio è fatto di consensi e silenzi, quindi posso ritenermi soddisfatto. Una cosa che mi piace fare è cogliere dal vivo le espressioni dei volti.

Vivi a Torino. La ritieni una fortuna?
Ho un rapporto di autentico odio-amore con la mia città. Per alcuni versi mi avvelena, per altri la sento come il posto ideale per creare. Da Torino si può ricevere molto.

Arte e attualità socio-politica in che rapporti sono?
Credo che l’arte abbia la possibilità di guardare anche e soprattutto oltre la condizione attuale delle cose.

Tra i giovani artisti italiani chi secondo te ha delle chance per emergere sulla scena internazionale?
Ha qualche chance chi riesce a muoversi molto. Più che il talento, almeno agli inizi, conta la situazione logistica. Se poi come “arte” non intendiamo soltanto l’arte visiva, allora penso che i maturi per la scena internazionale siano i Verdena.

articoli correlati
La personale da Guido Costa a Torino

exibinterviste – la giovane arte è una rubrica a cura di pericle guaglianone


bio: Diego Filippo Scroppo nasce a Torino nel 1981. Personali: Senza luce, Guido Costa Projects, Torino, 2007. Collettive: Gemine Muse, a cura di O. Gambari, Armeria del Castello di Racconigi; Genius loci, a cura di G. Curto, Parco del Castello di Racconigi, 2006.

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 46. Te l’eri perso? Abbonati!

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Charlie White, Diego Scroppo, Jane Alexander, Pericle Guaglianone
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram