exibinterviste – la giovane arte - Matteo Bergamasco 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Matteo Bergamasco

   
 Ama l’arte di Beato Angelico ed è pronto a sdoganare la parola eternità. Folgorato dal confronto con critici e giornalisti, si dichiara un ex introverso. Il suo studio è a Milano e non ha nessuna intenzione di cambiare domicilio... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Iniziamo parlando di influenze. Quali sono gli artisti cui hai guardato con più interesse?
Preferisco fare un solo nome, anziché stilare il solito elenco ovviamente incompleto.

E sarebbe?
Beato Angelico.

Caspita. Questa sì che è una risposta glocal...
Vero. Mi sono spesso ritrovato con lui, con le sue opere, in momenti particolarmente intensi della mia vita, e la sua arte mi ha sempre parlato donandomi un nuovo punto di vista.

Che formazione hai?
Liceo Scientifico e Accademia di Brera, ma è chiaro che il curriculum non è tutto. Hanno la loro importanza anche i muri o gli specchi contro i quali ho sbattuto, le sperimentazioni estreme condotte su corpo e mente, le parole di due o tre amici che scrivevano libri e le dritte di quelli che stanno di là... Ultimamente ho anche rivalutato la mia infanzia trascorsa per templi in Grecia.

Quando ti sei deciso per l’arte?
Ho sempre saputo che avrei fatto l’artista. Magari con qualche sfumatura negli anni: prima il madonnaro, poi il fumettista, quindi il pittore romantico e “maledetto”, infine quello che sono adesso.

Ovvero? Te la senti di presentare la tua pittura?

Ho dipinto e disegnato cose molto diverse tra loro... A volte sono resoconti di qualcosa che è successo, delle tracce, dei diari; altre volte sono dei viaggi un po’ magici che mi insegnano ciò che già so o, meglio, mi fanno vedere ciò che già sappiamo. Vivo l’arte come un’operazione funzionale all’Opera (per quelli che la chiamano così). Non so assolutamente quello che farò domani e sto cercando di seguire le tappe del piano giorno per giorno.
Matteo Bergamasco - Doppia visione notturna con civetta - 2007 - olio su tela - cm 240x300
Com’è andata Il Portale Eterico, la tua personale da Bonelli?
Molto bene. Anche se preparata in pochi mesi, la mostra raccoglieva il lavoro e le esperienze di un paio d’anni. È stata l’occasione per condividere una ricerca che iniziava a sembrarmi troppo segreta, solitaria, mentale. Un progetto che considero tuttora un “esperimento di vivisezione della coscienza”. Da quel momento credo di aver compreso che certe cose si possono tranquillamente dire e fare.

L’arte può prescindere dall’attualità?
Sono convinto che un artista debba confrontarsi con il mondo che lo circonda, con l’attualità socio-politica e con le ricerche in campo scientifico e tecnologico. Ma credo pure che prima di rivolgersi alla contemporaneità, sarebbe auspicabile dare un’occhiata all’eternità. O almeno rendersi conto che lo stiamo già facendo.

Che rapporto hai con gli addetti ai lavori?
Mi piace molto confrontarmi con i critici, fare interviste, incontrare giornalisti, parlare alle conferenze. In realtà sono piuttosto stupito di questa cosa. Mi ero messo in testa di essere un introverso, e invece... È molto bello ricevere input, recepire idee che ti sorprendono. Non mi piace quando il confronto si limita al mandare foto e al ricevere indietro parole.
Matteo Bergamasco - Drago (003) - 2007 - olio su tela - cm 50x70
Com’è il tuo studio?

Lo spazio è organizzato per zone: c’è quella delle piante e degli insetti, quella musicale, quella dell’oggettistica, della lettura e della scrittura. La sistemazione delle cose è molto importante. Avevo pure pensato di avviare un vero e proprio “studio” sul funzionamento del mio... studio. Scuserai il bisticcio linguistico. Sarebbe interessante analizzare il tempo di stazionamento dei pennelli vicino al lavandino, lo svuotamento dell’immondizia, lo spostamento da una zona all’altra dei bozzetti, l’ingresso di nuovi oggetti... Tutto con piantine, dati e grafici.

Resti in Italia o all’orizzonte c’è un soggiorno all’estero?
Ho sempre vissuto e lavorato a Milano. Per adesso mi piace stare qui e spostarmi per viaggi medio-brevi in altre città.

articoli correlati
Personale da Bonelli a Mantova

exibinterviste – la giovane arte è una rubrica a cura di pericle guaglianone


bio: Matteo Bergamasco è nato a Milano nel 1982. Personali: Other worlds (the way vision becomes hyper space), MMGalleries, San Francisco, 2007; Il portale eterico, Bonelli arte contemporanea, Mantova, 2006; 24 flaconi + Il flacone della morte, Chiesetta di Sant’Anna, Repubblica di San Marino, 2004). Collettive: IM 02 - L’immagine sottile: opere per la collezione della Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone, a cura di A. Bruciati, GC.AC, Monfalcone; L’incanto dell’illusione, a cura di A. Pedrani, Laboratorio Argelati, Milano; Arte Italiana, 1968-2007, a cura di M. Sciaccaluga e V. Sgarbi, Palazzo Reale, Milano; Il grande disegno, a cura di E. Gusella, Fabbrica Borroni, Bollate, 2007; Senza famiglia. Storie di amicizia nell’arte italiana, a cura di L. Carcano, Promotrice delle Belle Arti, Torino, 2006; Lavorare non per la piramide-mente, Stecca degli Artigiani, Milano; Miracolo a Milano, a cura di A. Riva, Palazzo della Ragione, Milano, 2005; Italian paintings: A new landscape, Galerie Hof en Huyser, Amsterdam; Allarmi, a cura di I. Quaroni, N. Mangione, A. Trabucco, I. Zucca Alessandrelli, Caserma de Cristoforis, Como, 2004; Premio Paolo Parati, RinascitArte, Vittuone; Italian Factory. La nuova scena artistica italiana, a cura di A. Riva, Istituto di Santa Maria della Pietà, Venezia, 2003.

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 47. Te l’eri perso? Abbonati!

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Beato Angelico, Matteo Bergamasco
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram