exibinterviste – la giovane arte - Simone Bergantini 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Simone Bergantini

   
 Si dichiara un autodidatta della fotografia. Ma è cresciuto in mezzo agli artisti e si è laureato in storia dell’arte. Lucido e autoironico, ragiona di mercato e di metodologia di lavoro. E come molti, sta per sbarcare a Berlino... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Quando hai capito di poter fare sul serio?
Quando ho venduto la prima fotografia. E ho pensato di proseguire quando i collezionisti sono diventati troppi... Cerco sempre di parlare con leggerezza di questo investimento sociale e lasciare che tutta la profondità si traduca nella superficie delle mie immagini.

Che formazione hai?
Ho avuto la fortuna di crescere in una famiglia che da sempre frequenta il mondo dell'arte. Ho avuto modo di relazionarmi quotidianamente con pittori, scultori, critici e collezionisti. Poi mi sono laureato in storia dell'arte contemporanea alla Sapienza, seguendo le lezioni dei professori Di Giacomo e Zambianchi, cui oggi riconosco il merito di non aver ingabbiato il mio pensiero. La fotografia è stata una scelta successiva e relativamente recente. In quel momento rappresentava la cosa più lontana dalla mia vita ma anche la tecnica più immediata cui potessi accedere per affermare una mia autonomia espressiva, per esprimere con immagini alcune tematiche che sentivo esplodermi dentro. A oggi mi considero un buon autodidatta. Ho imparato sul campo: nella mia casa-studio c'è un armadio con tutti i miei sbagli e un piccolo cassetto in cui conservo i negativi rappresentativi della mia poetica.

In tre righe come presenteresti il tuo lavoro?
Farei così: disporrei queste tre righe su una superficie piana a formare un grafico ortogonale xyz.

Simone Bergantini - Giuseppe dal ciclo Seminario sull’infanzia - 2007 - stampa a getto di inchiostro fissata sotto plexiglas per la copia unica - cm 200x150 / stampa a getto di carboncino su carta cotone - cm 110x82 (3/3) e 60x45 (9/9) + 1 p.d.a.Allora vediamo di prenderla alla larga... Un tuo pregio?
Quello che mi riconosco come un pregio è la capacità di rinnovare la forma mantenendo il baricentro nei contenuti. Anche se alcuni dicono che questo potrebbe essere il mio difetto.

Il tuo pantheon di riferimento?
Emilio Cafiero, Gerhard Richter, Roger Ballen, Michelangelo, Gilbert & George, Kounellis, Jeff Koons, Antonello da Messina, Ettore Guatelli, Bronzino, Rembrandt, Canova, De Kooning, Duchamp, Bresson, Enrico Ghezzi, Fassbinder, Herzog, Antonioni, Fellini, Jonh McEntire, Battiato, Chris Cunninghum, Boltanski... Forse è meglio smettere, più ne scrivo più ne dimentico.

Arti visive e attualità socio-politica in che rapporti sono?
Sia l'arte che la nostra attualità socio-politica sanno che devono tenere la testa bassa per tutte le marachelle commesse. Per quello che mi riguarda due mie opere le ha acquistate un senatore, e questo mi sembra già un grande risultato.

Sei soddisfatto di come viene interpretato un tuo lavoro? In che rapporti sei con chi scrive d’arte?
Ti sembrerò cinico ma spero si capisca il senso profondo di quanto sto per dire. Secondo me a un certo livello non c'è migliore interpretazione di un lavoro che non sia il suo acquisto. È ovvio che non tutti possono acquistare un’opera d'arte e che, soprattutto, non tutti possono acquistare alcune costosissime opere d'arte, quindi capisco quanto sia discutibile questo mio modo di pensare, che è riferito squisitamente a quello che io individuo come principale sistema di qualificazione di un'opera inserita nel "mercato dell'arte". D’altro canto devo pure confessare che le migliori interpretazioni vengono spesso fornite da chi non si occupa affatto di arte. Con i critici e con la stampa mantengo ottimi rapporti, non sono ancora sufficientemente famoso per potermi permettere dei nemici.

Come avviene nel tuo caso l’approccio al lavoro?
Ho due modi di lavorare. Il primo, quello che prediligo come uomo, è legato al camminare. Alcune mie immagini traducono circostanze del mondo in cui riconosco un qualcosa che mi riporta alla mia natura profonda di essere umano. Confesso però che quando parto non lo faccio mai volentieri: i viaggi mi costringono a vedere cose profonde e dolorose, mentre a casa, nel mio studio, dove sto bene con me stesso, produco un altro tipo di immagini, più cerebrali, più intellettuali forse. Per l'ultimo ciclo di lavori Seminario sull'infanzia ho trovato un compromesso: costruivo dei set assumendo a studio grandi strutture industriali abbandonate. Ora vivo tra Milano e Roma ma sto per aprire il mio primo vero studio a Berlino. Spero di renderlo attivo per la fine di agosto.
Simone Bergantini - RM041SB dal ciclo La città plausibile - 2004 - stampa su carta baritata - cm 60x40 - ed. 3/3 + 1 p.d.a.
Quale la mostra che non scorderai?

Sicuramente la prima, a Milano. Una piccola personale in una stanza d’albergo. La ricordo veramente bene: fu la prima volta che degli sconosciuti espressero dei giudizi sul mio lavoro.

Un artista che ritieni particolarmente bravo?
Qualche settimana fa sono andato a trovare in studio Pierluigi Febbraio, un mio coetaneo romano. Ho avuto l’impressione che in lui ci fosse poesia e ho visto nei suoi nuovi lavori una crescita formale incredibile; se avrà la forza di insistere e la fortuna di trovare dei validi sostenitori credo possa fare grandi cose.

Un’ultima battuta?
Approfitto e la sparo grossa: posso propormi per una copertina di “Exibart.onpaper”?

articoli correlati
Premio Cairo 2007, ecco i venti finalisti

exibinterviste – la giovane arte è una rubrica a cura di pericle guaglianone


bio: Simone Bergantini è nato a Velletri (Roma) nel 1977; vive a Milano e Roma. Personali: Il sesto continente, FlashArtShow, room Romberg, Milano 2005. Collettive, premi, eventi: Vai. Vespa arte italiana, a cura di V. Dehò, Museo Piaggio, Pontedera (PI), 2008; Premio Cairo 2007, Palazzo della Permanente, Milano; SerrONE, Biennale Giovani, Monza 2007; Rom[A]berg, Romberg artecontemporanea, Roma; MiArtXI2006, Milano, stand Romberg 2006; Attraverso la fotografia, BW Project Breaking Waves, Bagnarola (BO); Reality, Palazzo Parissi, Monteprandone (AP); Altre voci, altre stanze, a cura di A. Riva, Catania Arte Fiera; Premio Celeste 2005, Palazzo Pubblico, Siena; Se telefonando..., PiziArte, Teramo 2005; La Quadratura del paesaggio, Flash Art Fair, room Romberg, Milano; PagineBianche d’Autore, Regione Lazio; Patti chiari!, RipArte 2004, suite Romberg, Roma; Terapia di gruppo, Romberg, Latina 2004.


*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 48. Te l’eri perso? Abbonati!

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Antonello da Messina, Antonioni, Battiato, Boltanski, Bresson, Bronzino, Canova, De Kooning, Duchamp, Emilio Cafiero, Enrico Ghezzi, Ettore Guatelli, Fassbinder, Fellini, Gerhard Richter, Gilbert & George, Herzog, Jeff Koons, Kounellis, Michelangelo, Pierluigi Febbraio, Rembrandt, Roger Ballen, Simone Bergantini
 

8 commenti trovati  

29/03/2011
gianni politi
le parole di un artista sincero.
grazie.


24/04/2008
Topexan, Valdimitria
Quando le raccomandazioni e i calci nel c*** non contano insomma...

21/03/2008
C
Un giorno, il "Signor Qualcuno", disse:

"'E' sempre all'imperfetto dell'obiettivo che coniughi il verbo fotografare.'
Un'immagine, un odore, una musica in tre tempi mi bastano perchè riaffori in me un ricordo personale"

Bravo...
...


21/03/2008
M.
complimenti simone, dall'intervista si intuisce la tua intelligenza d'animo

19/03/2008
fabrizio pizzuto, roma
forza simone

19/03/2008
E., Milano
Il tuo continuum di consapevolezza tanto dà a chi è appassionato d'arte, grazie.
Non dimentico quella commozione di fronte alla tua autenticità d'artista.
Con una mano sul cuore.
E.


19/03/2008
fabrizio
complimenti, bella intervista, sincerità e consapevolezza

18/03/2008
Piero Roi
In bocca al lupo Simone.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram